Walter Bonatti, 1930-2011


14/09/2011 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Da quassu' il mondo degli uomini altro non sembra che follia, grigiore racchiuso dentro se stesso. E pensare che lo si reputa vivo soltanto perche' e' caotico e rumoroso.

Il 19 agosto 1955 ho attaccato il Dru,
e durante i successivi cinque giorni,
la durata della mia avventura solitaria,
e' come se fossi vissuto su un altro pianeta,
come se fossi penetrato in un'altra dimensione sconosciuta,
come se fossi entrato in uno stato mistico e visionario
in cui l'impossibile non esiste
e tutto puo' riuscire.

Se ti e' nato il gusto di scoprire non potrai che sentire il bisogno di andare piu' in la'. Al Monte Bianco comunque sono sempre ritornato anche dopo tanti anni, e l'ho fatto come si puo' tornare a un padre per dialogare, con tutto l'affetto e i ricordi che un figlio cerca nei propri genitori.


 




Fonti:
www.lemiemontagne.it
www.altaquotayoga.it
dani-climb.blogspot.com
Immagine: Wikipedia


Argomenti: montagna, personaggi
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Il Madagascar visto da un microelicottero
Successivo
Ryanair: o usate il nostro bancomat o pagate 12 sterline a testa


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Se ho cinque spammer e due vengono arrestati, quanti ne restano liberi?


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.