Come diffondere un'infezione


21/05/2009 | Autore: Redazione VL

E' giovedi' mattina, sono in ufficio a Singapore. Il collega JD tossiva e si sentiva poco bene, lunedi'. Scherzando, mi ha invitato a non entrare nell'ascensore in cui si trovava. Scherzando. Oggi e' giovedi', ho febbre, tosse e dolori sparsi. L'avevo presa per una battuta, quella dell'ascensore. Non scherzava, JD.

Sabato partiro' per una breve vacanza a Taiwan. Il collega James, che ha iniziato a tossire ieri, andra' in Australia per due settimane per una serie di conferenze religiose; al fianco della sua carriera informatica ne ha una come pastore cristiano evangelico (pensateci: avere un Papa o un altro leader religioso che ne capisce di DNS. Potrebbe succedere, nell'anno tremila...). Il cinquantenne Chan, che e' di solito impegnato in una filiale dove sta installando e configurando un nuovo software, questa settimana e' stato in ufficio qui da noi; gia' ieri ha iniziato a tossire e oggi non pare molto in forma. La settimana prossima sara' in trasferta a Kuala Lumpur, in Malesia. e da li' volera' direttamente verso Giacarta, in Indonesia, la settimana dopo.

Mya e' una collega carina e giovane, singaporiana di etnia cinese. Giovane ... sembra ventenne, ma ha quasi trent'anni; sembrano sempre molto piu' giovani della propria eta', le ragazze di qui. Il "cubicolo" in cui lavora e' vicino a quello di JD; l'altro cubicolo confinante con quello di JD e' di Monique, assistente di un manager assunta da poco. Monique andra' per lavoro in Giappone, domani. Mya sara' a Hong Kong lunedi'. Entrambe hanno delle pastiglie di paracetamolo vicino alla tastiera dei loro computer; ho chiesto come mai, hanno detto che entrambe hanno qualche sintomo del raffreddore, entrambe da martedi'; a quel punto si sono girate verso JD, che e' sprofondato nella sua poltroncina fino a scomparire, dicendo "it's not my fault!".

Bruce, l'americano che sta in ufficio due porte prima del mio, e' da due giorni in Europa per lavoro. Londra, Roma e Zurigo, prima di tornare a Singapore dopo una breve sosta a Dubai.

E io che credevo ci fosse una crisi economica in corso! Le videoconferenze non le hanno inventate?

Riassumendo, i colleghi che lavorano nel mio ufficio, che sono stati a contatto con l'untore JD, e che sono o saranno in giro, per lavoro o per vacanze, toccheranno i seguenti Paesi:

- Taiwan
- Australia
- Malesia
- Indonesia
- Giappone
- Hong Kong
- Gran Bretagna
- Italia
- Svizzera
- Emirati Arabi Uniti

E' solo una piccola influenza, probabilmente, non la Febbre Suina o l'Influenza Aviaria, due delle mini-pesti di inizio millennio. Potremmo chiamarla l'influenza degli informatici del ventiquattresimo piano. Ma non impieghera' molto a diffondersi nel pianeta, partendo da un piccolo ufficio a Singapore. Ci sono aziende dove si viaggia molto di piu'. Ci sono periodi in cui poche persone partono dallo stesso ufficio per disperdersi in aree ancora piu' distanti tra loro sul nostro bel pianeta.

Consigli? Non sedetevi vicino a me, in aereo, se andate da Singapore a Taiwan.


Argomenti: salute, aviazione, globalizzazione
Segui i commenti tramite RSS

<< Precedente
Bagagli smarriti: saranno finiti nel motore?
Successivo >>
Uno scinco che ama posare


Commenti

Non ci sono ancora commenti. Vuoi iniziare tu? [Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Uno piu' tre uguale...