Pensierini: cinema taiwanese, NFL, photo workflow, Passengers, decadimento diapositive, Linux


18/01/2010 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Poca voglia di scrivere, ieri. Capita. E oggi non e' che ce ne sia molta di piu': dovrei pubblicare foto della Val d'Aosta recentemente visitata, elaborare quello che ho scritto sui posti da visitare in Georgia, scrivere della visita al giardino ornitologico di Jurong, e non ho ancora finito di raccontare com'e' finito il viaggio a Taiwan del maggio 2009 (per non parlare di quello dell'ottobre 2009). Ecco quindi alcuni pensierini sparsi del lunedi' mattina.

Per cominciare, un aggiornamento sul sito: ho aggiunto una pagina che elenca tutti gli articoli pubblicati nel blog nei cinque anni trascorsi da quando e' online. La pagina e' visibile cliccando nel menu' in alto su Blog, poi su Tutti gli articoli.

Per chi e' in viaggio negli USA ha un televisore e apprezza gli sport statunitensi: i playoff della NFL ci hanno regalato un atleta quarantenne di successo, Brett Favre. Non perdetevi quelli che potrebbero essere i suoi ultimi incontri: l'incontro dei Minnesota Vikings con i New Orleans Saints, sabato prossimo, e - in caso di vittoria - il Superbowl. Che un quarantenne non solo sopravviva, ma addirittura prosperi, in uno sport dove domina il contatto fisico, e dove difensori da centodieci chili ti si scagliano addosso a velocita' da centometrista, e' ancora piu' rilevante: a golf e a scacchi non si gioca con l'elmetto.

Aviazione e cinema: Passengers e' un film del 2008 che ho visto ieri in tv. Parla di un disastro aereo e di recupero post-traumatico, di vita e di morte. Ha alcuni momenti toccanti, e gli interpreti (Anne Hathaway e Patrick Wilson e, in un ruolo minaccioso ma enigmatico, David Morse) sono convincenti e rendono difficile distrarsi o cambiare canale, anche se avete una curva dell'attenzione che crolla dopo cinque minuti.

Fuori dalla finestra vedo il cantiere del nuovo casino' di Marina Bay, Singapore. Enorme, dovrebbe essere completato entro la fine di aprile 2010, anche se, guardandolo, e' difficile credere che possa essere pronto in meno di un paio d'anni. E non basta: sull'isola di Sentosa e' in costruzione un altro casino'. Singapore vuole diventare la mecca asiatica del giocatori d'azzardo, oltre ad essere un centro finanziario e medico.

Sabato ho visto al cinema il film taiwanese Not Without You, interessante per chi ama Taiwan e per chi voglia vedere immagini cinematografiche diverse dalle solite New York/Londra//Los Angeles. Un padre, Li Wu Hsiung, vive con la figlia di sette anni in una baracca galleggiante nel porto di Kaohsiung, e campa con pericolosi lavori da poco (ma pericolosi: s'immerge nelle acque del porto per fare manutenzione subacquea). Quando cerca di iscrivere la figlia a scuola, sotto la pressione degli assistenti sociali, Li scopre di non esserne il tutore legale, e inizia la odissea contro la burocrazia. Il regista evita i sentimentalismi, i personaggi non manifestano quasi mai in modo plateale le loro emozioni. "Not Without You" (Bu neng mei you ni), anche noto col titolo spagnolo "No puedo vivir sin ti", e' il candidato taiwanese all'Oscar 2010 come miglior film in lingua straniera.

Alcune note informatiche:

- Firefox era il browser piu' adatto per testare pagine web: se c'era un tag HTML fuori posto, la pagina collassava; Internet Explorer, invece, digeriva di tutto e mostrava anche pagine malformate. Ora la situazione si e' invertita, e Firefox e' diventato piu' tollerante verso gli errori di programmazione, mentre Explorer e' ora piu' sensibile agli errori. MSIE e' ora "il" browser da usare per verificare la solidita' di una pagina.

- Sto preparando una lista di programmi per gestire foto in Linux. Alcuni di quelli che ho provato sono molto sofisticati (RawTherapee, DigiKam), altri fanno una sola cosa e la fanno bene (Rapid Photo Downloader), alcuni hanno interfacce complicate o poco istintive (RawTherapee, The Gimp), altri ancora vanno in crash facilmente (ne parleremo). Ma anche in Windows non e' che le cose vadano meglio, per chi ha pochi soldi da spendere (quindi niente Aperture/Lightroom/Photoshop) e non vuole ricorrere al software taroccato. Paint Shop Pro X2 va frequentemente in crash - su un computer nuovo e con buon hardware - usando la funzione Organizer. Microsoft Live Photo Gallery va in crash, anche se piu' raramente. Forse ho troppe foto.

- Parlando di troppe foto (I), un NAS (Network-Attached Storage) sarebbe la soluzione migliore, per archiviare tutte le mie foto. Se avessi ancora un vecchio computer di quelli comprati per due soldi a Staines ... ci attaccherei i due dischi rigidi esterni gia' in mio possesso, e ne aggiungerei altri.

- Parlando di troppe foto (II), il pagliaio e' diventato troppo grosso per poterci trovare l'ago. Rintracciare una specifica foto diventa un'impresa, quando si supera una certa quantita'. Dovrei taggare ogni immagine... o eliminarne alcune decine di migliaia.

Nel frattempo, le foto dei viaggi che ho fatto durante l'Era Della Diapositiva (1985-2000) stanno rovinandosi, attaccate dal freddo, dal caldo e dall'umidita' in un garage vicino a Torino. E tutti quei momenti andranno perduti nel tempo come lacrime nella pioggia.

Cose da fare se ami viaggiare e perdi il lavoro: un collega inglese aveva passato quattro mesi in auto attraversando gli USA. Se dovesse capitare a me, credo che - da Singapore dove sono ora - farei un salto in Australia e la girerei in auto, magari per un paio di settimane. O forse mi ritirerei in una baita sulle montagne a nord di Hualien.


Argomenti: football americano, Linux, fotografia, cinema, riassunti
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Bagaglio in stiva gratis, bagaglio a mano a pagamento
Successivo
Ryanair, domande sui viaggi: chi cerca non trova


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La capitale portoghese si chiama...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.