Feed RSS del blog Seguici su Twitter Seguici su Facebook Segnala questa pagina via email

Viaggiare
Leggeri

Il blog di ViaggiareLeggeri, archivio 07/2012 

Gli articoli del diario minimo di un italiano all'estero, 07/2012

F-18 Super Hornet a Farnborough 2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 31-07-2012 alle 18:53 | 4 commenti  | Permalink
Ancora qualche foto scattata al Farnborough Air Show di qualche settimana fa. Questa volta tocca al Boeing F-18F Super Hornet, la versione aggiornata e maggiorata del McDonnell Douglas F-18C/D.

F-18F in decollo a Farnborough



Tags: aviazione, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Trasporti pubblici londinesi, giornata di fuoco

Scritto da ViaggiareLeggeri, 30-07-2012 alle 11:00 | 0 commenti  | Permalink
Ah, finalmente e' finito il weekend e possiamo tornare al lavoro.

No, non sentirete spesso una frase del genere. Soprattutto non la sentirete a Londra, che in queste settimane si sente la capitale del pianeta, grazie ai Giochi Olimpici, e soprattutto non oggi, primo giorno in cui il traffico olimpico e il traffico dei pendolari si incontrano. Chi vi scrive e' partito alle 07,30 di stamattina, in auto, da un piccolo villaggio a sud dell'aeroporto di Heathrow chiamato Stanwell Moor, ha parcheggiato alla stazione della metropolitana di Hounslow West, da li' ha preso la Piccadilly Line fino ad Hammersmith, e li' ha preso la Circle Line fino a Paddington Station. Sulle strade il traffico e' fluido, rallentato solo dalle contraddittorie indicazioni relative alla "Olympic Lane", la corsia riservata al traffico delle auto ufficiali dei Giochi: un cartello luminoso dice "All traffic use all lanes", il successivo "Olympic traffic in Olympic lane only", che potrebbe voler dire 'il traffico olimpico puo' solamente utilizzare la corsia olimpica' oppure 'solo il traffico olimpico puo' utilizzare la corsia olimpica'. Nel dubbio, il traffico si e' buttato sulla corsia piu' a sinistra, salvo poi - al successivo cartello "All traffic use all lanes", riaprirsi a ventaglio per occupare tre corsie. Il parcheggio a Hounslow era lievemente piu' affollato del solito, e il treno della Piccadilly line delle 07:50 aveva piu' turisti in arrivo da Heathrow che pendolari (piu' valigie e trolley che borsette e borse per laptop). Il treno della Circle Line era piu' pieno del solito, tanto che una bellissima e misteriosa ragazza italiana, che stava leggendo il sito di Repubblica sullo smartphone, mi si e' seduta di fianco (di solito la mia somiglianza col gobbo di Notre Dame e con Jeffrey Dahmer previene questi incontri); al mio sussurrato "Italiana?" ha risposto solo, guardandomi, con un lieve cenno della testa. A Paddington, alle 08:40, il traffico pedonale era intenso come sempre, ma finalmente e' stata aggiunta una barriera (e una persona) a separare i pedoni diretti dalla stazione ferroriaria e dalla Bakerloo Line da quelli che vanno verso la stazione della Hammersmith/Circle Line. E qui finiscono le mie impressioni personali sul traffico mattutino.

Secondo TFL, Transports For London, oggi sara' il giorno di maggior traffico presso London Bridge: la raccomandazione e' di evitare completamente questa stazione. La stazione ferroviaria ("London Bridge National Rail station") operera' solo come uscita dalle 18,00 alle 22,00; stazioni alternative: Charing Cross, Cannon Street, Victoria e Blackfriars.

Sezioni della metropolitana in cui il traffico sara' piu' intenso:


- Central line: tra Chancery Lane e Stratford; stazioni piu' affollate: Bank, Bond Street, Chancery Lane, Holborn e St. Paul's;
- District line tra Between Earl's Court e Southfields; stazioni piu' affollate: Fulham Broadway.
- Jubilee line: tra Wembley Park e Stratford; stazioni piu' affollate: Bond Street, Canary Wharf, London Bridge e Southwark.
- Northern line: tra London Bridge eKing's Cross St. Pancras; stazioni piu' affollate: Bank, Euston, King's Cross St. Pancras, London Bridge e Old Street.
- Piccadilly line: tra Holborn e Earl's Court; stazioni piu' affollate: Holborn e King's Cross St. Pancras.
- Docklands Light Railway: tra Canning Town e Prince Regent, e tra Bank e Greenwich; stazioni piu' affollate: Bank e Canary Wharf.

L'area di Greenwich Park sara' affollata per le competizioni equestri. Altre aree in cui si svolgeranno competizioni:

- Earl's Court
- ExCel
- Horse Guards Parade
- Lord's Cricket Ground
- North Greenwich Arena
- Olympic Park
- Royal Artillery Barracks
- Wembley Arena
- Wimbledon

Altre informazioni per chi viaggia a Londra


Variazioni ai percorsi degli autobus: http://info.tfl.gov.uk/re?l=9xk2ztI2vcv006I0
Mappa delle 'zone calde' di Londra: http://info.tfl.gov.uk/re?l=9xk2ztI2vcv006I1

Infine, il meteo


Oggi sara' una giornata di fuoco solo per il traffico, non certo per la temperatura. Sono previsti 19-20 gradi, con rischio pioggia soprattutto intorno alle 16. Metoffice.gov.uk e' il sito piu' adatto a trovare previsioni meteorologiche accurate.


Tags: avvisi ai viaggiatori, Londra e dintorni, Olimpiadi Londra 2012, trasporti pubblici

Olimpiadi 2012: inaugurazione, ciclismo, pubblico, Taiwan

Scritto da ViaggiareLeggeri, 29-07-2012 alle 00:31 | 3 commenti  | Permalink
Note sparse sulle Olimpiadi 2012 di Londra viste da uno che a Londra ci vive, volente o nolente, tutto l'anno...

La cerimonia inaugurale delle Olimpiadi, ieri sera, m'e' parsa molto, forse troppo auto-celebrativa. O meglio, m'e' sembrata adatta, perfetta, per un pubblico britannico o residente in Gran Bretagna, meno adatta ai miliardi di persone che da queste parti non hanno mai messo piede. Ma potrebbe essere stata una scelta didattica degli organizzatori del LOCOG e di Danny Boyle, il regista dell'evento.

Tutte le comparse vestite con cappello a cilindro, basettoni e sigaro in bocca, durante il segmento dedicato all'industrializzazione della Gran Bretagna, chi interpretavano? Non Abramo Lincoln, come molti spettatori statunitensi hanno creduto: era Isambard Kingdom Brunel (1806-1859), l'ingegnere simbolo dell'inventiva britannica durante la rivoluzione industriale, e secondo miglior Briton di tutti i tempi, secondo un programma televisivo di pochi anni fa. E dubito che in Italia - o negli USA, o in Polonia - sia stato colto l'accenno alla sigla iniziale della popolarissima serie televisiva Eastenders. O che sia stata compresa l'imporanza del Great Ormond Street Hospital (quel "GOSH" fatto di luci, visto nello stadio dall'alto). E le menzioni del rock, dei mod (Paul Weller e i Jam), i rave party, e Relax dei Frankie Goes To Hollywood, censurata quasi trent'anni fa. E il mescolare serieta' e leggerezza, vita e morte, gli incubi notturni dei bambini e Mr. Bean che scoreggia, James Bond con la regina, e il pubblico invitato a ricordare i caduti della prima guerra mondiale, dovunque essi siano. In un tono allegro e tragico, umile e orgoglioso, creativo e meticoloso. Come gli abitanti di quest'isola.

Passiamo al ciclismo. Durante tutta la corsa di oggi, la BBC ha dato per scontato che la tattica del Team GB di controllare il 'gruppo' fosse la piu' adatta a portare Mark Cavendish allo sprint finale e alla vittoria. Mossa sbagliata, Cavendish e' arrivato ventinovesimo e ha pure dato la colpa alle altre squadre che non hanno collaborato. Mark, parli seriamente? Sei il favorito di una gara, corri in casa, e ti aspetti pure il sostegno degli avversari?

E veniamo ora al pubblico, ed evitiamo giri di parole: ci sono tanti posti vuoti, durante questo inizio di Olimpiade. Sara' che tanti eventi si seguono meglio sul divano di casa, davanti alla tv. Sara', soprattutto, che i biglietti per questi Giochi Olimpici non erano facili da ottenere, perlomeno per chi vive in Gran Bretagna, tanto che conosco solo una persona che ne ha (quattro, per una partita di basket della Lituania). Ecco cosa succede quando si vendono dei biglietti a centinaia e a migliaia di sterline, e quando li si offre a sponsor che di sport e di spirito olimpico s'interessano meno che della lanugine che hanno nell'ombelico: ti ritrovi con stadi semivuoti. Speriamo saltino fuori biglietti ufficiali, ora, a prezzi abbordabili, o magari anche gratis, che non mi dispiacerebbe.

La bandiera OLIMPICA di TaiwanLa VERA bandiera di Taiwan Pensierino finale della giornata (anzi, pensierino iniziale, visto che in Italia e' gia' domenica): mi farebbe piacere vedere Taiwan, che alle Olimpiadi deve presentarsi sotto lo pseudonimo "Chinese Taipei", vincere qualche medaglia. Tante, magari, giusto per imbarazzare un po' i loro minacciosi vicini. E giusto per rafforzare quest'augurio, ecco le due bandiere di Taiwan, quella che i taiwanesi devono utilizzare alle Olimpiadi per evitare d'irritare il vicino gigante "comunista" e quella vera.


