Volare guidati dal GPS anziche' dal radar


01/09/2007 | Autore: Redazione VL | 0 commenti

L'industria aeronautica si prepara a sostituire il radar col GPS nella navigazione degli aerei. Il sistema Automatic Dependent Surveillance-Broadcast (ADS-B) e' basato su tecnologia GPS (Global Positioning System), e promette miglioramenti rispetto al radar per quanto riguarda sicurezza, puntualita', consumi, rumore, inquinamento.

Ecco alcune differenze tecniche tra navigazione/guida radar e GPS:

Velocita' d'aggiornamento:
Radar: aggiornamenti ogni 12 secondi.
ADS-B: aggiornamenti ogni secondo.

Disponibilita' dei dati:
Radar: dati disponibili solo ai controllori di volo, a terra.
ADS-B: dati disponibili ai piloti, ai controllori di volo a terra e agli altri velivoli in volo nell'area.

Copertura
Radar: scarse capacita' di localizzazione di velivoli a bassa quota e a terra.
ADS-B: capacita' di localizzazione non dipendente dalla quota.

Qualita' delle informazioni
Radar: Dati imprecisi su velocita' e quota del velivolo.
ADS-B: Dati esatti per posizione, quota, velocita' e direzione del velivolo


Il progetto ADS-B e' spinto dalla Federal Aviation Administration (FAA), l'ente governativo americano responsabile per i voli, tramite un contratto da un miliardo di dollari che verra' assegnato tra pochi giorni. La maggiore quantita' di dati, e la loro maggiore precisione rispetto a quelli provenienti dal radar, permettera' agli aerei di linea di volare molto piu' vicini diminuendo allo stesso tempo il rischio di collisioni, e creando quindi la possibilita' per un maggior numeri di velivoli di percorrere rotte vicine nello stesso momento, riducendo quindi le attese e i ritardi; la discesa verso l'aeroporto di destinazione avverrebbe a tre miglia di distanza, contro le attuali cinque.

Lo spedizioniere UPS e' gia' dotato di una flotta aerea equipaggiata di ADS-B, che permette di ridurre il consumo di carburante, il rumore e l'inquinamento generato dai loro aerei grazie alla possibilita' di mantenere il regime dei motori al minimo piu' a lungo. UPS ha richiesto alla FAA di essere autorizzata a decidere l'ordine di atterraggio dei propri voli, funzione attualmente gestita dai controllori di volo a terra. I piloti dei voli UPS, dotati di ADS-B, sono in grado di vedere sui loro monitor la posizione degli altri aerei UPS in zona, e il sistema permette agli aerei di allinearsi uno dietro all'altro, con adeguamenti automatici della velocita'. Il risultato previsto e' un aumento di 10%-15% degli atterraggi possibili ogni ora, risparmi di 1 milione di galloni di carburante all'anno e una riduzione del 30% del rumore e del 34% delle emissini di anidride carbonica.

I costi elevati, la mancanza di standardizzazione, e la necessita' di avere ogni linea aerea dotata del sistema ADS-B sono le principali complicazioni del progetto.



Link: UsaToday.com
Argomenti: aviazione, orientamento
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Connessione Internet presto disponibile sui voli American Airlines
Successivo
Con Ryanair, il check-in all'aeroporto sara' a pagamento


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La capitale portoghese si chiama...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.