Olimpiadi 2012: inaugurazione, ciclismo, pubblico, Taiwan


29/07/2012 | Autore: Redazione VL

Note sparse sulle Olimpiadi 2012 di Londra viste da uno che a Londra ci vive, volente o nolente, tutto l'anno...

La cerimonia inaugurale delle Olimpiadi, ieri sera, m'e' parsa molto, forse troppo auto-celebrativa. O meglio, m'e' sembrata adatta, perfetta, per un pubblico britannico o residente in Gran Bretagna, meno adatta ai miliardi di persone che da queste parti non hanno mai messo piede. Ma potrebbe essere stata una scelta didattica degli organizzatori del LOCOG e di Danny Boyle, il regista dell'evento.

Tutte le comparse vestite con cappello a cilindro, basettoni e sigaro in bocca, durante il segmento dedicato all'industrializzazione della Gran Bretagna, chi interpretavano? Non Abramo Lincoln, come molti spettatori statunitensi hanno creduto: era Isambard Kingdom Brunel (1806-1859), l'ingegnere simbolo dell'inventiva britannica durante la rivoluzione industriale, e secondo miglior Briton di tutti i tempi, secondo un programma televisivo di pochi anni fa. E dubito che in Italia - o negli USA, o in Polonia - sia stato colto l'accenno alla sigla iniziale della popolarissima serie televisiva Eastenders. O che sia stata compresa l'imporanza del Great Ormond Street Hospital (quel "GOSH" fatto di luci, visto nello stadio dall'alto). E le menzioni del rock, dei mod (Paul Weller e i Jam), i rave party, e Relax dei Frankie Goes To Hollywood, censurata quasi trent'anni fa. E il mescolare serieta' e leggerezza, vita e morte, gli incubi notturni dei bambini e Mr. Bean che scoreggia, James Bond con la regina, e il pubblico invitato a ricordare i caduti della prima guerra mondiale, dovunque essi siano. In un tono allegro e tragico, umile e orgoglioso, creativo e meticoloso. Come gli abitanti di quest'isola.

Passiamo al ciclismo. Durante tutta la corsa di oggi, la BBC ha dato per scontato che la tattica del Team GB di controllare il 'gruppo' fosse la piu' adatta a portare Mark Cavendish allo sprint finale e alla vittoria. Mossa sbagliata, Cavendish e' arrivato ventinovesimo e ha pure dato la colpa alle altre squadre che non hanno collaborato. Mark, parli seriamente? Sei il favorito di una gara, corri in casa, e ti aspetti pure il sostegno degli avversari?

E veniamo ora al pubblico, ed evitiamo giri di parole: ci sono tanti posti vuoti, durante questo inizio di Olimpiade. Sara' che tanti eventi si seguono meglio sul divano di casa, davanti alla tv. Sara', soprattutto, che i biglietti per questi Giochi Olimpici non erano facili da ottenere, perlomeno per chi vive in Gran Bretagna, tanto che conosco solo una persona che ne ha (quattro, per una partita di basket della Lituania). Ecco cosa succede quando si vendono dei biglietti a centinaia e a migliaia di sterline, e quando li si offre a sponsor che di sport e di spirito olimpico s'interessano meno che della lanugine che hanno nell'ombelico: ti ritrovi con stadi semivuoti. Speriamo saltino fuori biglietti ufficiali, ora, a prezzi abbordabili, o magari anche gratis, che non mi dispiacerebbe.

La bandiera OLIMPICA di TaiwanLa VERA bandiera di Taiwan Pensierino finale della giornata (anzi, pensierino iniziale, visto che in Italia e' gia' domenica): mi farebbe piacere vedere Taiwan, che alle Olimpiadi deve presentarsi sotto lo pseudonimo "Chinese Taipei", vincere qualche medaglia. Tante, magari, giusto per imbarazzare un po' i loro minacciosi vicini. E giusto per rafforzare quest'augurio, ecco le due bandiere di Taiwan, quella che i taiwanesi devono utilizzare alle Olimpiadi per evitare d'irritare il vicino gigante "comunista" e quella vera.


Volete dire la vostra? Visitate Olimpiadi Londra 2012, le vostre impressioni, nel forum.


Argomenti: Olimpiadi Londra 2012, eventi, sport, Gran Bretagna, Taiwan
Segui i commenti tramite RSS


<< Precedente
Canali intorno a Paddington Station - 26.07.2012
Successivo >>
Trasporti pubblici londinesi, giornata di fuoco


Commenti


29/07/2012 11:58:50, andreaG
VL ha scritto "E veniamo ora al pubblico, ed evitiamo giri di parole: ci sono tanti posti vuoti, durante questo inizio di Olimpiade. Ecco cosa succede quando si vendono dei biglietti a centinaia e a migliaia di sterline, e quando li si offre a sponsor ... ti ritrovi con stadi semivuoti. "

concordo in pieno, una mia amica ha avuto "gratis" (omaggiati, credo, da una azienda sponsor per cui lavora) dei biglietti per la scherma;

peccato che, il giorno della gara, proprio per incarico della soc. sponsor era a 1400 km da Londra...: ha interpellato più persone, ma nessun conoscente era in grado di andare, e i posti sono rimasti...vuoti (se me li avesse offerti con un mese di preavviso, ci avrei fatto un pensiero...)
29/07/2012 14:28:24, Redazione VL
Il notiziario della BBC delle 13 aveva come notizia d'apertura proprio i tanti posti vuoti negli stadi. Sebastian Coe (che io preferivo Ovett e poi Cram, ma non importa), il boss del comitato organizzativo, ha dichiarato che non ci saranno piu' stadi vuoti. Io rimango in attesa di biglietti a prezzi abbordabili. Anche se entrare con una refrex con un bel teleobiettivo sara' improbabile.
29/07/2012 21:35:14, Redazione VL
Correzione: avro' capito male io, ma Coe ha detto che non ci sono stadi vuoti. Resta il fatto che, per riempire quegli stadi "non vuoti", verranno dati biglietti a insegnanti e scolaresche.

In parole povere: se siete dalle parti di un evento olimpico e non avete il biglietto, fatevi vedere in biglietteria dopo che l'evento e' iniziato, e chiedete quanto vi pagherebbero per entrare ... correggo, chiedete se sono a disposizione biglietti gratis o a prezzo ridotto. Potrebbe capitare.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Se e' pugliese, viene dalla ...


Codici consentiti


Avviso dagli amministratori

15/11/2019: Caricamento foto e creazione gallerie
Sapevi che molti spammer visitano questo sito? Per causa loro, la creazione di nuove gallerie fotografiche e il caricamento di nuove foto nel sito e' ora limitato agli utenti attivi sul sito, cioe' a coloro che hanno inserito commenti nel blog, nel forum o in altre aree del sito.
Avvisi pubblici precedenti