Parallelepipedi bianchi ciprioti fotografati col cellulare


17/10/2011 | Autore: Claudio @ VL

Parallelepipedi bianchi ciprioti fotografati col cellulare

Vale la pena di portarsi in vacanza due o tre chili di reflex con obiettivi e accessori (piu' magari un laptop o netbook per scaricarle ed elaborarle)? Basta una bridge o una compatta? Oppure anche questi tipi di macchine fotografiche hanno fatto il loro tempo, e il telefono cellulare - piu' precisamente lo smartphone le puo' rimpiazzare?

Foto scattata con un HTC Legend, con cui sto scrivendo tutti i post da Cipro, e col quale ho scattato tutte le foto etichettate come cartoline. La foto originale "pesava" 5MB e conteneva molti dettagli, l'ho ridotta a 70KB con Picsay per velocizzarne il caricamento sul sito. Ho scelto apposta la foto di un luogo insignificante - il retro dell'albergo in cui mi trovo, a Cipro - per dimostrare che non serve la piu' recente Canikon da 36 megapixel per fare foto decenti. Soprattutto se verranno viste sullo schermo di un computer. E soprattutto se al costo della reflex si aggiunge quello del fisioterapista che curera' la vostra schiena, o del portatore nepalese che si fara' carico del vostro zaino fotografico anche durante le escursioni lungo il Lambro.



Argomenti: fotografia, viaggiare leggeri, cartoline, telefonia
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Guardate fuori dal finestrino, ogni tanto
Successivo
Il faro di Paphos


Commenti


23/10/2011 23:21:23, Mauro
Si ma ti voglio vedere con l'HTC fotografare, una foca su uno scoglio a 600 metri magari da una barca in movimento, oppure sulla spiaggia fotografare quella bella ragazza sul Bagnasciuga mentre tu sei al bar e non vuoi farti notare neanche dalla moglie, come Fai senza il teleobiettivo? eh

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Due per sei uguale...


Codici consentiti