Siti Internet, Guadagnare

Internet e il sogno dei soldi facili

Breve storia dello scorso trentennio informatico

di ViaggiareLeggeri, 30 agosto 2007 | Tempo lettura 4' | 0 commenti | Commenta

Ho ricevuto il mio primo computer in regalo per Natale, nel 1983. Da quel momento, ho sempre avuto un computer in casa. A fine 1996, dopo anni di macchine vecchie e con sistemi operativi obsoleti (DOS 3, DOS 4, GeoS) sono passato a un PC con Windows 95. Nel 1997 ho realizzato i primi siti per me e poi per conoscenti, e nel 2000 ho lanciato un sito di web hosting, colpito come tutti dalla febbre di Internet e dei facili guadagni che prometteva di portare; si trattava di www.affari.to. Nel giro di un anno, il mio sito ospitava oltre 20.000 siti gratuiti. Ovviamente non contavo di fare solo beneficienza: agli utenti del servizio di hosting gratuito proponevo anche l'hosting a basso costo, con maggiori funzionalita'.

Zero. Nessuno, dei 10.000 utenti che avevano creato un sito presso www.affari.to, decise di far uso dei servizi a pagamento, che pure non erano costosi: 1 Euro al mese per il servizio base, e 10 Euro al mese per il servizio ultra-mega-fanta-spettacolare. Magari non abbastanza spettacolare, col senno di poi.

In quell'occasione imparai un'importante lezione, talmente importante che me ne dimentico continuamente: se attiri utenti con un servizio gratuito, e' difficile trasformarli in clienti disposti a pagare anche poco.

Per ricapitolare: entrate zero, uscite pari a 50 dollari all'anno (per il dominio .to) piu' una quarantina di sterline all'anno per l'hosting del mio sito, che pur senza produrre entrate, riceveva cosi' tante visite da costarmi un capitale in banda passante.

Chiusi il servizio di hosting nel 2002. Il sito venne rimpiazzato da un mini-sito di annunci economici che avevo creato per vendere un ciclomotore Ciao con miscela auto-rigenerante, un letto inutilizzato e un monitor quattordici pollici di terza mano. Quel mini-sito era precedentemente ospitato su www.vendotutto.affari.to , e visto che riceveva un paio di nuove inserzioni al giorno, gli diedi l'onore di rimpiazzare il sito di hosting su www.affari.to .
No, neppure stavolta contavo di fare beneficienza: c'erano anche li' dei servizi a pagamento, e - miracolo! - qualcuno ne usufruiva, ogni tanto. E continua ad usufruirne anche oggi, nel 2007, dopo vari restyling del sito.

Nel frattempo, al di fuori della stanzetta in cui codifico i miei siti linea per linea con Textpad, si sono susseguiti cambiamenti che hanno avuto conseguenze anche sui miei siti.

Nel 1999 la parola del giorno era "portale", e tutti volevano un portale. A cosa dovesse dare accesso non si sa ancora oggi. Altre parolone che negli anni successivi sarebbero diventate importanti, e che furono pronunciate dagli Apostoli della Rete, furono Y2K, New Economy, B2B. Da pronunciarsi con l'aria di uno che e' stato illuminato dalla Verita' Immanente.

Nel 2000 le aziende erano pronte a buttare soldi dalla finestra (e a importare web developers dall'estero) pur di avere un bel sito Internet.

Nel 2001, con la fine della bolla speculativa del mercato dot-com, i budget si sono ristretti, le aziende dot-com si sono rese conto che pagare uno sviluppatore Flash per giocare a ping pong e lavorare nei ritagli di tempo non era vantaggioso, e ai project manager hanno chiesto di produrre siti che portassero vantaggi, e non soltanto una "presenza" in Rete.

Il rispetto dello standard CSS ha omogeneizzato l'apparenza di molti siti: i Cascading Style Sheets venivano usati per imitare tabelle dalla maggioranza degli sviluppatori, pochi osavano tentare qualcosa di differente (e per farlo di solito copiavano idee da www.csszengarden.com. Poi, per fortuna, e' arrivato MySpace, e tutto questo sfoggio di ordine, precisione, facilita' d'uso dei siti e' stato spazzato via: avete mai provato ad esplorare un tipico sito ospitato da MySpace, ottimizzato per una risoluzione di 6000x2000 pixel? Un bel monitor 2 metri per 2 metri magari basterebbe... Dopo Geocities nei tardi anni '90 e MySpace ora, quale sara' "Il Posto" in cui tutti vorremo essere tra due o tre anni?

Poi il Verbo di Jakob Nielsen si diffuse, la grafica ed il testo si restrinsero per andare incontro all'utente medio della Rete, che mediamente non riesce a leggere piu' di due frasi durante una visita di durata media ad un sito medio, in una giornata media, probabilmente di mercoledi'.

Nel frattempo siamo arrivati al 2007. Le ore di lavoro dedicate ai siti (dopo quelle passate in ufficio) sono sempre almeno due al giorno, 365 giorni all'anno. La speranza che "scatti qualcosa", e che di colpo uno dei miei siti diventi popolare e inizi a produrre profitti, sta gradualmente dissolvendosi, nonostante l'aumento di visitatori (e di messaggi nel forum di www.viaggi.affari.to e www.animali.affari.to ). Quasi quasi vendo il computer e vado su una montagna...



Di ViaggiareLeggeri, 30 agosto 2007 | Tempo lettura 4' | 0 commenti | Scrivi
Altri articoli in Siti Internet, Guadagnare

©2004, 2018 ViaggiareLeggeri.com. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.




Feed RSS del blog Vuoi essere avvisato dei nuovi articoli? Clicca qui!
PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Queste pagine potrebbero interessarti


Vuoi essere aggiornato?

Se vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi commenti, registrati!

Il tuo commento 

Aggiungi un commento a Internet e il sogno dei soldi facili

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatoria, non verra' pubblicata)
Sito internet (facoltativo)


Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sette meno quattro uguale...





Prima di salvare il tuo messaggio, usa il buon senso... e se hai dei dubbi, leggi il decalogo per chi scrive nel forum
 

Per abbellire il tuo messaggio, usa questi comandi 
Se digiti... comparirà
[b]grassetto[/b] grassetto
[i]corsivo[/i] corsivo
[u]sottolineato[/u] sottolineato
[s]sbarrato[/s] sbarrato
[size=14]Testo alto 14 punti[/size] Testo alto 14 punti
[color=red]Testo rosso[/color] Testo rosso
[mail]io@email.com[/mail] io@email.com
[url]http://www.viaggiareleggeri.com[/url] http://www.viaggiareleggeri.com
[url=http://www.viaggiareleggeri.com]sito[/url] sito
[list][*]Primo punto della lista[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  • Primo punto della lista
  • Secondo punto
  • Terzo punto
[list=1][*]Primo punto della lista numerata[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  1. Primo punto della lista numerata
  2. Secondo punto
  3. Terzo punto
[quote]Nel mezzo del cammin di nostra vita[/quote]
Nel mezzo del cammin di nostra vita
[foto]http://www.viaggiareleggeri.com/galleryPics/2634.jpg[/foto] Foto



Permalink: Internet e il sogno dei soldi facili