Volete dire la vostra? Visitate Olimpiadi Londra 2012, le vostre impressioni, nel forum.

Tags: eventi, Gran Bretagna, Olimpiadi Londra 2012, sport, Taiwan

Canali intorno a Paddington Station - 26.07.2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 28-07-2012 alle 07:22 | 0 commenti  | Permalink
Foto scattate presso il Regent's Canal e il Paddington Basin, a due passi dalla stazione ferroviaria di Paddington, a Londra.
Macchina Olympus E-P1 con obiettivo CCTV 25mm f.1,4.

Ufficio sul canale

Uffici sul Regent's Canal




Tags: fiumi e laghi, foto, Londra e dintorni

Foto di Londra, 26.07.2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 27-07-2012 alle 15:19 | 40 commenti  | Permalink
Alcune foto scattate a Londra il giorno prima dell'inaugurazione delle Olimpiadi. La macchina e' una Olympus E-P1, formato m4/3. L'obiettivo e' un obiettivo 25mm/f1.4 per telecamere a circuito chiuso, pagato circa 11 sterline su eBay.

Centro commerciale Westfield, vicino alla stazione metro Wood  Lane

Centro commerciale Westfield, vicino alla stazione della metropolitana di Wood Lane.


Tags: foto, foto Gran Bretagna, Londra e dintorni

Compra una macchina fotografica, ma guai se la usi!

Scritto da ViaggiareLeggeri, 27-07-2012 alle 11:55 | 1 commenti  | Permalink
Pubblicita' vista alla stazione della metropolitana del Terminale 5 a Heathrow. Vicino al messaggio pubblicitario di Canon, che invita ad acquistare una macchina fotografica, c'e' un cartello che vieta l'uso delle macchine fotografiche.

Come dire: compra la nostra fantastica macchina fotografica (Canon, Nikon, Sony, Pentax, Olympus, non importa), ma ricordati che usarla ti sara' quasi impossibile. Vietato fotografare persone perche' han diritto alla privacy, bambini perche' hanno diritto a piu' privacy, edifici pubblici perche' senno' ti fermano come potenziale terrorista, eventi sportivi perche' non sei un professionisti autorizzato. E se andate alle
Olimpiadi 2012, preparatevi ad ulteriori restrizioni.

Ma chi ve l'ha fatto fare, di comprare una macchina fotografica?

Vietato fotografare, lascia la Canon a casa


Per fortuna in Italia ci sono meno divieti per chi vuole scattare una foto. O no?


Tags: diritto di fotografare, foto, fotografia, Gran Bretagna, pubblicità

In Egitto, la Stella non e' Artois

Scritto da ViaggiareLeggeri, 26-07-2012 alle 14:35 | 0 commenti  | Permalink
Se vi allontanate dalla zona alberghiera di Sharm el-Sheikh, piena di negozi che vendono tutti le stesse cose per turisti, e andate a visitare la citta' vecchia di Sharm, troverete negozi meno curati, strade meno recenti, occasionalmente qualche buon affare, e l'unico negozio egiziano con i prezzi esposti. Ma se provate a chiedere una birra...

Sono partito per l'Egitto dalla Gran Bretagna. Qui sono popolari molte birre, e una delle piu' popolari e' la bionda Stella Artois. Pubblicizzata in tv, lungo la metropolitana, presente in ogni pub, questa birra viene ordinata sempre e solo come "Stella" (la stessa cosa succede in Italia, mi pare, ma sentitevi liberi di smentirmi nei commenti a fondo pagina).

Sharm, come sapete se ci siete stati, e' piena soprattutto di turisti italiani, britannici e russi. Ti siedi in un bar o in un pub e chiedi di vedere il menu'. Non te lo portano, e in un inglese decente, o in un altrettanto comprensibile italiano, ti dicono che hanno varie birre, tra cui la "Stella". La ordini, la paghi sette euro, e quando ti arriva... scopri che non e' la Stella Artois. E' invece una birra poco saporita la cui bottiglia sfoggia l'orgoglioso adesivo "Authentic Egyptian". Vorreste rispedirla indietro, ma ... sorridete per il bidone subìto, bevete la vostra Stella egiziana e ve ne andate.

La Stella, (quasi) nota birra egiziana


Tags: birra, Egitto, foto, truffe

ENAC: lingua italiana obbligatoria sui voli da e per l'Italia

Scritto da ViaggiareLeggeri, 25-07-2012 alle 00:30 | 0 commenti  | Permalink
Sali su un volo diretto dall'Italia verso una Nazione estera. La linea aerea e' straniera, tu l'inglese lo parli bene, ma vedi un paio di signore anziane che si guardano in giro preoccupate: cercano un assistente di volo che le capisca. Lo troveranno? E' lecito aspettarsi che il personale di bordo parli l'italiano? Ci sono opinioni discordanti in proposito:

Per qualcuno, gli assistenti di volo devono solo conoscere l'inglese:
(...) la compagnia aerea è irlandere e nessuno di loro è tenuto a parlare qualunque altra lingua diversa dall'inglese.

Per altri, nessun'altra lingua e' consentita:
Per prima cosa vorrei ribadire che gli AAVV di Ryanair devono solamente parlare inglese, nessun altra lingua è consentita, a parte in rare occasioni.

Altri ancora puntano il dito verso la scarsa propensione italica a piegarsi a parlare inglese (*):
(...) vi lamentate che nessuno degli assistenti parli italiano.... lo non sono tenuti. e voi? che giustificazione avete per non parlare inglese?

(*) Verificata di persona a Sharm el-Sheik, dove si sono adattati gli egiziani, a parlare italiano.

In realta, l'uso della lingua italiana a bordo dei voli diretti verso l'Italia o in partenza dal Belpaese non viene lasciato al caso: l'ENAC, l'autorita' italiana per il trasporto aereo civile, ha un documento intitolato Regolamento sull'uso lingua della italiana a bordo degli aeromobili che operano in Italia che dice ...

Tags: assistenti di volo, ENAC, leggi e regole, linee aeree, lingue

Londra, avvisi per chi viaggia - 24.07.2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 24-07-2012 alle 12:54 | 0 commenti  | Permalink
Siete a Londra per le Olimpiadi, per una vacanza-studio, per lavoro o perche' semplicemente vi piace Londra? Avrete piu' gente intorno, nei prossimi giorni. Nei green dove fino a pochi giorni fa si trovavano passerotti e un paio di vecchietti, ora ci sono dozzine di adulti che giocano a cricket, a frisbee, o a guardare le nuvole. Sulle tratte della metropolitana meno frequentate troverete vivaci comitive in cerca di destinazioni 'alternative'. E a Heathrow ... beh, buona fortuna. Ma non fasciamoci la testa prima di romperla: folle e adunate oceaniche non sono un male, purche' non si sia tutti in uniforme, con un tizio che dal palco lancia proclami ...

Il bollettino odierno di TFL (Transport For London), visibile qui (e qui per chi naviga in rete con cellulari e smartphone) offre oggi le seguenti segnalazioni e raccomandazioni:

Stazione di Paddington


Sara' molto piu' affollata del solito. I tempi d'imbarco sui treni saranno superiori ai 15 minuti in alcuni giorni. I tempi previsti, giorno per giorno e ora per ora, sono pubblicati qui.

Specifici problemi


- Venerdi' 27 luglio: ultimo giorno della staffetta della torcia e giornata della cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici. Evitate l'area di Stratford dopo le 15,00 se non avete un biglietto per la cerimonia.

- Sabato 28 luglio / domenica 29 luglio: corse ciclistiche su strada, sia maschili che femminili. Evitate di guidare in centro e nel sud-ovest di Londra.

- Lunedi' 30 luglio: equitazione (Concorso completo), evitate la stazione della metropolitana di London Bridge in quanto sara' eccezionalmente trafficata.

- Venerdi' 3 agosto / sabato 4 agosto: iniziano le competizioni allo Stadio Olimpico. Stratford sara' eccezionalmente trafficata in questi giorni; evitate l'area a meno che il vostro viaggio sia essenziale. (No, una visita ad un pub di cui avete sentito parlare molto bene non e' essenziale e difficilmente vi ripaghera' delle ore di coda).

Ricordo ai lettori che Stratford non e' Stratford-upon-Avon, citta' natale di William Shakespeare. E' invece un quartiere di Londra, situato nell'area orientale della citta', e li' si trova l'Olympic Park, con il villaggio olimpico, l'Olympic Stadium e il centro per gli sport acquatici. La stazione di Stratford viene utilizzata sia per linee ferroviarie che per le linee Jubilee e Central della metropolitana di Londra; si trova nella zona 3, ed e' l'area in cui sara' presente il maggior traffico durante le Olimpiadi (e, magari, in cui sara' possibile vedere di sfuggita qualche atleta).

