Viaggiare in Nuova Zelanda in auto, gratis


21/11/2010 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Ci sono tanti modi per girare in Nuova Zelanda: auto, minivan, camper, moto, bicicletta.

Chi va in vacanza in Nuova Zelanda finisce spesso col noleggiare un'auto, per girare la Terra dei Kiwi. Chi scrive ha noleggiato una Nissan Sunny via Internet, l'ha ritirata all'aeroporto di Auckland a fine giugno e l'ha riconsegnata 7.500 chilometri dopo nello stesso posto, un mese dopo, pagando circa 32 NZ$ (18 euro) al giorno.

E se uno volesse andare in Nuova Zelanda e viaggiare in auto gratis? Pare sia possibile.

Chi arriva in Nuova Zelanda spesso organizza il proprio giro dell'isola in modo da arrivare in un aeroporto e ripartire da un altro, per evitare di visitare due volte le stesse aree. Una scelta valida fino a un certo punto, considerato che e' possibile viaggiare sulle coste occidentali e orientali delle isole neozelandesi evitando di vedere due volte gli stessi posti, e che decidere di visitare una sola costa porta a fare esclusioni drammatiche: nell'isola meridionale, meglio vedere le balene a Kaikoura e le sfere di Moreaki, entrambi ad est, oppure i ghiacciai e i fiordi della costa occidentale?

Quindi molti finiscono con l'arrivare ad Auckland, ritirare l'auto noleggiata, guidarla fino a Christchurch, e da li' ripartire in volo. Le aziende che noleggiano auto si trovano quindi con tante vetture che, noleggiata nell'isola settentrionale, vengono riconsegnate in quella meridionale; quelle vetture servono al piu' presto a nord, di solito ad Auckland, per altri turisti che percorreranno lo stesso giro. Quelle aziende possono quindi pagare dei guidatori per spostare le auto da una citta' neozelandese all'altra, oppure possono metterle a disposizione gratuitamente a chi desidera guidarle da un punto ad un altro definito dall'azienda di noleggio. Il sito TransferCar (www.transfercar.co.nz) elenca le auto disponibili gratis e i dettagli di ciascun percorso. Le agenzie che mettono a disposizione queste auto (meglio: le agenzie che sono in cerca di guidatori che non si facciano pagare) non forniscono le auto per periodi illimitati, anzi, i tempi per la consegna delle auto sono piuttosto stretti, ma se uno volesse attraversare la Nuova Zelanda a basso costo, potrebbe usare questo servizio, magari combinando diverse 'tratte gratis'.

Ecco alcuni esempi di veicoli a disposizione su TransferCar.co.nz:
1) Un motorhome da guidare da Christchurch a Auckland in quattro giorni, percorrendo al massimo 2.000 km, traghetto e assicurazione pagate;
2) Un campervan da guidare da Christchurch a Auckland, massimo 20.000 km (!), massimo cinque giorni, assicurazione e carburante pagati;
3) Una berlina a cinque posti da guidare da Christchurch a Auckland in non piu' di cinque giorni, massimo 20.000 km, assicurazione pagata.

Nel sito, trovare un'auto gratis da Auckland verso il sud e' come cercare benzinai nel deserto del Gobi: non ce ne sono, ma questo e' prevedibile. Quella e' la rotta che porta profitti, i clienti pagano, per andare da Auckland verso il sud. Ma combinare questo servizio con altre soluzioni e' possibile: per esempio, pagare per un'auto a noleggio per andare da Auckland a Christchurch, poi usare Transfercar per prendere un'auto gratis da Christchurch a Queenstown o a Wellington, e da li' prendere un'altra auto gratis per tornare a Auckland. Oppure organizzare il viaggio in modo da atterrare a Christchurch e ripartire da Auckland.
E magari - se rientrate nei limiti d'eta' necessari - potreste fare uso del WWOOFing, per viaggiare a costi ancora piu' ridotti. Ma di questo parleremo un'altra volta.


Argomenti: Nuova Zelanda, viaggiare low cost, auto, noleggio
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Scanner aeroportuali, conflitto d'interessi (solo negli USA?)
Successivo
Ryanair e documenti danneggiati: un'esperienza personale


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventotto meno sette fa...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.