Feed RSS del blog Seguici su Twitter Seguici su Facebook Segnala questa pagina via email

Viaggiare
Leggeri
Cerca e prenota un hotel

Diario minimo di un italiano all'estero 

Un blog sui viaggi. Appunti, foto, riflessioni sui viaggi e sul vivere all'estero

Un pub di Edimburgo, una telefonata, un whiskey

Scritto da ViaggiareLeggeri, 13-09-2014 alle 20:20 | 0 commenti  | Permalink
Un ristorante vicino a Edimburgo, una serata di agosto. Un mese fortunato, l'agosto del 2013. Ha fatto caldo, in Scozia, sempre pantaloncini e maglietta, poca pioggia, che i cugini inglesi ti sputerebbero addoso, a te scozzese, che puoi mettere i panni fuori, ad asciugare, e in poche ore sono pronti, coll'odore di fresco e pulito, un odore che sa di cose che vanno per il verso giusto. Siamo in cinque alla nostra tavola, nel ristorante che poi e' un grosso pub. Non un gastropub, per fortuna: non fa parte di una catena di pub a diffusione nazionale, e' cresciuto perche' ci si mangia bene, perche' non e' un locale ruffiano fatto per piacere agli avventori, o perche' costa poco (in realta' non costa moltissimo, mangiare qui, ma ci sono posti piu' economici).

Uno scorcio di Edimburgo da Holyrood Park Siamo in cinque, a tavola nella veranda del ristorante. Mia moglie, una delle sue sorelle venute da Taoyuan City per vedere i posti dove hanno girato il film "Endless Love" (Amore Senza Fine, che e' il titolo di Braveheart a Taiwan). Suo figlio, un ragazzone ventunenne di un metro e ottantacinque, con la testa tra le nuvole e una vena artistica, anche se all'universita' e' finito a studiare finanza. Il quinto e' un suo ex compagno delle superiori, educato e scaltro, famiglia probabilmente con qualche soldo, parla l'inglese in modo fluido e preciso. E' domenica sera, e siamo affamati dopo una camminata nel mio amato Holyrood Park, uno dei posti piu' fuori posto che ...

Tags: foto Gran Bretagna, ritratti di viaggiatori, Scozia

Alitalia taglia rami secchi, cancella voli tra Torino e Sud Italia

Scritto da ViaggiareLeggeri, 04-09-2014 alle 15:31 | 0 commenti  | Permalink
L'accordo tra Alitalia e Etihad e' stato annunciato, come accade sempre in questi casi, come l'ultima spiaggia per la compagnia di bandiera nazionale. E la sabbia di quest'ultima spiaggia si sta rivelando rovente e non sempre piacevole, proprio come quella del deserto intorno ad Abu Dhabi. E' di oggi la notizia che dal primo ottobre Alitalia cancellera' i voli da Torino verso il Sud Italia e le isole: niente piu' collegamenti tra la capitale subalpina e Alghero, Bari, Catania, Lamezia, Napoli, Palermo e Reggio Calabria. Restano i voli verso Roma e Tirana

Chi viene danneggiato da questa decisione?


L'eliminazione dei voli da Torino verso Sud e isole danneggia queste destinazioni turistiche, che si vedono sottratti turisti provenienti dal "ricco Piemonte". Danneggia questi ultimi, che - per turismo, motivi di famiglia o di lavoro - viaggiano verso Sud e isole. Colpisce i flussi turistici diretti verso Torino e verso le stazioni sciistiche piemontesi. E infine colpisce la Juventus, che conta molti tifosi fuori dal Piemonte.

A chi fa comodo questa decisione?


Ryanair, Easyjet, e qualsiasi altra linea aerea interessata ad espandere la propria quota di mercato, conquistare nuove destinazioni e (soprattutto Ryanair) usufruire di contributi ed incentivi da parte delle amministrazioni locali.