Eventi su strada


Per chi guida ci sono ulteriori giorni cui fare attenzione: il 31 luglio, e nei giorni 1, 2, 4, 5, 7, 11 e 12 agosto e 9 settembre. In questi giorni, gli autobus di linea seguiranno percorsi differenti da quelli standard, e saranno presenti interruzioni della circolazione. Dettagli presso questa pagina

Tags: avvisi ai viaggiatori, Londra e dintorni, Olimpiadi Londra 2012, trasporti pubblici, vivere in Inghilterra

Wing walking a Farnborough 2012: per chi non ha paura di stare all'aria aperta

Scritto da ViaggiareLeggeri, 24-07-2012 alle 07:14 | 0 commenti  | Permalink

Stare seduti su un aereo di linea vi fa venire il mal di pancia? Vedere che le ali dell'aereo su cui volate hanno parti che si muovono vi provoca un attacco di fifa? Quando andate in bici il vento in faccia vi irrita la pelle?

Allora il wing walking non fa per voi. Camminare sulle ali (o anche solo starsene sull'ala di un aereo che vola a volte anche a testa in giu') e' una tradizione del volo acrobatico da quasi cent'anni, e le ragazze del Breitling WingWalkers team hanno tenuto col fiato sospeso il pubblico del Farnborough Air Show 2012 come e piu' dei velivoli ad alta tecnologia che si sono esibiti all'air show.


Tags: da paura, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Chiedere e' un attimo, ma rispondere...

Scritto da ViaggiareLeggeri, 23-07-2012 alle 06:46 | 0 commenti  | Permalink
Ci sono domande a cui nessuno sa dare una risposta. Ci sono domande (ancora di piu') a cui io non so dare una risposta (anzi, a volte sono io a porre domande). E queste domande danzano da sole, da tempo immemorabile, nel forum di ViaggiareLeggeri, in attesa che qualcuno possa, tramite esperienza personale o tramite ricerca e ingegno, dar loro il compagno di viaggio che cercano: la risposta.

  1. Rimborso del solo viaggio di ritorno con ryanair, possibile?, 04/11/2008
  2. Viaggio saltato, 11/11/2008
  3. Ryanair,errore nella scadenza carta identità..., 03/12/2008
  4. Qualcuno sa se è possibile eliminare un bagaglio dalla prenotazione con Ryanair?, 15/01/2009
  5. Reclamo a Ryanair per bagaglio smarrito/rubato, 15/01/2009
  6. RIMBORSO CONTINENTAL AIRLINES, 23/01/2009
  7. Se non mi presento al volo di andata mi annullano anche il ritorno?, 28/01/2009
  8. AIUTO!!volo ryanair con check-in online, 29/01/2009
  9. Quando si vuole anticipare è impossibile........, 29/01/2009
  10. VOLO RYANAIR CANCELLATO PER NEVE, 02/02/2009
  11. URGENTE!!! INFO SU PAGAMENTO IN CASO DI CAMBIO DATA VOLI/CAMBIO NOME PASSEGGERI, 05/02/2009
  12. MODIFICA DATA VOLO/NOME PASSEGGERI NELLA STESSA DATA VOLO, 05/02/2009
  13. Annullamento volo solo andata ma tenere ritorno Rayanair, 11/02/2009
  14. Errore ceck in on line nella compilazione, 19/02/2009
  15. I feeds RSS degli orari delle Ferrovie dello Stato, 24/02/2009
  16. scusate se la domanda sarà stupida, 26/03/2009
  17. (URGENTE) Numero documento della carta bianca?, 11/04/2009
  18. Dopo ALICOS chi provvede al risarcimento del danno?, 14/04/2009
  19. Ryanair: come faccio il check in online?, 15/04/2009
  20. provate questo, 16/04/2009
  21. Tahiti un paradiso poco conosciuto, 18/04/2009
  22. [Ryanair, check-in, bagagli] Aiutooooo, 29/04/2009
  23. Prenotazione Easyjet, ho invertito due lettere del nome, 02/05/2009
  24. Passenger Fee: Italian Domestic Handling Fee, 20/05/2009
  25. Ryanair, volo 29/05 h20.20 Roma-Orio (poi Verona): Abbondonati, 30/05/2009
  26. Prenotazione Ryanair e omonimia, 19/06/2009
  27. Carta di credito e rimborso bagaglio, 19/06/2009
  28. SCAMBIATO I NOMI TRA MAMMA E BEBè, 25/06/2009
  29. RYANAIR, DOVE DEVO ANDARE QUANDO ARRIVO IN AERO...

    Tags: suggerimenti e raccomandazioni

L'ho letto sul giornale, fidati

Scritto da ViaggiareLeggeri, 22-07-2012 alle 12:43 | 1 commenti  | Permalink
I giornali e la televisione sono cose serie, fonti attendibili. Se vi dicono che qualcosa e' successo, allora qualcosa e' successo. Le frasi "L'ho letto sul giornale, l'ha detto la tv!" sono pezze d'appoggio inattaccabili. Ma visto che e' una pigra domenica mattina vi propongo un'ipotesi:

1) Tizio sente da Caio, un tizio al bar dietro l'angolo, che un politico socialista ha fatto cose mirabolanti;

2) Tizio pensa d'avere uno scoop in mano. Un politico socialista ha fatto cose mirabolanti! Tizio ne scrive per i propri lettori;

3) Sempronio legge quel che Tizio ha scritto e segnala che lui - Tizio - non ha fatto il proprio dovere, cioe' controllare che le affermazioni (sentite in un bar e proposte ai ripetute come fossero una scoperta sensazionale) fossero almeno VAGAMENTE attendibili. A Sempronio farebbe anche piacere, se i fatti descritti in quelle affermazioni fossero veri. Ma non lo sono.

4) Tizio riscrive quel che gia' aveva scritto, accusa Sempronio di essere un nemico dei socialisti. Quindi un fascista. La questione della verifica delle fonti viene ramazzata sotto il tappetino del bagno.

5) Meta' dei lettori di Tizio, tornando sull'articolo e trovandolo differente, va dal dottore per un check-up contro l'Alzheimer. L'altra meta' dei lettori di Tizio tiene d'occhio il suo articolo, in attesa di ulteriori silenziose riscritture.

6) Caio emerge e accusa Sempronio d'essere un fascista. Caio aveva letto di quei fatti mirabolanti sui gabinetti di un gabinetto pubblico, e aveva verificato che il politico socialista che pareva aver fatto cose mirabolanti esiste. Verifica delle fonti completata. E chi non e' d'accordo e' un fascista, dice.

7) Tranquillo, Sempronio ripete un paio di volte che, avendo gia' verificato che i 'fatti' presentati nelle affermazioni di Tizio non sono avvenuti, non sono i fatti, ma il comportamento di Tizio ad essere sotto esame. Poi scende sotto casa a mangiarsi una focaccia.

8) Tizio riscrive ancora una volta l'articolo, e anziche' ammettere d'aver fatto un errore e scrivere "OK, non ho controllato le mie fonti, mi dispiace", decide che riscrivere l'articolo da zero, trasformandolo in una lunga, soporifera, cospirazionista tirata in propria difesa. Nella quale dona ai propri lettori questa perla:
Questo episodio conferma ciò che da qualche tempo ritengo sempre più vero: l’unica informazione valida sul web è quella che forniscono i siti dei giornali e delle riviste che possono disporre di strumenti e di redazioni adeguate.

Tizio sta evidentemente accusando il proprio giornale di non disporre di strumenti e di redazioni adeguate.

9) Caio, che di ammettere i propri errori proprio non ha alcuna intenzione, accusa Sempronio di essere parte della "destra tecnocrate della comunicazione".

10) I lettori di sinistra si sentono vagamente presi per il deretano da Tizio e Caio, che hanno scritto di sogni come fossero fatti reali, e che propongono una visione del mondo manichea come quella di un noto politico di Arcore: chi non e' con me e' un fascista/comunista.

11) La neuro arriva e porta via Caio e Tizio, che sbraitano contro Sempronio. Il pubblico osserva, silenzioso.

Ovviamente, niente di quanto ho ipotizzato e' avvenuto. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Per chi si interesa di giornalismo, ecco un link alla carta dei doveri del giornalista, che contiene il seguente paragrafo:
Le fonti

Il giornalista deve sempre verificare le informazioni ottenute dalle sue fonti, per accertarne l'attendibilità e per controllare l'origine di quanto viene diffuso all'opinione pubblica, salvaguardando sempre la verità sostanziale dei fatti.

(..) In qualunque altro caso il giornalista deve sempre rispettare il principio della massima trasparenza delle fonti d'informazione, indicandole ai lettori o agli spettatori con la massima precisione possibile. (...)

Povera carta...

Tags: abrasioni superficiali, fiction, giornalismo, italianità

Eurofighter al Farnborough Air Show

Scritto da ViaggiareLeggeri, 20-07-2012 alle 15:42 | 36 commenti  | Permalink
Decollo breve e spettacolare. Manovre strette. Umidita' da far paura. L'esibizione dell'Eurofighter Typhoon al Farnborough Air Show 2012 e' stata lunga e intensa, col velivolo sempre visibile per gli spettatori.

EFA in fase di decollo



Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Documento d'identita' obbligatorio per i minori che viaggiano

Scritto da ViaggiareLeggeri, 20-07-2012 alle 13:46 | 0 commenti  | Permalink
Viaggiare Sicuri, un servizio fornito dal Ministero Affari Esteri e gestito in collaborazione con l'ACI, ha pubblicato questa notizia che riguarda chi viaggia con un bambino o con un minore:
Documenti per viaggi all'estero di minori: passaporto/carta d’identità

Dal 26 giugno 2012 tutti i minori italiani che viaggiano dovranno essere muniti di documento di viaggio individuale. Pertanto, a partire dalla predetta data i minori, anche se iscritti sui passaporti dei genitori in data antecedente al 25 novembre 2009, dovranno essere in possesso di passaporto individuale oppure, qualora gli Stati attraversati ne riconoscano la validità, di carta d’identità valida per l’espatrio.

