Burocrazia torinese


24/08/2010 | Autore: Claudio @ VL | 1 commenti

Questura di Torino, ufficio immigrazione, alcune centinaia di persone in coda. Bambini d'aspetto asiatico che parlano in perfetto italiano con bambini d'aspetto maghrebino, e che poi si rivolgono ai loro genitori in un'altra lingua. Due bimbi - di genitori nati in Corea, credo - si rincorrono tra la gente in attesa, poi si fermano davanti alla macchinetta del caffe' e dicono "acqua, acqua!", un ragazzo africano alto e sottile si alza e sta per acquistare una bottiglia d'acqua ai bimbi, la loro mamma arriva di corsa, ringrazia e li riporta a sedere.
In coda in questura


Tante facce interessanti, sarebbe bello produrre una galleria di ritratti per documentare l'immigrazione in Italia. Non che sia un'idea nuova, ma mi piacerebbe farlo.



Argomenti: migranti, Italia, documenti
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
A Singapore, tra Taipei e Roma
Successivo
Un'allegra canzoncina sui voli a basso costo


Commenti (1)


25/08/2010 10:46:45, Mauro
Sarebbe Bello davvero Documentare i volti di queste persone che arrivano con la speranza di un futuro migliore per loro per i loro figli, Troppo spesso i media Italiani li Mostrano solo per raccontare qualche fattaccio di cronaca nera, mentre invece gran parte di loro lavorano e fanno i lavori che noi italiani non vogliamo piu' fare.
E credo anche che non ci sia persona piu' adatta di chi ha vissuto e lavorato in giro per il mondo per fare questa galleria di volti!

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventotto meno sette fa...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.