Treni, Gran Bretagna, Vivere in Inghilterra, Cartoline

Gran Bretagna, un paradiso per chi ama i treni

Riviste specializzate su qualsiasi argomento, comprese le ferrovie a scartamento ridotto

di ViaggiareLeggeri, 02 ottobre 2012 | Tempo lettura 1' | 3 commenti | Commenta

Il trasporto di persone e merci su rotaia e' nato in Gran Bretagna nel XIX secolo, e insieme ai treni e' nata la passione per tutto quel che viaggia su rotaie, compresa l'attivita' del trainspotting e quella, praticata anche in Italia tanti anni fa soprattutto duranti afosi e oziosi pomeriggi estivi, di contare i vagoni dei treni di passaggio.

Per chi ama i treni e ne e' un conoscitore, non solo le stazioni ferroviarie, ma anche solo le edicole (*) sono un piccolo paradiso: come per ogni nicchia di mercato, grande o piccola che sia, anche per gli appassionati di treni esistono decine di riviste, facili da trovare. Eccone una selezione vista in un WH Smith (**) nel Surrey.








(*): piu' precisamente, i negozi dove si vendono giornali e riviste. Le edicole sono quasi scomparse, perlomeno in Inghilterra,al di fuori di quelle londinesi;
(**): La catena di negozi WH Smith, che vende giornali, riviste, libri, cancelleria, CD, DVD, e di questi tempi ospita anche uffici postali, e' responsabile per l'istituzione del codice SBN per la catalogazione dei libri, introdotto nel 1966 e adottato in seguito come standard (ISO 2108) nel 1970, e che costituisce la base per l'attuale standard ISBN, introdotto nel 1974.




Di ViaggiareLeggeri, 02 ottobre 2012 | Tempo lettura 1' | 3 commenti | Scrivi
Altri articoli in Treni, Gran Bretagna, Vivere in Inghilterra, Cartoline

©2004, 2019 ViaggiareLeggeri.com. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.




Feed RSS del blog Vuoi essere avvisato dei nuovi articoli? Clicca qui!

PUBBLICITÀ

Queste pagine potrebbero interessarti


Vuoi essere aggiornato?

Se vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi commenti, registrati!

Commenti (3)

Scrivi
Il 03-10-2012 alle 16:19, - ha scritto:

VL ,
ma alla passione per i treni di ogni epoca ,
c'e' ancora il desiderio di viaggiare in treno in G.B. ?

In Italia desiderio o meno , per le lunghe percorrenze , mancano i treni , gli unici che ci sono , solo per chi non ha problemi di notte a chiudersi in 2/3 metri cubi di cuccetta o vagone letto .
Il 03-10-2012 alle 19:46, ViaggiareLeggeri ha scritto:

Nonostante costino parecchio di piu' che in Italia, i treni in Inghilterra sono usati parecchio, piuttosto puliti, e tutti (quelli che ho visto finora) dotati di aria condizionata. Per quanto riguarda il resto della Gran Bretagna non posso pronunciarmi perche' non sono mai salito su treni gallesi, scozzesi o nordirlandesi. Non che parlare di nazionalita' abbia molto senso, nel caso delle aziende ferroviario britannico: si tratta di aziende private, non statali.

Trattandosi di compagnie ferroviarie private, i prezzi sono un pelino differenti da quelli italiani: secondo un articolo della BBC, fino a dieci volte maggiori che in Italia (fonte).
Due paragrafi dall'articolo in oggetto (tradotti):
Un abbonamento ferroviario annuale da Woking a Londra, compresa (in parte) la metropolitana di Londra, costa 3.268 sterline.

E i prezzi italiani a confronto:
Un abbonamento simile, da Velletri, periferia romana, a Roma costa solo 336,17 sterline.

La distanza e' di 22 miglia, il che significa che un passeggero italiano che faccia il viaggio di andata e ritorno cinque giorni alla settimana per tutto l'anno pagherebbe solo 3 pence al miglio.

Quei 3 pence al miglio pagati dal passeggero del treno Velletri-Roma equivalgono a 2 centesimi di euro al chilometro. Non so se i dati italiani siano corretti, quelli inglesi sono verosimili: io faccio ogni giorno circa 40km in treno spendendo circa 11 euro, il che significa che spendo 27 centesimi di euro al km.

E nonostante cio', agli inglesi i treni piacciono.
Il 04-10-2012 alle 09:45, - ha scritto:

27 cent a km ?

Caspiterina !

Quindi non oso a chiederti quanto al km in lunga percorrenza...

in Italia la lunga percorrenza per circa 1200 km di tratta , coperta in 18 o in 10 ore , si spende tra i 12 cent a km comprensivi di letto/cuccetta ai 9 cent a km posto a sedere , premettendo che si dovra' fare per il posto a sedere il Giro d'Italia Forzato per stazioni e allungamento tragitto.

Poi per i vari treni "freccia ecc. ecc." , se i prezzi sono ancora accessibili (a confronto della G.B.) ,
e per il sistema statale che e' ancora collegato , ma non credo che duri tanto , visto la piega(in positivo e non) che nell'ultimo anno sta' prendendo "trenitalia"
(+tagli+ottimizzazione+aumenti= in arrivo i privati (?) )

Il tuo commento 

Aggiungi un commento a Gran Bretagna, un paradiso per chi ama i treni

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatoria, non verra' pubblicata)
Sito internet (facoltativo)


Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Venti diviso quattro uguale





Prima di salvare il tuo messaggio, usa il buon senso... e se hai dei dubbi, leggi il decalogo per chi scrive nel forum
 

Per abbellire il tuo messaggio, usa questi comandi 
Se digiti... comparirà
[b]grassetto[/b] grassetto
[i]corsivo[/i] corsivo
[u]sottolineato[/u] sottolineato
[s]sbarrato[/s] sbarrato
[size=14]Testo alto 14 punti[/size] Testo alto 14 punti
[color=red]Testo rosso[/color] Testo rosso
[mail]io@email.com[/mail] io@email.com
[url]http://www.viaggiareleggeri.com[/url] http://www.viaggiareleggeri.com
[url=http://www.viaggiareleggeri.com]sito[/url] sito
[list][*]Primo punto della lista[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  • Primo punto della lista
  • Secondo punto
  • Terzo punto
[list=1][*]Primo punto della lista numerata[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  1. Primo punto della lista numerata
  2. Secondo punto
  3. Terzo punto
[quote]Nel mezzo del cammin di nostra vita[/quote]
Nel mezzo del cammin di nostra vita
[foto]http://www.viaggiareleggeri.com/galleryPics/2634.jpg[/foto] Foto



Permalink: Gran Bretagna, un paradiso per chi ama i treni