Accordo sullo scambio di informazioni tra USA e Unione Europea: la privacy non arriva al Nuovo Mondo


07/10/2006 | Autore: Redazione VL | 0 commenti

Le autorita' statunitensi e quelle europee hanno raggiunto un accordo per la trasmissione dei dati dei passeggeri diretti verso gli USA. I termini del nuovo accordo prevendono l'invio dall'Europa verso il DHS (Department of Homeland Security, autorita' preposta al controllo dei confini e, dopo l'11 settembre 2001, alla protezione contro attacchi terroristici) dei dati di ogni passeggero, mentre accordi precedenti consentivano alle autorita' USA di "interrogare" direttamente i database delle linee aeree. Tra i dati consultabili dal DHS figurano passaporto, numero di telefono, preferenze per i pasti a bordo e, ovviamente, dettagli della carta di credito utilizzata per il pagamento.

Se in Europa le leggi in difesa della privacy sono severe, negli USA lo sono molto meno. Una volta in possesso del DHS, i dati dei passeggeri provenienti dall'Europa rischiano di essere trasmessi liberamente da un'agenzia federale USA all'altra (dal DHS all'FBI alla NSA), fino ad essere condivisi con un numero troppo elevato di organizzazioni per poter garantire la riservatezza dei dati.

Il Commissario per la Giustizia della Comunita' Europea Franco Frattini e il Ministro della Giustizia finlandese Leena Luhtanen (la Finlandia presiede attualmente la Comunita' Europea) si sono dichiarati soddisfatti dell'accordo raggiunto, che rappresenta secondo loro il miglior compromesso possibile tra esigenza di trasmettere i dati dei passeggeri alle autorita' USA e la necessita' di garantire la riservatezza dei dati.



Link: http://news.bbc.co.uk/2/hi/europe/5412092.stm
Argomenti: privacy, sicurezza, Stati Uniti, TSA
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Ai dirottatori dell'11 settembre e' vietato volare negli USA
Successivo
Specialita' gastronomiche di Jersey, Channel Islands


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sette meno tre uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.