Cambia tutto, quindi, per i minorenni in viaggio: passaporto o carta d'identita' individuale. Un cambiamento che rivoluziona la preparazione dei viaggi e che, come ha scritto il Corriere, rischia di creare tanti "naufraghi delle vacanze". Ricordiamo che il commissariato presente negli aeroporti italiani e' abilitato al rilascio del passaporto, cosi' come - ove presente - l'apposito sportello comunale presente, per esempio, a Malpensa.

I passaporti dei genitori che riportano i dati dei figli minori "rimangono validi per il solo titolare fino alla naturale scadenza", come spiega il sito della Polizia di Stato. La stessa pagina del sito della Polizia fornisce ulteriori dettagli sulla normativa ora in vigore:
(Il) minore può viaggiare:

  • con un passaporto individuale, restando in vigore le normative precedenti che consentono l'espatrio del minore (vedi indicazioni a fondo pagina)
  • con la carta d'identità: nella U.E. infatti, con la legge 12 luglio 2011, n. 106, è stato convertito il decreto legge 13 maggio 2011, n. 70 che, all'articolo 10, comma 5, ha modificato l'articolo 3 del T.U.L.P.S. di cui al Regio-Decreto 18 giugno 1931, n. 773, introducendo il principio del rilascio della carta d'identità ai minori.
  • fino a 15 anni, con un certificato contestuale di nascita e cittadinanza (art.7/14 25/11/2009) vidimato dal questore (cosiddetto lasciapassare)


Per richiedere il passaporto per il figlio minore è necessario l'assenso di entrambi i genitori (coniugati,conviventi, separati, divorziati o genitori naturali.) Questi devono firmare l'assenso presso l'ufficio in cui si presenta la documentazione. In mancanza dell'assenso si deve essere in possesso del nulla osta del giudice tutelare.
Se uno dei due genitori è impossibilitato a presentarsi per la dichiarazione, il richiedente può allegare una fotocopia del documento del coniuge firmato in originale con una dichiarazione scritta di assenso all'espatrio (ai sensi del DPR 445 del 2000 legge Bassanini).

N.B. Ricordiamo che per la legalizzazione delle foto (passaporto, lasciapassare) il richiedente deve essere presente (anche se minore), altrimenti l'Ufficiale non può procedere poiché deve verificare al momento che la foto ritragga la persona che lo richiede.

Buone vacanze e buona fortuna. Ne abbiamo bisogno tutti, in casi come questo.


Tags: bambini e minori, carta identità, documenti, passaporto

Meglio Farnborough o RIAT per gli appassionati d'aeronautica?

Scritto da ViaggiareLeggeri, 20-07-2012 alle 10:30 | 0 commenti  | Permalink
Nel corso dell'ultimo anno ho riscoperto quale paradiso possa essere la Gran Bretagna per gli appassionati di aeronautica. Il Brooklands Museum, il Concorde di Hatton Cross, la diffusa passione per il plane-spotting (fotografare e catalogare gli aerei in partenza e in arrivo agli aeroporti). Infine, in luglio, ad una settimana di distanza, il RIAT (Royal International Air Tattoo e il Farnborough Air Show. (Dico "infine" ma potrebbero esserci altre manifestazioni, nei prossimi mesi.)

E parlando di Farnborough Air Show e di Royal International Air Tattoo, qual'e' il migliore, per gli appassionati di aviazione? Vi propongo alcune informazioni per decidere:

Prezzo


- Farnborough: biglietto a 35 sterline, evento relativamente vicino a Londra e a Heathrow. Possibilita' di osservare l'air show dalla collina senza pagare il biglietto (non verificato personalmente, ma so di un amico che fa cosi') e dall'esterno dell'area dell'aeroporto;
- RIAT: biglietto a 39 sterline, aeroporto lontano da Londra (120Km), poche opportunita' per vedere senza pagare.
Vincitore: Farnborough

Esibizione statica


- Farnborough: la maggior parte dell'area espositiva e' dedicata agli operatori del settore. Tanti divieti d'ingresso per i normali appassionati; code e biglietti (4 sterline per un Catalina) per entrare negli aerei esposti. Belli gli F-15, F-16 e F-18 esposti, ma per gli appassionati di prodotti russi (scusate, amo il Flanker) c'era solo un Irkut YAK-130. Non basta l'inconsueta (per me) presenza del Messerschmitt Bf109 di Adolf Galland.
- RIAT: quel che vedi e' visitabile gratis. Oltre a tanti F-16, vari EFA e alcuni Tornado, erano visibili anche dei Mig-29. E un gigantesco C-5. E la presenza del bombardiere invisibile B-2, da sola, fa pendere l'ago della bilancia verso il RIAT.
Vincitore: RIAT

Air Display (esibizioni in volo)


- Farnborough: solo una pattuglia acrobatica di livello, le Red Arrows. Presenti Vulcan, Lancaster e Spitfire; Eurofighter e F-18 sembravano sfidarsi a chi decollava piu' corto. Pero'...
- RIAT: Come sopra, piu' vari spettacolari F-16, il Tornado, il Gripen svedese e il Rafale francese, la pattuglia acrobatica svizzera (se pensate che tutto cio' che viene dalla Svizzera sia quieto e silenzioso, dovete vedere la Patrouille Suisse), il MiG 29.
Vincitore: RIAT

Nel mio personalissimo cartellino, il vincitore e' percio' il Royal International Air Tattoo, almeno per i comuni appassionati. Se invece siete interessati ad acquistare un aereo, andate a Farnborough.

Un Tucano della RAF

Un Embraer/Short Tucano della RAF, presente sia al RIAT che a Farnborough. Ogni occasione e' buona per mostrare foto di aerei, su ViaggiareLeggeri.com!

Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Farnborough Air Show 2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 19-07-2012 alle 23:50 | 50 commenti  | Permalink
Fin da piccolo, i saloni di Farnborough e di Le Bourget hanno catturato il mio interesse. Si tratta di due eventi che si alternano (un anno il Bourget, l'anno seguente Farrnborough) e in cui vengono presentate novita' aeronautiche per i professionisti del settore, e vengono proposte esibizioni statiche e dinamiche di velivoli vecchi e nuovi. Quest'anno, dal 9 al 15 luglio, si e' svolto il Farnborough International Air Show. L'evento si svolge a Farnborough, 40km a sud-ovest dell'aeroporto di Heathrow. Il biglietto d'ingresso costa 35 sterline (bambini e ragazzi sotto i 16 anni entrano gratis se accompagnati da un adulto con biglietto), il parcheggio e' gratuito e un servizio di bus-navetta gratis porta dal parcheggio (ad Aldershot, citta' militare) all'aeroporto. L'organizzazione e' perfetta, ma ... le condizioni meteorologiche non sono superabili neanche con un'ottima organizzazione, e sabato - il giorno in cui sono andato io - ha piovuto quasi tutto il giorno. Meglio portare scarpe impermeabili, la prossima volta.

Ma basta con le parole. Ecco alcune foto, a cui ne seguiranno altre, e piu' tardi, oggi, pubblichero' un confronto con RIAT 2012, l'evento aeronautico della settimana precedente.

Un HAWK della RAF



Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Numeri di telefono Ryanair

Scritto da ViaggiareLeggeri, 17-07-2012 alle 19:13 | 18 commenti  | Permalink
Torno su un argomento su cui sono state scritte gia' tante parole, ma sempre di scottante (ahia!) attualita': i numeri di telefono della Ryanair. La lettrice PaolaPisa, in una discussione sui numero dei call center Ryanair, ha ottenuto all'aeroporto di Pisa tre numeri di telefono per contattare Ryanair. Scrive PaolaPisa:
Si tratta di NUMERI FISSI e NON 899 ecc e INCREDIBILMENTE MI HANNO RISPOSTO SUBITO e risolto il mio problema!!

Ecco quindi i numeri: 00353 818 303030 (numero con cui ho parlato) oppure 0044 871 246 0003 oppure 0044 871 246 0011

Ovviamente la telefonata sarà completamente in inglese, e di quello stretto!! :-) Ma almeno qualcuno ti risponde!!!


Due commenti piu' sotto, BigPeter conferma la validita' di uno dei tre numeri:
Ringrazio Paola Pisa, il (primo) numero è immediatamente raggiungibile, il customer care inglese gentile (!) e sopratutto, a differenza di quanto indicato sul sito Ryanair, il cambio completo del nome mi è costato solo 10 euro contro i 110 dichiarati..


Ricapitolando, i numeri sono:

- 00353 818 303030(usato con successo sia da PaolaPisa che da BigPeter);
- 0044 871 246 0003;
- 0044 871 246 0011.

Buona fortuna, e ... non abusate di quest'informazione: i numeri sono probabilmente di un ufficio prenotazioni, non dell'assistenza clienti!

Aggiornamento


In questa pagina del sito Ryanair ho trovato i seguenti numeri, che non ho provato personalmente:

- +44 871 2460000;
- +353 818 303030 (lo stesso suggerito da PaolaPisa e confermato da BigPeter);
- +353 1 2480856.

Si tratta di numeri dell'ufficio prenotazioni Ryanair. Se usate questi numeri, chiedete aiuto, non pretendetelo...

