Feed RSS del blog Seguici su Twitter Seguici su Facebook Segnala questa pagina via email

Viaggiare
Leggeri

Diario minimo di un italiano all'estero 

Un blog sui viaggi. Appunti, foto, riflessioni sui viaggi e sul vivere all'estero

La casa di Victor Hugo a Guernsey, Channel Islands

Scritto da ViaggiareLeggeri, 19-04-2014 alle 23:50 | 0 commenti  | Permalink
Guernsey e' cara. Ma sette sterline per visitare la casa in cui visse Victor Hugo sono poche. La casa - che nella mia prima visita a Guernsey, nel 2012, non avevo trovato, e che in realta' e' segnalata decentemente - venne decorata da Hugo negli anni del suo esilio (lui, repubblicano, non veniva visto di buon occhio dall'imperatore Napoleone III), e fu l'unica che l'autore de I Miserabili acquisto' nel corso della sua vita. Non e' azzardato quindi vederla come specchio della personalita' di Hugo. E che personalita'! Victor Hugo il difensore del proletariato, Hugo il "verde" (che ricicla il possibile e l'impossibile), Hugo il mistico, Hugo l'esoterico: piu' facile trovare il Sacro Graal qui che a Rennes-Le-Chateau o a Gerusalemme.

La casa, decorata palmo per palmo da Victor Hugo (comprese le cornici dei quadri, comprese le scale da decoratore, comprese sedie, tappeti, tappezzeria e vetrate), e' il regno dell'horror vacui. Non pare esserci un centimetro quadrato in cui l'artista non abbia lasciato la propria impronta creativa di riciclatore ante-litteram: la casa e' piena di oggetti nati con una funzione e recuperati ed adattati ad una funzione differente: schienali di sedie che diventano - capovolti - decorazioni per finestre, insalatiere che diventano piastrelle, scarti di vetro che si trasformano in vetrate, cinture (ammettiamolo, cinture che Elton John o Liberace avrebbero riservato agli eventi piu' kitsch) inserite in una parete ricoperta di velluto rosso, per far risaltare un caminetto in ceramica bianca. Guido Gozzano si sarebbe trovato bene, come ospite di Hugo.

Hugo l'esoterico enigmista: la casa di Guernsey e' piena di scritte in latino, a volte legate alla fede cristiana (verso cui l'artista senti' una crescente disillusione ma da cui non si separo' mai completamente), altre alla sua esperienza personale di esiliato (l'incisione "Exilium vita est" campeggia sopra una porta). Ma altre scritte fanno pensare al suo interesse per l'esoterismo (era un Iniziato? Era un leader dei Templari, del Priorato di Sion, delle Giovani Marmotte? Conosceva la posizione e l'importanza del Santo Graal, e la ricetta segreta della Coca Cola). Al penultimo piano della casa si trova una stanza impressionante (non l'unica): da una parte un letto con baldacchino, sempre decorato a mano da Mr Hugo, con funzione di "letto funebre". In mezzo, un lampadario/candelabro in legno (con rocchetti per filatura riciclati a reggere le candele) che, anziche' partire dal soffitto e scendere, si erge dal pavimento, ed e' sormontato da una scultura di donna (la Madonna?). E nell'altra meta' della stanza, un severo tavolo, adatto piu' a fungere da banco di tribunale che come desco familiare; dietro, tre sedie altrettanto severe, adatte ad un magistrato dell'Inquisizione spagnola, con dietro scritto, in latino, Padre, Madre, Figlio.

All'ultimo piano, infine, una stanza luminosissima in cui Victor Hugo amava scrivere, con un'ampia vetrata che risale il tetto, una gran vista sulla baia di Guernsey, un'inefficace stufa presente piu' per decorazione che per riscaldare il grande scrittore nelle giornate invernali. E due tavolini a scomparsa per scrivere (come dire che Hugo, piuttosto che scrivere su uno dei tanti grandi tavoli presenti in casa, preferiva crearsi artificialmente dei limiti, e utilizzava supporti probabilmente traballanti, che rientravano nel muro. Se fosse vivo ora avrebbe i computer piu' recenti con le versioni piu' aggiornate di Office o OpenOffice, e si rifugerebbe in un angolo nascosto della sua casa a scrivere con un vecchio iPod, o con una Lettera 32). Nella stanza, un letto spartano parrebbe un ulteriore indizio della vocazione ascetica di Hugo, il Charles Dickens francese, se non fosse che ... pochi metri piu' in la', sotto la vetrata, c'e' un divano multi-piano piu' adatto ad un party hollywoodiano che ad un asceta dedito alla sua arte. Ma potrebbe essere stato aggiunto di recente.