Tags: Alitalia, Italia, linee aeree, linee aeree in crisi, voli cancellati

Espansione aeroporto Heathrow, incontri per i residenti

Scritto da ViaggiareLeggeri, 09-08-2014 alle 12:32 | 1 commenti  | Permalink
Gli italiani che vivono nelle citta' intorno all'aeroporto di Heathrow (codice: LHR) sono tanti, ed e' a loro che ci rivolgiamo questa volta.
Il governo britannico e il sindaco di Londra, Boris Johnson, hanno ripetuto a piu' riprese che e' necessario aumentare la capacita' aeroportuale di Londra. Tra le opzioni, una terza pista a Heathrow, l'espansione di Gatwick o Stansted, o la costruzione di un nuovo aeroporto in una futura isola artificiale nell'estuario del Tamigi (la cosiddetta "Boris Island"). Nel dicembre 2013, una Commissione governativa ha selezionato una rosa di tre potenziali opzioni: costruzione di una seconda pista a Gatwick, allungamento di una delle due piste di Heathrow, o costruzione di una terza pista a Heathrow. Ed e' questa terza ipotesi che pare favorita, nonostante l'impatto sui residenti (e sugli animali dei parchi della zona, come il Colne Valley Park, e nonostante una lunga lista di oppositori, che comprende tra l'altro il partito Liberale Democratico (attualmente al governo coi conservatori), il sindaco di Londra, il governo locale di Hillingdon (il borough in cui si trova l'aeroporto), Greenpeace, WWF, ...

Tags: aeroporti, Heathrow e dintorni, Londra e dintorni, vivere in Inghilterra

Annullamento viaggi in Egitto, Antitrust apre istruttorie contro 12 tour operator

Scritto da ViaggiareLeggeri, 29-07-2014 alle 15:24 | 0 commenti  | Permalink
La situazione politica in Egitto e' instabile dalla Primavera Araba iniziata nel 2010, e i viaggi nel Paese - al di fuori dei resort turistici - continuano ad essere sconsigliati dal Ministero degli Affari Esteri. E' quindi sempre presente il rischio di un annullamento del viaggio, e l'Antitrust italiana sta rivolgendo la propria attenzione proprio all'annullamento di viaggi verso l'Egitto, e al mancato rimborso di tali viaggi.

Come riportato in questo comunicato stampa dell'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (in breve, l'Antitrust), l'Authority ha avviato dodici istruttorie nei confronti di altrettanti tour operator italiani relativamente all'annullamento di viaggi in Egitto. I tour operator in questione avrebbero annullato unilateralmente dei viaggi senza rimborsare l'intero prezzo pagato dai clienti, oltretutto addebitando costi amministrativi (!), e non avrebbero proposto mete alternative senza maggiorazioni. Oltre a cio', i dodici tour operator continuerebbero a fornire sui propri siti carenti informazioni sulla situazione socio-economica attuale in Egitto, informazioni essenziali per una decisione consapevole.

I tour operator coinvolti:
- Alpitour
- Amico Tour Resort Travel (di Maurizio Pellucchini)
- Brixia Tour Operator (di Savio Nicola & Co. S.a.s)
- Eden Viaggi
- Going con Bluvacanze
- I Viaggi del Turchese
- I Viaggi di Atlantide (di Impresa Viaggi Sea Line S.r.l)
- Marevero (di Damare S.r.l. e Liberi Tutti Travel S.r.l.)
- Phone&Go
- Settemari
- Swantour
- Veratour

I procedimenti istruttori in oggetto dureranno non piu' di cinque mesi e sono atti a verificare se i comportamenti dei tour operator costituiscono violazioni del Codice del Consumo.

I procedimenti, che si concluderanno entro cinque mesi dall’avvio, dovranno verificare se i comportamenti posti in essere dai Tour Operator costituiscono pratiche commerciali scorrette in violazione del Codice del Consumo.

Tags: Egitto, tour operator

Etichette per il vostro bagaglio

Scritto da ViaggiareLeggeri, 28-07-2014 alle 19:07 | 1 commenti  | Permalink
Estate, arriva il momento di partire per le vacanze, e il rischio di non riconoscere i propri bagagli aumenta, vista la mole di vacanzieri in viaggio. Come gia' segnalato in passato, e' bene personalizzare i vostri bagagli. Se non ve la sentite di dipingerli, vi suggeriamo un semplice adesivo per riconoscerli. E se la vostra collezione di adesivi e' andata perduta, potete usare le semplici etichette adesive che abbiamo disegnato: sono sei etichette identiche da stamparsi su un foglio A4 adesivo (noi abbiamo utilizzato il Ryman P1, venduto in confezioni da 100 fogli a 19 sterline). Sulle etichette c'e' spazio per il vostro nome (o il vostro indirizzo email, o numero di telefono ... come preferite).