Aggiornamento 12/12/2012


Ai lettori che raggiungono questa pagina alla ricerca del numero verde gratuito della Ryanair segnalo l'articolo Numero Verde Ryanair.

Aggiornamento 3/05/2013


Aggiungiamo altri due numeri per contattare Ryanair. Si tratta di numeri a pagamento, non di "numeri verdi" gratuiti.

899 01 87 00 (per problemi relativi alla prenotazione online del volo)
899 018 880

Tags: assistenza clienti, Ryanair, telefonia

Reclami Windjet: ci pensa l'ENAC

Scritto da ViaggiareLeggeri, 17-07-2012 alle 08:20 | 12 commenti  | Permalink
I lettori di questo sito scrivono di Windjet dal 2007 (Windjet: i furbetti del low cost), e di solito lo fanno per esporre problemi. Ora l'ENAC (l'autorita' che regola l'aviazione civile in Italia) deve aver notato che i problemi erano troppi, soprattutto all'aeroporto di Palermo, e ha convocato la linea aerea, come spiega questo comunicato stampa:
ENAC CONVOCA URGENTEMENTE WINDJET PER RECENTI DISSERVIZI A PALERMO

L’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile rende noto di aver convocato con urgenza la compagnia aerea Wind Jet in merito ai recenti disservizi che si sono verificati in particolare su voli da e per Palermo e che hanno comportato notevoli disagi ai passeggeri.
La convocazione dell’Enac è volta a chiarire le motivazioni che hanno comportato i disservizi e a verificare il mantenimento dei requisiti della compagnia rispetto alla capacità operativa.

Roma, 15-07-2012

Era ora. Eppure, Windjet non se la cava tanto male, per alcuni lettori: il voto medio che le avete dato e' 5,9, nella classifica delle linee aeree. Saranno stati i dipendenti Windjet, a darle bei voti?

Tags: ENAC, Sicilia, Windjet

La settimana scorsa: RIAT2012, biglietti Ryanair, Google Maps. Sponsorizzato da...

Scritto da ViaggiareLeggeri, 15-07-2012 alle 22:37 | 0 commenti  | Permalink
Il riassunto di quel che e' stato pubblicato su ViaggiareLeggeri nell'ultima settimana. Sponsorizzato da ...

Nuovi articoli nel blog




Nuovi messaggi nel forum

...

Tags: riassunti

Le auto usate in vacanza

Scritto da Ospite, 13-07-2012 alle 21:57 | 0 commenti  | Permalink
Le auto usate dalle famiglie in vacanza sulle strade italiane si riconoscono subito: strapiene fino in cima di ogni oggetto utile al viaggio ed al soggiorno nella località prescelta, oggetti che svelano subito la destinazione delle vacanze.
Quando una famiglia si accinge a ultimare i preparativi per il viaggio molto spesso scopre che lo spazio della propria vettura non è sufficiente ad accogliere comodamente i mille bagagli da portarsi via e quindi inizia il gioco di incastro tra il bagagliaio, i sedili posteriori e ogni piccolo spazio dell’abitacolo. In genere non si mettono in strada le vetture nuove, ma si preferisce orientarsi verso le auto usate di famiglia per ovviare ad ogni piccolo inconveniente stradale che possa rovinare la carrozzeria del nuovo acquisto. Ecco, quindi, che durante l’estate si può vedere la nostra penisola attraversata da station wagon di ogni tipo: soprattutto Renault o Volkswagen Passat familiari; queste ultime sono state considerate molto affidabili ed adatte ai viaggi in famiglia in quanto la dotazione interna non conosce l’usura del tempo ed accoglie i viaggiatori in un abitacolo caratterizzato da reale comodità, grazie ai divani decisamente accoglienti e con una buona dotazione di accessori utili per il viaggio. Ma, ciò che viene apprezzato nella Volkswagen Passat e Renault Laguna è il bagagliaio: decisamente capiente, capace di accogliere in profondità e larghezza ogni valigia e borsone, senza doverli accatastare gli uni sugli altri e rendere difficoltoso e a rischio di crolli il recupero del necessario, come invece avviene nelle auto sviluppate in altezza. Se poi si considera che rispetto alle concorrenti della stessa categoria quest’auto presenta dei consumi limitati, ecco che abbiamo trovato l’auto giusta per un viaggio… leggero.

Tags: auto

MiG-29 al RIAT 2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 13-07-2012 alle 00:25 | 10 commenti  | Permalink
MiG-29 dell'aviazione polacca al RIAT 2012
Mikoyan MiG-29 al Royal International Air Tattoo 2012 presso RAF Fairford.


Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Vietato fotografare a Paddington, anche in quest'area

Scritto da ViaggiareLeggeri, 12-07-2012 alle 14:01 | 0 commenti  | Permalink
L'articolo e' stato riscritto dopo la pubblicazione iniziale
Fotografare a Paddington, un'impresa


Alla stazione di Paddington non troverete cartelli che indichino il divieto di fotografare, ma se usate una reflex e provate a scattare qualche foto, e' probabile che qualcuno con indosso un'uniforme vi chieda di smettere. E' un peccato, Paddington e' un bell'esempio di architettura vittoriana, e meriterebbe d'essere visitata col naso all'insu' per apprezzare la struttura del tetto.

Ieri, sul cavalcavia pedonale che connette le banchine dei vari binari alla stazione della metropolitana, sono apparsi questi simboli. Parevano indicare che fotografare e filmare e' accettabile in quel punto (sopra il binario 1). Due osservazioni:

1) Se quello e' un punto da cui e' consentito fotografare e filmare, ne consegue che fotografare e filmare e' vietato in ogni area della stazione priva di quei simboli.
2) La foto che ho scattato a questi simboli e' stata fatta realizzata dall'esterno dell'area contrassegnata dai simboli. Una violazione. Arrestatemi, dai...

Poco fa (12 luglio, ora di pranzo) sono andato ad un ufficio informazioni della stazione. L'impiegato, gentilissimo, non conosceva il significato di queste indicazioni, e mi ha raccomandato di visitare la reception della stazione e di chiedere li'. Alla reception, la risposta piu' chiara che ottenuto, dai vari impiegati presenti, e' stata la seguente:
Beeeehh...dovrebbe trattarsi di qualcosa per le Olimpiadi, per i media...

("Weeelll... it should be something for the Olympic games, media-related stuff...".) Ho chiesto se per caso questi simboli non indicassero aree in cui e' consentito fotografare ai membri del "general public": mi e' stato confermato che fotografare senza autorizzazione e' vietato in tutta l'area di Paddington Station, e che e' necessario ottenere un accredito dalla reception per essere abilitati a filmare o fotografare nella stazione.

Diventa ogni giorno meno scontato, il diritto di fotografare!

Tags: cartoline, diritto di fotografare, divieti, Segnaletica e cartelli, treni

B-2 Spirit, ospite d'onore al RIAT2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 11-07-2012 alle 08:29 | 14 commenti  | Permalink

Il Northrop Grumman B-2 Spirit, nipote (aerodinamicamente) dell'Avro Vulcan, era l'ospite d'onore al RIAT 2012, eppure non era al centro dell'area espositiva, come ci si aspetterebbe in casi simili: era l'ultimo aereo esposto sulla sinistra guardando verso la pista, e sospetto che tanti visitatori siano entrati, siano andati inizialmente verso destra, e siano giunti al B-2 ormai a corto di fiato. O non ci siano proprio arrivati. Da quella zona si ha anche una visuale ottima dell'atterraggio dei velivoli a RAF Fairford, eppure c'erano solo sei-sette fotografi (tutti con corpi e obiettivi Canon, a parte me), anziche' decine come avviene ad Aviano, Cameri e in qualsiasi evento presso aeroporti militari italiani.

Il B-2, dicevo. Impossibile ...


Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Il Vulcan al RIAT2012

Scritto da ViaggiareLeggeri, 10-07-2012 alle 14:34 | 28 commenti  | Permalink
Vulcan in virata

Lo scorso weekend, al RIAT c'era un esemplare del bombardiere britannico Avro Vulcan, uno dei tre "V Bombers" - Vulcan, handley Page Victor e Vickers Valiant - entrati in servizio nella RAF negli anni Cinquanta per contrastare la minaccia sovietica. Anni Cinquanta... provate a pensare a questo: tra il primo volo dell'Avro Lancaster, bombardiere della RAF durante la seconda guerra mondiale, e il primo volo del Vulcan (1952) passarono solo undici anni, undici anni di progresso nel settore dei motori (a pistoni sul Lancaster, a reazione sul Vulcan) dell'aerodinamica (confrontate la struttura del Lancaster con la semi-ala volante che e' il Vulcan) e degli armamenti (il Vulcan venne progettato per trasportare armamenti atomici).

Durante la sua esibizione al RIAT, il Vulcan s'e' mosso con compostezza, come un anziano statista con qualche acciacco dovuto all'eta'. Dei tre V-Bomber, il Valiant venne 'pensionato' nel 1965 per problemi di fatica strutturale, il Victor passo' al ruolo di aerocisterna nel 1965, e il Vulcan rimase in servizio fino al 1984. Nel 1982 il Vulcan fu protagonista della piu' lunga missione di bombardamento nel corso di "Operation Black Buck One, in cui un Vulcan (matricola XM607) decollo' dall'isola di Ascension e venne rifornito da undici Victor in funzione di aerocisterna. XM607 bombardo' la pista dell'aeroporto di Port Stanley, sulle Falklands/Malvinas, e ritorno' ad Ascension. Il volo duro' circa 16 ore, per una distanza percorsa di 15.000 chilometri. Solo nel 1991 un B-52 effettuo' una missione di bombardamento piu' lunga.



Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Mappe Google Maps scaricabili per Android, rivoluzione per le nostre tasche

Scritto da ViaggiareLeggeri, 10-07-2012 alle 11:10 | 4 commenti  | Permalink
Da Google arriva una mazzata ai navigatori satellitari. Se avete un cellulare con sistema operativo Android, probabilmente utilizzate gia' il programma Google Maps. Io lo uso quando devo andare da qualche parte in auto, di solito dopo essermi perso per aver confidato nel mio evanescente senso d'orientamento, e Maps diventa la mia ciambella di salvataggio: dieci minuti prima di un colloquio di lavoro, o di un appuntamento con amici in un luogo sconosciuto, mi arrendo e ammetto di non riuscire a leggere la (sbiadita) mappa stampata online. Mi fermo, avvio la connessione dati del cellulare, clicco sull'icona di Google Maps, clicco su un pulsante per trovare tramite segnale GPS la mia posizione sulla mappa (scaricata sul momento tramite Internet), inserisco il codice postale della destinazione (il CAP, in Gran Bretagna, identifica pochi edifici, non un'intera citta'), avvio Google Maps e scopro che la mia destinazione e' davanti a me. O in un'altra contea. O che sono vicino a Rennes-le-Chateau (Pirenei) mentre voglio andare a Rennes (Bretagna).

Quasi perfetto. L'unico problema e' che, per avere a disposizione la mappa dell'area in cui mi trovo, devo connettermi ad Internet tramite cellulare, e quella connessione non e' gratuita, e diventa molto costosa quando siete all'estero e nel cellulare avete la SIM italiana.

La nuova versione di Google Maps per Android ha superato anche questo problema: consente ora di scaricare mappe definite da voi (fino ad un massimo di sei) quando siete collegati via Wifi, e consultarle poi durante il vostro viaggio, trovando il punto in cui vi trovate tramite segnale GPS gratuito. "Scoperta" quest'opzione grazie ad un tweet di Paolo Attivissimo, ho aggiornato immediatamente Google Maps alla versione piu' recente ed ho scaricato una mappa dell'area che comprende Swindon e Fairford, per usarla durante la mia visita al RIAT 2012. Operazione molto semplice: lanciato Google Maps, si sceglie l'opzione "Rendi disponibile offline", un riquadro spostabile e ridimensionabile indica la zona che verra' inclusa nella mappa. Si conferma la scelta e il download inizia.

Il giorno dopo, durante il viaggio in treno da Reading a Swindon, ho avviato Google Maps sul cellulare, ho selezionato la mappa scaricata e ho avuto il piacere di vedere la mia posizione su tale mappa, in tempo reale, senza connessione Internet e senza costi.

Chi ha uno smartphone con Google Maps ha quindi ora la possibilita' di preparare in anticipo le mappe delle aree che intende visitare durante un viaggio, e di consultarle poi a costo zero.

Tags: Google, orientamento, software, telefonia, viaggiare low cost

Com'era il RIAT - Royal International Air Tattoo

Scritto da ViaggiareLeggeri, 09-07-2012 alle 12:39 | 0 commenti  | Permalink
BaE Hawk in livrea per il Diamond JubileeUn amico mi ha mandato il link ad una foto di una spettacolare collezione di macchine fotografiche. Molto bella, ma dopo aver passato lo scorso sabato al RIAT con una reflex digitale, uno zoom 50-500mm e una macchina m4/3 come backup (piu' uno zoom 18-105mm), inizio a rivalutare l'intelligenza di chi va ad un grande evento col solo cellulare come macchina fotografica: quello e' davvero "viaggiare leggeri. Braccia, schiena e gambe sono ancora indolenzite... e l'idea di passare al setaccio tutte le 2.200 foto scattate (oltre 7GB), per vedere quali sono fuori fuoco o mosse o doppioni, non e' che mi attiri molto...
"Hai voluto la bicicletta? E ora pedala!"

Prima ancora di iniziare a pubblicare foto del RIAT, parliamo dell'evento. Ho incontrato un gruppo di appassionati di aeronautica di Bra'. Ho trovato un'organizzazione ottima, tanto che sembravano esserci meno spettatori che al cinquantennale della PAN. Tanto spazio a disposizione, e ad un'estremita' della pista, a poche decine di metri da un B-2, c'erano solo sette-otto fotografi a contendersi quello che era probabilmente il posto migliore dell'evento.

Ho visto un B-2, dicevo. Il grande (nel senso di 'esteso') bombardiere invisibile statunitense ti fa sentire un'agente segreto solo a guardarlo, ha intorno un alone di segretezza e di leggenda, tanto che anni fa un articolo di Volare, parlando delle caratteristiche di questo velivolo, ne rimarcava alcune inusuali caratteristiche nel comportamento in volo, al punto da far ipotizzare che gli statunitensi avessero scoperto il segreto dell'antigravita'...


Non e' bello quanto una montagna o l'oceano, il B-2, ma e' uno spettacolo inusuale. Era parcheggiato, quindi non ho visto le sue caratteristiche di volo, ho invece visto volare suo nonno (aerodinamicamente parlando), il bombardiere britannico Avro Vulcan, un'altra ala volante. Il Vulcan pare una grande manta: t'immagini l'aria come acqua sotto e sopra le sue gigantesche ali, le prese d'aria una bocca che ingoia aria in quantita' industriale... quando vira, ci mette il suo tempo ma lo fa in modo maestoso...

Tags: aviazione, eventi, foto aerei, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

La settimana scorsa: Egitto, aviazione, Italia-Spagna, Ryanair

Scritto da ViaggiareLeggeri, 08-07-2012 alle 22:07 | 0 commenti  | Permalink

Nuovi articoli nel blog




Nuovi messaggi nel forum




Nuovi commenti nel blog

...

Tags: riassunti

Domani al Royal International Air Tattoo

Scritto da ViaggiareLeggeri, 06-07-2012 alle 21:02 | 2 commenti  | Permalink
Finalmente luglio e' arrivato. Qui in Inghilterra luglio non vuol dire estate, caldo, sole e mare (o "estate, caldo, lunghe ore in ufficio e niente aria condizionata"), e lo dimostrano i sedici gradi e la pioggia quasi quotidiana. No, luglio e' la stagione degli eventi per gli appassionati di aviazione: questo weekend c'e' il RIAT e la settimana seguente si svolgera' il Farnborough Airshow. E ho appena acquistato i biglietti per entrambi...

RIAT e' il Royal International Air Tattoo (Tattoo non significa che si tratti di una sfilata di gente tatuata: il termine significa - anche - esibizione militare). Si tratta dello show aeronautico piu' grande del mondo, con circa 150.000 spettatori complessivi durante il weekend. Si svolge nel terzo fine settimana di luglio presso la base RAF Fairford, nel Gloucestershire, e gli incassi sono devoluti al The Royal Air Force Charitable Trust. Tra gli ospiti mancano le amate Frecce Tricolori, ma c'e' comunque di che leccarsi i baffi: sara' presente il B-2 Spirit (la grande 'ala volante' semi-invisibile ai radar), e tanti F-16, Harrier, Rafale, Tornado, EFA, Saab Gripen, Phantom II, Spitfire e Hurricane, e altri aerei ancora, tra cui l'italiano C-27 Spartan, magari con equipaggio conosciuto a Singapore. Saranno presenti anche le pattuglie acrobatiche Red Arrows (UK), Black Eagles (Corea del Sud), Patrouille Suisse (CH), Al Fursan (UAE) (con Aermacchi MB 339 simili a quelli della PAN), il Breitling Jet Team,e i Royal Jordanian Falcons.

Costi e trasporti


Il biglietto d'ingresso standard per una giornata costa 39 sterline.
La distanza tra RAF Fairford e Heathrow (casa mia) e' di circa 125km. Anziche' in auto, andro' da Staines fino a Swindon in treno, e da li' prendero' la navetta che porta fino alla base RAF.
- Parcheggio stazione Staines: 3 sterline;
- Biglietto treno a/r Staines-Swindon: 27 sterline;
- Biglietto bus-navetta Swindon-Fairford: 6 sterline;
- Costo complessivo giornata, salvo acquisti vari: 75 sterline.

Partenza prevista da Staines alle 07,23, arrivo a Swindon alle 08,55. Ritorno da Swindon alle 19,29, con arrivo a Staines alle 20,58.

Se siete al RIAT...


... passate a salutarmi, se mi incontrate. Saro' riconoscibile dal giornale sotto il braccio e cappello 'fedora' rosso tramite attrezzatura fotografica, relativamente ingombrante: Nikon D300, obiettivo Sigma 50-500mm, monopiede Manfrotto.

Ultima raccomandazione


Portatevi crema solare e impermeabile. In Inghilterra si vedono quattro stagioni ogni giorno...


Tags: aviazione, eventi, Gran Bretagna, manifestazioni aeronautiche

Dialoghi italo-spagnoli: CIAO non si tocca

Scritto da ViaggiareLeggeri, 06-07-2012 alle 16:02 | 1 commenti  | Permalink
Londra, la settimana scorsa, due giorni dopo la sconfitta dell'Italia con la Spagna agli Europei di calcio. Un collega lituano ritorna da una settimana di vacanze in Spagna. Ha portato con se' due scatole di torrone, una con torrone classico bianco, l'altra fondente al cioccolato, che pone su una scrivania al centro dell'ufficio, aperte, a disposizione dei colleghi.