Giudizio sommario? La casa di Victor Hugo varrebbe gia', da sola, una visita a Guernsey.


Pasqua 2014, situazione trasporti a Londra

Scritto da ViaggiareLeggeri, 16-04-2014 alle 14:06 | 1 commenti  | Permalink
Pasqua 2014, tanti viaggiatori italiani in arrivo a Londra. Se ci venite anche voi, tenete presente queste informazioni riguardo ai trasporti e alla viabilita' nella capitale britannica durante il weekend pasquale.

Metropolitana


Bakerloo line: la domenica di Pasqua non ci saranno treni tra Willesden Junction e Harrow & Wealdstone a causa di lavori.

District line: giovedi' (domani) non ci saranno treni tra Turnham Green e Ealing Broadway dalle 20,30 (verso ovest) e 21,00 (verso est), e non ci saranno treni tra venerdi' e lunedi'. Lavori, lavori, lavori.

Jubilee line: da Venerdi' Santo al Lunedi' Dell'Angelo il servizio non operera' tra Waterloo e Finchley Road, per lavori nei tunnel.

Piccadilly line: la linea piu' importante, per chi utilizza l'aeroporto di Heathrow. Il servizio non operera' tra Acton Town e Uxbridge dalle 20,30 (verso ovest) e 21,00 (verso est) da giovedi' (domani) fino a lunedi', a causa di lavori di miglioramento alla linea presso Ealing Common.
Tutti i treni della Piccadilly line effettueranno fermate alla stazione di Turnham Green durante il weekend pasquale.

Docklands Light Railway: servizio non operativo tra Bow Church e Stratford da venerdi' 18 aprile (domani) fino a venerdi' 25 aprile, per lavori alla stazione di Pudding Mill Lane. Ulteriori informazioni qui.

London Overground


(cos'e'?):
- Domenica i treni non circoleranno tra Queen's Park e Watford Junction a causa di lavori.
- Da venerdi' a domenica il servizio non sara' operativo tra Surrey Quays e Clapham Junction per lavori di miglioramento alla linea.

Autobus a Londra


- Dalle 22,00 di sabato alle 06,00 di domenica, Fleet Street sara' chiusa (tra Chancery Lane e Fetter Lane) per celebrazioni religiose, e gli autobus utilizzeranno strade alternative. Ulteriori informazioni qui.

Strade


- Londra centro: Fleet Street sara' chiusa dalle 22,00 di sabato alle 06,00 di domenica per una festa religiosa (Pasqua?).
- Moorgate: dalle 07,00 di sabato 19/04/2014 alle 18,00 di giovedi' 24/04/2014, Moorgate (A501) sara' chiusa verso sud all'incrocio tra South Place e London Wall. Manutenzione tubazioni del gas...
- Twickenham: sabato, dalle 13,00 alle 18,00, traffico intenso e' previsto su Chertsey Road (A316) e in tutte le strade intorno (e verso) lo stadio di Twickenham (il tempio del rugby. Ma potrebbe anche non essere un'evento rugbistico: vicino allo stadio c'e' anche un luogo di culto.
- Londra ovest: dalle 23,00 di sabato alle 10,00 di domenica (Pasqua), Westway (A40) sara' chiusa tra Wood Lane e il cavalcavia di Marylebone per manutenzione.
- Londra sud: domenica dalle 08,00 alle 12,00, un trasporto eccezionale (lungo? largo? alto? pericoloso?) verra' scortato dalla polizia dalla M23 all'area di Herne Hill, passando per la A23 e la A205 South Circular. Traffico intenso (e probabili rallentamenti) in zona.