Etichette per bagaglio


Le etichette sono scaricabili qui. Le abbiamo utilizzate durante un recente viaggio in Sardegna, inserendo il nostro indirizzo email (che non e' pinco@pallino.com) nello spazio per il "Luggage owner", il che ci e' parso un equo compromesso tra riconoscibilita' del bagaglio, possibilita' di essere contattati, e privacy del proprietario. Va da se' che dovrete inserire un indirizzo email che sarete in grado di controllare durante il viaggio.

Oltre che sul bagagli in stiva, abbiamo attaccato queste etichette adesive anche sui nostri trolley imbarcati con bagaglio a mano. Non si sa mai, il vettore potrebbe chiedere/imporre al passeggero di imbarcare il trolley in stiva, in caso di carenza di spazio in cabina. E poi esistono altre circostanze in cui potreste trovarvi separati dal vostro bagagli a mano, per esempio quando lo lascerete in consegna in albergo in attesa che la vostra camera sia pronta, se siete arrivati in anticipo sull'orario previsto per il check-in.

Tags: bagagli in stiva, bagagli smarriti, bagaglio a mano, modelli documenti, trolley e valigie

I tre catamarani di Stintino

Scritto da ViaggiareLeggeri, 23-07-2014 alle 23:50 | 3 commenti  | Permalink
Le limpide acque di Stintino, vicino ad Alghero, ispirano sentimenti romantici. Ragazzi e ragazze giocano in acqua, nuovi amori nascono. Coppiette affettuose si baciano sulla scalinata che dalla spiaggia porta fino alla collina, coi suoi ristoranti e il quieto centro commerciale. Altre coppie si sfaldano sotto la pressione delle tante tentazioni, e nuove coppie si formano, pur con la data di scadenza piu' vicina di quella di uno yoghurt.
E io mi ritrovo, come altri, a guardare verso il mare con un binocolo. E seguo con gli occhi ogni movimento di tre catamarani all'ancora, che si spostano a volte in parallelo, a volte in direzioni differenti, a seconda delle onde e del vento. E ripenso a come, neanche tanti anni fa, quel binocolo l'avrei usato per scrutare con occhio di falco ogni centimetro quadrato delle candide spiagge di Stintino alla ricerca di bellezze in bikini. Ora, in questo istante che dura minuti nella calda estate sarda, sono i tre catamarani, lenti e voluttuosi nelle acque turchesi, a rappresentare il mio ideale di bellezza.

I tre catamarani (e altre barche)


Tags: battelli, foto, Sardegna

Linea aerea rumena TEN, problemi in vista?

Scritto da ViaggiareLeggeri, 22-07-2014 alle 11:22 | 0 commenti  | Permalink
Un comunicato dell'ENAC di qualche giorno fa riguardo alla linea aerea rumena TEN ci ha messo in allarme. Una nuova linea aerea in crisi? Passeggeri trattati come bestiame allo sbando in aeroporto? Speriamo di no. Ecco il comunicato:

COMPAGNIA RUMENA CANCELLA VOLI DA E PER BERGAMO E CROTONE – ENAC SEGUE SITUAZIONE RIPROTEZIONE PASSEGGERI



A seguito della cancellazione improvvisa di alcuni voli odierni della compagnia rumena TEN operativi da e per gli scali italiani di Bergamo e Crotone, l’Ente Nazionale per l’Aviazione civile rende noto che attraverso le proprie strutture, centrali e territoriali, sta seguendo la riprotezione dei passeggeri coinvolti nelle cancellazioni per cercare di contenere il più possibile i disservizi agli utenti.

Inoltre l’ENAC si è già attivato anche rispetto alla cancellazione di altri voli della compagnia TEN, programmati nella giornata di domani su altri aeroporti nazionali, per la verifica delle possibilità di riprotezione e per cercare di prevenire situazioni critiche.