Torrone, turrón. Ho sempre pensato fosse un prodotto italiano, ma la collega spagnola, senza enfasi ne' arroganza ma con sicurezza, dice che e' spagnolo. Ho dei dubbi.
Ho un'anziana vicina di casa spagnola che, ogni volta che parliamo di alimenti o bevande, mi dice che "l'olio d'oliva italiano e' fatto con olio d'oliva spagnolo", "il prosciutto italiano viene prodotto con maiali spagnoli", e persino "lo spumante e il vino italiano e' fatto con vino spagnolo". Italia e Spagna non sono vicine, ma offrono esperienze e sensazioni simili a chi viene da altri Paesi (vacanze con sole, storia e buon cibo; gente passionale; stile di vita piu' rilassato che in Paesi piu' a nord), per cui e' scontato che ciascuno tenti di vantare la primogenitura di oggetti, cibi e tradizioni diffuse in entrambe le nazioni.

Verifico su Wikipedia, e le pagine in inglese e in italiano danno versioni discordanti: quella italiana pone le origini a Cremona, quella inglese cita invece una ricetta spagnola, pone le origini del torrone che conosciamo nella cucina musulmana spagnola e
menziona poi Cremona, Benevento, Abruzzo, Sicilia e Sardegna, senza fornire cenni storici. Sospetto che le vere origini del torrone vadano cercate in Medio Oriente. (Se qualcuno e' in grado di fornire lumi in modo attendibile, aggiornare le due pagine citate potrebbe essere una buona idea.)

A fine giornata, quando la collega spagnola lascia l'ufficio, una collega serbo-kosovara (ci sono ben pochi inglesi in ufficio...) la saluta dicendo Ciao:

- Oh, scusa, dimenticavo che 'Ciao' non e' una parola spagnola, e' italiana, giusto?
- No, e' proprio una parola spagnola, la usiamo da sempre.
Il mio sopracciglio sinistro si solleva severo. Collega spagnola e serbo-kosovara mi guardano. Una provocazione?

Il giorno dopo, prima di andare in ufficio, controllo. Non ricordo a memoria l'etimologia di ogni parola italiana e inglese, per cui visito Wikipedia, che mi da' una gradita risposta: ciao deriva da sciào, abbreviazione di sciào vostro, cioe' schiavo vostro, servo vostro. L'email parte immediata:

Da: me
Data: 05 July 2012 09:01
A: collega spagnola
Oggetto: Spiacente, non potete avere "Ciao"

http://en.wikipedia.org/wiki/Ciao

The word "ciao" (/'t?a?/; Italian pronunciation: ['t?a?o]) is an informal Italian verbal salutation or greeting, meaning either "hello", "hi", "goodbye", or "bye". Originally from the Venetian language, it was adopted into the Italian language and eventually entered the vocabulary of English and of many other languages around the world.

La risposta arriva dopo venti minuti:
Da: collega spagnola
Data: 05 July 2012 09:21
A: me
Oggetto: Re: Spiacente, non potete avere "Ciao"

Hehehe... Onestamene sapevo che ciao era una parola italiana e che gli spagnoli l'hanno adattata in 'chao' ma non ho resistito, volevo farti arrabbiare riguardo agli italiano che copiano gli spagnoli ;))

Gli italiani che copiano gli spagnoli. Gli spagnoli che copiano gli italiani. Gli arabi che copiano dai cinesi, gli inglesi dai russi. Le buone idee circolano, le persone circolano, il buon cibo circola ancora piu' in fretta. Il che non significa lasciarla passar liscia...
Da: me
Data: 05 July 2012 09:27
A: collega spagnola
Oggetto: Re: Spiacente, non potete avere "Ciao"

> volevo farti arrabbiare riguardo agli italiano che copiano gli spagnoli

Ha funzionato benissimo. Non ti sorprendere se viene fuori che paella, chitarra spagnola, La Sagrada Familia e la corrida hanno origini italiane...

Escalation, come previsto.
Da: collega spagnola
Data: 05 July 2012 09:32
A: me
Oggetto: Re: Spiacente, non potete avere "Ciao"

Questa e' GUERRA!!! A questo punto ... la mia missione dimostrera' quante cose gli italiani hanno copiato dagli spagnoli. E, tra l'altro, noi siamo piu' raffinati ed eleganti!

Leggo la prima frase...

Tags: dialoghi, italianità, Spagna

Il Coccio di Piano a Londra

Scritto da ViaggiareLeggeri, 06-07-2012 alle 14:56 | 0 commenti  | Permalink
shard /ʃɑːd/ n. frammento m., coccio m.

Ieri sera e' stato inaugurato a Londra The Shard, il grattacielo piu' alto d'Europa (309,6 metri) progettato da Renzo Piano. E' bellissimo, e' visibile da qualsiasi punto di Londra (dicono anche dalla M25, la 'tangenziale' di Londra), ma non chiamatelo "scheggia", non e'quello il significato di 'shard'. Come ha fatto notare la BBC, pare che i grattacieli di Londra debbano tutti avere nomi strambi...

Immagine nottura di The Shard

Da sinistra, la London City Hall, The Shard, e l'incrociatore leggero HMS Belfast (*). Foto fornita da Donatas.






(*): per gli appassionati di aviazione e di marina segnalo che, durante le Olimpiadi 2012 di Londra, la portaelicotteri HMS Ocean sara' ancorata sul Tamigi a Greenwich.

Tags: foto, grattacieli, Londra e dintorni

Linee aeree mostreranno prezzi tutto compreso (anche Ryanair e EasyJet!)

Scritto da ViaggiareLeggeri, 05-07-2012 alle 19:41 | 0 commenti  | Permalink
Londra, 05/07/2012 - Dodici linee aeree, comprese Easyjet e Ryanair, hanno concordato di includere le spese per il pagamento con 'debit cards' (carte bancomat) nei prezzi dei biglietti pubblicizzati sui loro siti, anziche' aggiungere tali spese al termine del processo di prenotazione online. La decisione e' stata "stimolata" dall'Office of Fair Trading (OFT) britannico. Le dodici linee aeree hanno accettato di rendere visibili all'inizio della procedura di prenotazione le spese per il pagamento tramite carte di credito. Oltre alle due popolari low cost, aderiscono all'accordo Aer Lingus, BMI Baby, Eastern Airways, Flybe, German Wings, Jet2, Lufthansa, Thomas Cook, Thomson e Wizz Air.

Cosa significa per noi clienti? Per esempio, con Ryanair, le sei sterline di tariffe amministrative verranno incluse nei prezzi pubblicizzati (non sul sito Ryanair) a partire dal primo agosto 2012, e dal primo dicembre 2012 verranno incluse anche nei prezzi pubblicizzati sul sito della linea aerea irlandese. Come gia' detto, le dodici linee aeree sono ancora libere di non includere il sovrapprezzo per pagamento con carte di credito nei prezzi pubblicizzati, ma perlomeno quel sovrapprezzo non dovrebbe piu' piombarci addosso a sorpresa (*) al momento di eseguire il pagamento, proprio quando pensavamo d'aver aggirato l'assicurazione e evitato d'acquistare le varie offerte e cotillons che il sito Ryanair ci propone durante quell'eccitante avventura che e' la prenotazione di un volo su www.ryanair.com.

Esiste il rischio che quest' "operazione trasparenza" porti ad un aumento dei prezzi dei biglietti delle linee aeree che vi prendono parte. Puo' succedere. Non date per scontato che siano sempre le linee low cost a proporre i biglietti piu' economici: a volte volare con Lufthansa costa meno che con Ryanair.




(*): sorpresa relativa, visto che tale sovrapprezzo e' in uso da anni.

Tags: carte di credito, Gran Bretagna, linee aeree, pagamenti, Ryanair

Dieci consigli per chi viaggia in Egitto

Scritto da ViaggiareLeggeri, 05-07-2012 alle 16:48 | 0 commenti  | Permalink
Egitto, seconda patria per tanti connazionali. Sharm el-Sheikh pare un territorio italiano d'oltremare, una nuova colonia: ho visto ragazzi inglesi, di quelli che conoscono a fatica la loro lingua madre, ordinare da bere in italiano al bar di un hotel di Sharm, in modo da essere serviti piu' in fretta. Ho visto tassisti egiziani dare spiegazioni in italiano a turisti russi lievemente perplessi. Ho visto ... ovviamente ho visto e incontrato tanti italiani, quasi tutti gioviali, spiritosi e in gran forma. Altri, pochi, erano irritabili, stanchi, stressati, persino annoiati. Forse qualcuno dei consigli seguenti avrebbe potuto esser loro utile.

  1. Occhio all'acqua. Appena arrivati a Sharm el-Sheik, che e' un luogo moderno sia come hotel che come infrastrutture, vi sentirete probabilmente raccomandare di non bere l'acqua del (recentissimo) hotel, e di non usarla neppure per lavarvi i denti. E' un ottimo suggerimento, se i problemi di molti viaggiatori (che hanno usato quell'acqua solo il primo risciacquo degli spazzolini, seguito da ulteriore sciacquo con acqua ibottigliata) sono indicativi di acqua non proprio pura.


