Due Chimay a Bruxelles aspettando l'Eurostar


09/04/2012 | Autore: Claudio @ VL | 1 commenti

Due Chimay a Bruxelles aspettando l'Eurostar

Sono parziale nei confronti della Guinness. Dovunque mi trovi, dagli Appennini alle Ande, dal Manzanarre al Reno, ordino il nettare irlandese, capace di causare colite fulminante al fior fiore dei consumatori di birra, compresi quelli che reggerebbero quattro lattine di Crest al Piper vicino a Stazione Dora.

Ma non oggi. Sono in un bar di fronte alla stazione Bruxelles Midi, e ho davanti a me una Chimay Blue, birra belga prodotta da frati trappisti (o piu' probabilmente, nel 2012, da una fabbrica trappista di birra). La Chimay mi riporta agli anni Novanta e ad una birreria chiamata La Mela, a Cigliano, che i miei amici scoprirono per caso nel Vercellese. Uno beveva Urbock, l'altro Tenent's, il terzo ordinava sempre qualcosa di nuovo, salvo poi chiedermi, meta' delle volte, di far cambio con la mia Chimay (blu, come oggi, neppure rossa). Alla Mela lavoravano due ragazze che, senza essere ne' sfacciate ne' provocanti ne' tantomeno volgari, rappresentavano il 50% delle motivazioni che spingevano i clienti maschi a tornare nel locale.

Siamo ancora nel bar di Bruxelles, la Chimay bianca che mia moglie ha voluto provare non era cosi' buona, per lei. E cosi', dopo Chimay e bruschetta alpina, siamo passati a wok con pollo, scampi, legumi e riso accompagnato da Heineken e - ovvio - Chimay Blue.



Argomenti: birra, cartoline, pub e bar, Belgio e belgi
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Gladioli olandesi
Successivo
Le finestre delle case olandesi


Commenti (1)


11/04/2012 23:29:27, Mauro
Beh se dobbiamo parlare di Guinness non posso essere che d'accordo con tè è assolutamente differente da qualsiasi altra birra! Ma la Mia ahem rovina negli anni 90 non è stata la birra Ma bensi i Whiskyes scozzesi e non solo. in particolar modo i torbati, capiamoci non è che sono diventato alcolista, ma quando potevo assaggiarne uno che non avevo mai assaggiato non mi tiravo indietro quindi a partire dal primo amore il Laphroaig, sono passato per lagavulin, Talisker, Oban, etc. etc. fino che..... (Guarda a volte il destino) ho scoperto che mio cognato Francese è un estimatore anche lui di Whisky e mi ha fatto assaggiare Il Whisky Giapponese!! Superlativo e l'altranno mi ha messo ha conoscenza (me e il mio palato) di un'altro nettare chiamato Ardbeg Buonissimo ma anche carissimo!! ora è un po che non degusto anche perchè sono a dieta e purtroppo i liquori sono nemici della dieta, Ma appena ne avrò l'occasione uno strappino lo faccio!!

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Undici meno sette uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.