Barclays Cycle Hire


Bici a noleggio, le "Boris' bikes". Vi segnaliamo che:
- Bruton Street: disponibilita' di bici limitata fino a dicembre 2014;
- Holborn Circus: fuori servizio;
- Wansey Street: fuori servizio;

Un'ultima piccola informazione: ricordate a Pasqua, in Inghilterra, ci sono quattro giorni festivi consecutivi, compreso quindi il Venerdi' Santo.

Tags: avvisi ai viaggiatori, feste, Londra e dintorni, trasporti pubblici

Il muro dei dischi della Old Vinyl Factory

Scritto da ViaggiareLeggeri, 16-04-2014 alle 11:35 | 1 commenti  | Permalink
Ricordate la Old Vinyl Factory, la fabbrica dei dischi in vinile a Hayes, vicino a Heathrow, quella con il murale? Questo e' un angolo della zona mensa, lontano dai tavoli su cui si consumano panini, insalate e conversazioni: ci sono poltrone, divani, tavolini, una tv con delle consolle per videogiochi (fuori campo), ma soprattutto c'e' il muro dei 45 giri. Nella Old Vinyl Factory, quando era in attivita' e non ancora "old", venivano stampati i dischi della EMI con cui tanti di noi, non piu' ventenni, sono cresciuti: Sade, Lionel Richie, Duran Duran, Roxy Music, David Bowie, Blondie, Sex Pistols, Harry Belafonte, Prince, Phil Collins, e tanti altri.

Muro di dischi, Old Vinyl Factory


Proprio come la sala mensa della fabbrica in cui lavoravo a Torino...

Tags: foto Gran Bretagna, Heathrow e dintorni, musica

Nibbio reale a Heathrow

Scritto da ViaggiareLeggeri, 11-04-2014 alle 01:15 | 3 commenti  | Permalink
Se sei vicino a Heathrow e guardi in alto, fuori dalla finestra, di solito vedi aerei. O corvi. O gabbiani, o sterne urlanti, storni, cinciarelle, e piccioni. Spesso anche parrocchetti indiani. Ma a volte capita di vedere qualcosa di inusuale. Oggi, per esempio, ho notato un rapace che volteggiava molto piu' in alto degli altri uccelli sopra il villaggio di Stanwell Moor. Pochi battiti d'ali, molta attenzione alle corrente ascensionali, il rapace disegnava larghi cerchi nel cielo, spostandosi progressivamente verso il Colne Valley Park.

E' poi sceso piu' in basso, forse in cerca di prede nei backyard delle casette di Stanwell Moor. Forse era un uccello gia' avvistato sopra il villaggio: un vicino di casa diceva d'aver visto un harrier (albanella), o forse un goshawk (poiana) o un hobby (lodolaio), che verso le sette di mattina sorvola Stanwell Moor in cerca di prede, e a volte scende in picchiata e si porta via un blue tit (cinciarella) o uno sparrow (passero). Non siamo esperti nel birdwatching, io e il mio vicino di casa... ma il rapace di oggi pareva quello descritto da lui.

Il rapace scende un po', arriva a portata di teleobiettivo, noto la coda biforcata, le penne pettorali rossicce, apertura alare sopra il metro e mezzo, una bella testa da (piccola) aquila, ampie zone bianche nella zona delle penne remiganti. Gli scatto qualche foto e poi, grazie al bird identifier sul sito della Royal Society for the Protection of Birds, credo di averlo riconosciuto come un red kite, un nibbio reale, di cui sono presenti circa 1.600 coppie in Gran Bretagna (fonte: RSPB).

Nibbio Reale a Heathrow


Tags: animali, birdwatching, foto, Gran Bretagna, Heathrow e dintorni

Imbarcarsi con Ryanair con un casco per moto

Scritto da ViaggiareLeggeri, 07-04-2014 alle 10:01 | 3 commenti  | Permalink
Ah, bei tempi, quando Ryanair era l'Impero Del Male dell'aviazione civile, o quantomeno quella strana linea aerea dove le regole vanno rispettate sempre. Michael O'Leary, l'AD della low cost irlandese, ora non pare piu' il Darth Vader dei voli low cost, che con voce roca dice tassiamoli anche quando vanno al cesso!

