Violare le regole a Singapore


02/02/2009 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Up. O down. Dipende.

Il cartello diceva "Up", io sono andato "down", e cio' nonostante non sono comparsi all'improvviso i poliziotti singaporiani o il loro temutissimo Gruppo Antiterrorismo. E neppure la polizia privata Cisco-Certis, che e' quella che si vede di piu' in giro.

Uno inizia col non rispettare i cartelli sui sentieri dell'isola di Kusu e poi finisce, prima o poi, col guidare una gang di criminali. Ahi ahi...



Argomenti: Singapore, foto, leggi e regole, scale
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Riassunto dal 28 gennaio al 1 febbraio 2009
Successivo
Chingay Parade, un gruppo di partecipanti


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Uno piu' diciassette uguale...


Codici consentiti

Potrebbe interessarti...

Il cartello piu' inutile del mondo

Avvisi dagli amministratori

14/02/2021: La newsletter, ancora
Iscriversi e disiscriversi alla newsletter e' ora più semplice e NON richiede neppure la creazione di un profilo-utente sul sito: potete iscrivervi col modulo presente al fondo di tutte le pagine del sito.