Blog e liberta' d'informazione online


13/07/2009 | Autore: Redazione VL

Il sito www.viaggiareLeggeri.com aderisce alla giornata di silenzio per la liberta' d'informazione online, indetta per il 14 luglio 2009. Il logo della campagna

L'obbligo di rettifica entro 48 ore, presente nel "decreto Alfano", creerebbe oneri insostenibili per i siti amatoriali, quale che sia l'argomento trattato su tali siti, obbligando di fatto i gestori di tali siti ad operare come le redazioni (retribuite) dei media tradizionali. Si tratterebbe del chiodo finale sulla bara della libera informazione in Italia, esattamente come desiderato dal proprietario del piu' grande gruppo mediatico nazionale (nonche' proprietario della tessera n. 1816 della loggia massonica P2, che - sorpresa! - aveva tra i propri obiettivi il controllo dell'opinione pubblica attraverso l'acquisizione di canali televisivi e giornali).

Se un blogger e' tenuto a rispettare regole fissate per i giornalisti professionisti, il minimo i blogger possono pretendere - non semplicemente "chiedere" - e' che la qualifica di "giornalista" venga applicata anche a loro, magari a seguito di revisione delle regole per l'iscrizione al vetusto albo dei giornalisti.




Link: Dirittoallarete.ning.com
Argomenti: giornalismo, siti Internet, Italia, libertà di parola e censura
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Angurie, Oceano Pacifico e gentilezza taiwanese
Successivo
Il sole scotta, a Singapore


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Undici meno sette uguale...


Codici consentiti