Le cose sono cambiate. Ryanair e' diventata buona. Oltre alle nuove regole che consentono un secondo bagaglio a mano, oltre alla possibilita' di correggere errori nella prenotazione, oltre agli assistenti di volo sempre piu' gentili (perche' meno stressati da ordini aziendali di vendere gratta-e-vinci e panini?) e alla sempre piu' frequente presenza di personale italiano a bordo, c'e' anche una maggiore tolleranza verso il bagaglio a mano fuori misura.

La situazione potrebbe essere differente in aeroporti piu' severi, ma a Torino-Caselle, la settimana scorsa, chi scrive si e' imbarcato su un volo per Londra con una piccola borsa fotografica che rientra nelle dimensioni del secondo bagaglio a mano (35 cm per 20 cm per 20 cm), e con un casco da moto come bagaglio a mano principale. Il casco misura circa 25cm per per 25cm per 34cm, e ricordiamo sui voli Ryanair le misure massime del bagaglio a mano sono 55 x 40 x 20 cm, ed ha effettuato il volo verso Londra tra i piedi dello scrivente, sotto il sedile davanti a me.

Vediamo se riesco ad imbarcare una moto, la prossima volta...

Tags: bagaglio a mano, moto, Ryanair

Voli Ryanair, da oggi tutti in piedi!

Scritto da ViaggiareLeggeri, 01-04-2014 alle 07:17 | 3 commenti  | Permalink
Abbiamo ottenuto in anteprima una foto che mostra le nuove procedure d'imbarco della Ryanair e i nuovi velivoli della linea aerea irlandese, in vigora da oggi. La buona notizia e' che l'ingresso a bordo avverra' tramite un'ampia rampa nella parte anteriore dei velivoli Ryanair, piu' comoda delle scalette utilizzate dalle altre linee aeree. La cattiva notizia e' che, da oggi, sui voli Ryanair saranno disponibili solo posti in piedi, e si viaggerà schiacciati come sardine. EasyJet sta preparando la sua contromisura: stessi velivoli, stesso ingresso con rampa, ma ai passeggeri verra' chiesto di sdraiarsi sul pavimento, in modo da consentire lo stivaggio di altri passeggeri sopra di loro. La nostra raccomandazione: salite a bordo per ultimi!

Imbarco Ryanair: una volta eravamo bovini, ora saliamo come soldati


Aggiornamento 2/04/2014: Pesce d'Aprile!


Come avranno notato i lettori piu' attenti, o quantomeno dotati di un calendario, l'articolo e' stato pubblicato il primo giorno d'aprile. E' un classico pesce d'aprile.

Tags: foto, Ryanair, umorismo

Murale della fabbrica di dischi di Hayes

Scritto da ViaggiareLeggeri, 30-03-2014 alle 19:01 | 2 commenti  | Permalink
Murale della fabbrica di dischi di Hayes
Ad Hayes, a nord dell'aeroporto di Heathrow, c'è una ex fabbrica chiamata The Old Vinyl Factory. La EMI, la RCA e forse anche altre case discografiche ci stampavano i loro dischi: i successi degli Eurythmics, di Toyah, dei Duran Duran, e Purple Rain, e Let's Dance, e Synchronicity e ... tanti altri 45 giri e 33 giri sono stati stampati qui. Ora nella Old Vinyl Factory di Hayes non si incidono più dischi, e il vinile si vede solo nell'omonimo museo al pianterreno. L'edificio ospita varie aziende, tra cui alcune operanti nel settore dell'aviazione civile, ma non è questa la ragione per cui potreste conoscerlo: potreste averlo visto in un film o in un telefilm. Una parte del complesso edilizio, detto "The Sarajevo Building", è stato utilizzato per l'ambientazione di film di supereroi (Thor è stato visto in giro) e di altri generi (il poliziesco britannico Silent Witness, tra gli altri).

In questi giorni di fine marzo '14 uno dei muri esterni della Old Vinyl Factory è stato decorato con un gigantesco murale. Servirà da sfondo per qualche film?



Tags: città illustrate, foto Gran Bretagna, Heathrow e dintorni, musica

Le Alpi viste dall'alto, 29-03-2014

Scritto da ViaggiareLeggeri, 29-03-2014 alle 19:04 | 40 commenti  | Permalink

Un volo da Londra a Torino, una bella giornata di sole, le Alpi sotto di noi.