  2. Proteggetevi dal caldo. Non vi raccomando di portarvi giaccone in gore-tex e ombrello: ci sono decenni in cui non si vede una goccia di pioggia, nel Sinai. Portatevi invece creme solari di quelle toste (fattore 35-50), la vostra pelle vi ringraziera'. D'obbligo anche una protezione per la testa (cappello, kefiah, ombrellino). Se passerete molto tempo a nuotare e a fare snorkeling, vi raccomando di mettere tanta crema sulla schiena - soprattutto vicino al sedere - e sul retro delle gambe e delle braccia.


  3. Portatevi la carta igienica. Non dico il rotolo che avete a casa in bagno, ma perlomeno qualche pacchetto di fazzolettini di carta. In aeroporto, nei musei, nei bagni pubblici rischiate di ricevere, dopo aver pagato la solita mancia, un solo misero foglietto di carta igienica, che di solito non basta.


  4. Non poltrite! Capisco che le vacanze siano fatte per riposare, ma andare a migliaia di chilometri da casa per passare tutto il tempo rinchiusi in un resort, magari usando la piscina anziche' il mare, mi pare uno spreco del vostro tempo. Io non riuscirei a fare a meno di una passeggata al Cairo, o di un'escursione in barca per fare snorkeling, o del classico giro in cammello, non importa quanto 'commercializzate' siano diventate tali escursioni.


  5. Tra le gobbe del cammello qualcosa duole... Vi spiegano come salire su un cammello. Guardate l'esiguo spazio a disposizione tra una gobba e l'altra, e vi convincete che sara' sufficiente. Guardate in modo un po' meno convinto la spessa corda che va da una gobba all'altra... e quando poi vi ci fanno sedere sopra, scoprite che si tende fino a far duolere parti cui tenete molto. Al momento di scendere, bacerete la sabbia del deserto come foste Cristoforo Colombo al ritorno dal primo viaggio in America. Fidatevi fino ad un certo punto, delle idee altrui di quello che costituisce una "comoda passeggiata in cammello nel deserto". Rischiate di parlare in falsetto per un paio di giorni.


  6. L'italiano e' una lingua conosciuta (quasi sempre). Se, parlando in italiano con i vostri compagni di vacanza, fate commenti critici o offensivi nei confronti di qualcuno o qualcosa, date per scontato che il barista, il cameriere o la guida egiziana vicino a voi capisca esattamente quel che state dicendo. Se invece chiedete informazioni in italiano, aspettatevi di non essere compresi. Capita ovunque, non solo in Medio Oriente.
  7. ...

    Tags: Egitto, liste, suggerimenti e raccomandazioni

Giza, Egitto: non solo piramidi

Scritto da ViaggiareLeggeri, 05-07-2012 alle 00:01 | 60 commenti  | Permalink
Non ci sono solo Sfinge e piramidi, a Giza.

Un cammello. Sullo sfondo, il Cairo
...


Tags: Egitto, foto, World Heritage

Una fetta di campo da pallacanestro

Scritto da ViaggiareLeggeri, 04-07-2012 alle 07:39 | 2 commenti  | Permalink
Singapore, zona Chinatown. Da questo condominio, vicino al portico sotto cui i vecchietti giocano a dama tutto il giorno, si vede tutta Chinatown e buona parte del centro di Singapore. Ma le partite di pallacanestro giocate in questo bel campetto le vedrete solo in parte.

Campo di pallacanestro a Singapore


Tags: foto, Singapore, sport

Tripadvisor credibile? Critiche anche negli USA

Scritto da ViaggiareLeggeri, 03-07-2012 alle 13:05 | 2 commenti  | Permalink
Un hotel recensito su Tripadvisor. Tante recensioni col massimo dei voti. Una discussione su Tripadvisor cancellata da Tripadvisor. Niente di nuovo sotto il sole...

Chris Elliott, blogger statunitense, e' stato contattato da un utente di Tripadvisor riguardo ad un problema con le recensioni di TA. L'utente, Daniel Corcoran, ha notato che lo Sheraton Baltimore City Center Hotel stava ricevendo recensioni eccezionali sia su Tripadvisor che nell'area delle recensioni sul sito aziendale Sheraton. Corcoran, che come molti utenti di Tripadvisor e' un tipo intraprendente, ha contattato sia Starwood Hotels & Resorts Worldwide, l'azienda proprietaria degli hotel Sheraton, sia Tripadvisor, segnalando le recensioni sospette. Starwood, grazie alla costanza di Corcoran, ha identificato il problema: un dipendente dell'hotel aveva meticolosamente e ripetutamente raccomandato a tutti i clienti soddisfatti di inserire recensioni positive; questa la spiegazione di una portavoce Starwood. Stranamente, a tutte quelle recensioni lusinghiere sul sito Sheraton era stato assegnato, per un errore del sistema informatico, il nome utente hunnyb62. Spiegazione curiosa... e la portavoce di Starwood insiste che si trattava comunque di recensioni legittime.

Ma e' Tripadvisor che ...

Tags: alberghi, siti Internet, Tripadvisor

Quando Hugh Laurie non era ancora il Dottor House

Scritto da ViaggiareLeggeri, 03-07-2012 alle 07:01 | 0 commenti  | Permalink
Seguite il burbero Dottor House in TV? Forse non lo conoscete in Jeeves and Wooster, in cui recitava con Stephen Fry con espressione e taglio di capelli notevolmente differente da quelli usati quando fa il medico...

Hugh Laurie in Jeeves & Wooster


Cose che si vedono sulla tv inglese. Raccomandato anche Blackadder, con un Rowan Atkinson (Mr Bean) completamente differente dal solito.


Tags: Gran Bretagna, nostalgia, televisione

Guidate in Francia? Portatevi l'etilometro

Scritto da ViaggiareLeggeri, 02-07-2012 alle 12:20 | 0 commenti  | Permalink
A partire da ieri, primo luglio 2012, e' obbligatorio per chi guida in Francia avere un etilometro a bordo del proprio veicolo. La misura punta a ridurre il numero di vittime della strada in Francia, al momento 4.000 all'anno. La mancata presenza dell'etilometro a bordo comporta una multa di 11 euro, da cui non vi salvera' l'essere stranieri. In teoria, non verranno somministrate multe fino al primo novembre 2012, ma ... meglio iniziare a cercare l'etilometro ora, visto che non e' sempre facile trovarne.

Ricordiamo che in Francia il limite consentito e' 50mg di alcool in 100ml di sangue. E - a scanso di equivoci - tenete presente che dire "Sono astemio" non vi salvera' dalla multa di 11 euro: l'etilometro a bordo e' obbligatorio indipendentemente dalle vostre preferenze.

Tags: auto, bere, divieti, Francia, leggi e regole

Isole a confronto: Sicilia, Wight, Taiwan, Singapore, Jersey, e altre ancora

Scritto da ViaggiareLeggeri, 02-07-2012 alle 00:28 | 0 commenti  | Permalink
Tempo fa, ospite di amici a cena, mi sono trovato nel mezzo di una discussione su Taiwan: secondo uno dei presenti, che peraltro aveva una buona conoscenza della Cina di Taipei, Taiwan sarebbe grande quanto la Sicilia; secondo un altro quanto, quanto l'Isola d'Elba. "E' lunga circa cinquecento chilometri", dissi io a memoria, prima di imboscarmi in salotto a parlare di Typhoon e Lightning II. E la discussione sulle dimensioni delle isole pare un argomento ricorrente: la Sardegna e' piu' grande o piu' piccola della Sicilia? E' piu' grande l'isola di Wight o Jersey? E' davvero cosi' piccola Sark? Ho quindi pensato di proporvi questo grafico che mostra l'area di alcune isole.

Isole a confronto


Ricapitolando:
- Taiwan: 36.193 (popolazione: 23.252.392)
- Sicilia: 25.711 km2 (popolazione: 5.051.075)
- Sardegna: 24.090 km2 (popolazione: 1.675.411)
- Cipro: 9.251 km2 (popolazione: 1.099.341)
- Corsica: 8.680 km2 (popolazione: 302.000)
- Creta: 8.336 km2 (popolazione: 621.340)
- Stewart Island (NZ): 1.746 km2 (popolazione: 402)
- Rodi: 1.408 km2 (popolazione: 117.007)
- Singapore: 710 km2 (popolazione: pop: 5.183.700)
- Wight: 384 km2 (popolazione: 140.500)
- Malta: 316 km2 (popolazione: 452.515)
- Elba: 224 km2 (popolazione: 31.572 )
- Jersey: 119 km2 (popolazione: 97.857)
- Sark: 5,45 km2 (popolazione: 600)

A titolo di curiosita': il Giappone e' dieci volte piu' grande di Taiwan, con 377.944 km2, e la sua popolazione e' pari a 127.799.000 abitanti, poco piu' di cinque volte quella di Taiwan.

Tags: isole, liste

Comunicazione di servizio - BT

Scritto da ViaggiareLeggeri, 02-07-2012 alle 00:27 | 0 commenti  | Permalink
Il sito verra' aggiornato sporadicamente, in questi giorni: non abbiamo a disposizione una connessione Internet da giovedi', e non l'avremo fino a giovedi' pomeriggio.
Cose che succedono nei dintorni di Londra, nel 2012, grazie a BT.

Tags: connettività, Gran Bretagna, incidenti

Mese precedente  /  Mese seguente