Si invitano i passeggeri in possesso di biglietti aerei della compagnia TEN, venduti tramite tour operator italiani, a contattare i propri referenti per chiedere informazioni sull’operatività dei voli.

L’ENAC sta valutando eventuali sanzioni da erogare alla compagnia per mancato rispetto della normativa in materia di tutela e assistenza dei passeggeri.

Roma, 18-07-2014

Se aveve prenotato un volo con TEN (o se siete riusciti a volare con questa linea aerea negli ultimi giorni), fateci sapere (sia che sia andato tutto bene, sia che ci siano stati problemi) utilizzando il modulo dei commenti al fondo di questa pagina. Le vostre informazioni saranno utili ad altri passeggeri di questa linea aerea. Grazie!

Tags: linee aeree, linee aeree in crisi, Romania, voli cancellati

Il pappagallo dei Monty Python a Stanwell Moor

Scritto da ViaggiareLeggeri, 14-07-2014 alle 01:01 | 12 commenti  | Permalink
Un camion blocca Hithermoor Road, la strada che fa da perimetro al villaggio di Stanwell Moor, vicino a Heathrow. Mi affianco, metto le due ruote sinistre sul marciapiede e mi appresto ad aggirarlo. L'autista si sporge dal finestrino, si scusa. Il suo camion, su un rimorchio aperto, trasporta una strana cosa blu, lunga una decina di metri. Gli chiedo cosa sia.

- If I told you, you wouldn't believe me!
- Try me. Credo a tante cose, credero' anche a quel che dice lui, a meno che mi dica che e' un agente segreto venuto da Tau Ceti.
- You heard about the Monty Python return, haven't you? And you remember the Dead Parrot sketch, don't you?...


Tags: foto, umorismo, vivere in Inghilterra

Batterie cariche obbligatorie sui voli dal Regno Unito

Scritto da ViaggiareLeggeri, 09-07-2014 alle 10:15 | 7 commenti  | Permalink
Londra, 9/7/2014 - I passeggeri dei voli in partenza dal Regno Unito dovranno avere batterie cariche nei loro dispositivi elettronici, in modo da poterli accendere in caso gli addetti alla sicurezza chiedano loro di farlo.

È probabile che questa nuova regola venga applicata anche negli aeroporti italiani.

Aggiornamento


La regola arriva dagli Stati Uniti, ed e' applicata negli USA dal 6 luglio 2014. La TSA (Transportation Security Administration, l'autorita' responsabile per la sicurezza dei trasporti) ha comunicato la nuova regola in questa pagina, ecco la traduzione (con sottolineatura di un passaggio interessante):

Domenica 6 luglio 2014

La scorsa settimana, il Segretario per la Sicurezza Interna Jeh Johnson ha dato indicazioni alla TSA di implementare misure di sicurezza piu' elevate in alcuni aeroporti oltreoceano con voli diretti verso gli Stati Uniti.

I viaggiatori sanno che tutti i dispositivi elettronici sono controllati dal personale di sicurezza. Durante i controlli di sicurezza, gli addetti possono anche chiedere di accendere i dispositivi, compresi i cellulari.

Chiaro quindi: alla TSA non interessa se la vostra batteria e' mezza carica, se e' al 25% o al 90%: quel che e' necessario e' che sia carica a sufficienza da permettere di accendere il dispositivo elettronico (cellulare, tablet, computer, macchina fotografica).

Tags: sicurezza, Stati Uniti, TSA

Autobus a Londra, niente piu' pagamenti in contanti

Scritto da ViaggiareLeggeri, 02-07-2014 alle 13:39 | 2 commenti  | Permalink
Gli autobus londinesi, soprattutto quelli a due piani, sono un simbolo della capitale britannica, utilizzati anche da tanti residenti e da molti turisti, tra cui tanti italiani. Ed e' a questi ultimi che segnaliamo che, a partire dal 6 luglio 2014, sugli autobus di linea di Londra non sara' piu' consentito pagare il biglietto in contanti....

Tags: Londra e dintorni, pagamenti, pullman, trasporti pubblici

Mese precedente  /  Tutto il mese