Tags: Alpi, foto, montagna

Quanto risparmia Ryanair quando non ti imbarchi?

Scritto da ViaggiareLeggeri, 27-03-2014 alle 19:25 | 4 commenti  | Permalink
Con le linee aeree low cost, rinunciare ad una tratta di un biglietto andata e ritorno gia' pagato non e' un problema, visto che non si tratta di solito di una perdita economica rilevante. Alcune linee aeree creano problemi, altre no, tra queste la Ryanair, come segnalato da vari lettori nella discussione Ryanair, variazione su un biglietto A/R per due persone. E come dice Pedrovaz1968, "per quanto poco possa pesare un passeggero, quando questo non si imbarca, l'aeromobile consuma meno".

Ok, l'aeromobile consuma meno se ha meno passeggeri a bordo. Ma quanto "meno"? Quanto risparmia Ryanair, se un passeggero acquista un biglietto e poi non lo usa?

Ryanair utilizza il Boeing 737-800, e WIkipedia riporta quest'informazione:
According to the Airline Monitor, an industry publication, a 737-800 burns 4.88 US gallons (18.5 L) of fuel per seat per hour

Con il 737-800, ogni passeggero "consuma" 18,5 litri di carburante per ciascuna ora di volo; col prezzo del carburante per aviogetti a 4 USD/gallone (gallone USA, equivalente a 3,78 litri), il costo orario per passeggero e' di 14 euro. Soldi che Ryanair risparmia se acquisti un biglietto e poi non ti presenti all'imbarco, e se pensate siano pochi, facciamo due conti:

- Nel 2013 Ryanair ha trasportato 81.400.000 (ottantuno virgola quattro milioni) passeggeri;
- Il Boeing 737-800 utilizzato da Ryanair trasporta 189 passeggeri;
- Nel 2013 Ryanair ha effettuato circa 430.600 voli (81.400.000/189), arrotondando per difetto;

Se ipotizziamo che i voli Ryanair durino in media un'ora, e che in ogni volo ci sia un passeggero che acquisti il biglietto e poi non s'imbarchi, ne risulta un totale di ... 430.600 passeggeri non imbarcati, che moltiplicati per quei 14 euro menzionati prima producono un risparmio annuo di 6.028.400 euro. Non sono spiccioli!

Se chiudete gli occhi e rivolgete i vostri pensieri verso il quartier generale della Ryanair, riuscirete a vedere MIchael O'Leary che stappa una bottiglietta di Crodino ogni volta che un volo Ryanair "sold out" decolla senza qualche passeggero (che ha acquistato il biglietto).

Tags: linee aeree, Ryanair

Strafalcione BBC sul Linguaggio Mimico Gestuale

Scritto da ViaggiareLeggeri, 26-03-2014 alle 13:27 | 0 commenti  | Permalink
La BBC e' un faro del giornalismo internazionale. Difficile coglierla in fallo, molto raramente pubblica articoli con errori fattuali o di battitura, o notizie in cui i fatti riportati sono mescolati a commenti e opinioni del redattore. Eppure ... a volte qualche errore viene pubblicato, e visto che l'occasione e' piu' unica che rara, ne parliamo.

In un interessante articolo su linguaggio dei segni e gestualita' italiana, pubblicato oggi e firmato da William Mager, compare questa frase:
(...) the Italian government's attempts to downgrade LIS to Linguacca Mimetico Gesturo (LMG) (...)


Linguacca e Gesturo non sono neppure parole italiane. Il redattore della BBC voleva probabilmente parlare di Linguaggio Mimico Gestuale, ma ... si e' perso per strada.#

Linguacca Mimetico Gesturo


Aggiornamento 26/03/2014, ore 17:15
L'articolo della BBC e' stato corretto e ora parla di "Linguaggio Mimico Gestuale" anziche' di "Linguacca Mimetico Gesturo". Bene.


Tags: castronerie, giornalismo

Mese precedente  /  Tutto il mese




Ti è piaciuta questa pagina? Parlane ai tuoi amici: Facebook   Delicious   Digg   reddit   StumbleUpon