Foto, Gran Bretagna, Monumenti, World Heritage

Il popolo di Stonehenge

di ViaggiareLeggeri, 07 luglio 2011 | Tempo lettura 4' | 0 commenti | Commenta

Folla nel circolo megalitico di Stonehenge



Foto scattata il 21 giugno alle sei e mezza di mattina nel circolo megalitico di Stonehenge, in occasione del solstizio 2011. La folla era gia' in calo: tanta gente e' andata via gia' alle cinque meno dieci, pochi minuti dopo il sorgere del sole, un evento che i presenti possono aver solo intuito: il cielo, coperto per tutta la mattina, ha lasciato intravedere qualche isolato raggio di sole verso le sette e un quarto: niente alba radiosa sui megaliti neolitici.

Per arrivare a Stonehenge in tempo per l'alba ho dovuto alzarmi piuttosto presto: con l'alba alle 4,45, oltre cento chilometri da percorrere partendo da Heathrow, e almeno venti minuti per parcheggiare e raggiungere a piedi il monumento preistorico, mi sono alzato alle tre di mattina e sono partito mezz'ora piu' tardi. Strade (M25 ed M3, poi A303 e infine la A344) quasi deserte all'inizio, con traffico intenso negli ultimi dieci chilometri. Tanta gente e' arrivata il giorno prima e ha campeggiato nei dintorni. A detta del personale del parcheggio principale, quest'anno c'e' stata meno folla che nel 2010, sia per il tempo poco promettente, sia perche' il ventuno giugno era una giornata lavorativa. Da notare che in occasione del solstizio il parcheggio, come l'ingresso a Stonehenge, e' gratuito.

Raggiunto il circolo di megaliti non ho trovato druidi vestiti di bianco. Invece, ho avuto la possibilita' di avvicinarmi alle pietre, cosa non consentita durante il resto dell'anno. E ottenere di piu' pagando di meno (o niente, come in questo caso) e' sempre cosa gradita.

Dicevo della mancanza dei druidi. Stonehenge meta di pellegrinaggi di seguaci di religioni neopagane, si legge e si sente dire. Un'esagerazione, m'e' parso, visto che di religioni non c'era traccia a Stonehenge il giorno del solstizio. Forse, se fosse apparso il sole, i presenti sarebbero caduti in ginocchio e avrebbero rivolto al cielo preghiere in misteriose lingue, compreso l'italiano, probabilmente, vista la corposa presenza di connazionali.

C'e' personale della sicurezza in giro, assunto probabilmente da English Heritage, l'organizzazione che gestisce Stonehenge; vestiti di giallo fosforescente, spiccano nella folla. Alcuni poliziotti osservano a distanza, in modo da non provocare i presenti. Fumo di sigarette (sigarette?), poche bevande alcoliche, strane capsule sparse ovunque nell'erba. Suoni di tamburi. Al centro del circolo megalitico due donne parlano al pubblico con un microfono, un ragazzo tiene sollevato un gigantesco ghettoblaster che spara le loro parole a tutto volume. Una delle due donne e' vestita da pirata. Parlano di uno stile di vita non basato sul consumismo, di vivere in un modo differente, di trovare quel che cerchiamo e quel che davvero ci serve al di fuori dei supermercati. D'accordo su tutto, eppure piazzarsi in mezzo al circolo e imporre ai presenti il loro discorso m'e' parso ... fuori luogo, ecco. Altri oratori si alternano nel rivolgersi al pubblico, composto almeno per meta' da ragazzi e ragazze non piu' vecchi di vent'anni. Il ghettoblaster trasmette una proposta, stanno cercando qualcuno che aiuti a spargere le ceneri di Brian Felstein ("Brian Viziondanz"), un attivista morto di cancro pochi mesi fa. Brian, sessantaduenne, era un pacifista e un attivista, e grazie a lui e ad altri attivisti Stonehenge venne riaperta al pubblico in occasione del solstizio. Un ragazzo si offre, prende l'urna (o e' un barattolo di caffe'?), altri lo seguono. Sparge le ceneri alla base delle pietre, sull'erba, e su vari ragazzi e ragazze.

Clamori dall'altra parte del circolo. Un ragazzo sta arrampicandosi tra due pietre, e' a quattro metri da terra, sale facendo pressione con la schiena su una pietra e con i piedi su quella di fronte. Quelli della sicurezza non gradiscono, lo fanno scendere e lo portano via: la tentazione di scalare le rocce e' forte, ma i cartelli e volantini che vietano quest'attivita' sono ovunque.




Di ViaggiareLeggeri, 07 luglio 2011 | Tempo lettura 4' | 0 commenti | Scrivi
Altri articoli in Foto, Gran Bretagna, Monumenti, World Heritage

©2004, 2019 ViaggiareLeggeri.com. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.




Feed RSS del blog Vuoi essere avvisato dei nuovi articoli? Clicca qui!

PUBBLICITÀ

Queste pagine potrebbero interessarti


Vuoi essere aggiornato?

Se vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi commenti, registrati!

Il tuo commento 

Aggiungi un commento a Il popolo di Stonehenge

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatoria, non verra' pubblicata)
Sito internet (facoltativo)


Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Nove per due uguale...





Prima di salvare il tuo messaggio, usa il buon senso... e se hai dei dubbi, leggi il decalogo per chi scrive nel forum
 

Per abbellire il tuo messaggio, usa questi comandi 
Se digiti... comparirà
[b]grassetto[/b] grassetto
[i]corsivo[/i] corsivo
[u]sottolineato[/u] sottolineato
[s]sbarrato[/s] sbarrato
[size=14]Testo alto 14 punti[/size] Testo alto 14 punti
[color=red]Testo rosso[/color] Testo rosso
[mail]io@email.com[/mail] io@email.com
[url]http://www.viaggiareleggeri.com[/url] http://www.viaggiareleggeri.com
[url=http://www.viaggiareleggeri.com]sito[/url] sito
[list][*]Primo punto della lista[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  • Primo punto della lista
  • Secondo punto
  • Terzo punto
[list=1][*]Primo punto della lista numerata[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  1. Primo punto della lista numerata
  2. Secondo punto
  3. Terzo punto
[quote]Nel mezzo del cammin di nostra vita[/quote]
Nel mezzo del cammin di nostra vita
[foto]http://www.viaggiareleggeri.com/galleryPics/2634.jpg[/foto] Foto



Permalink: Il popolo di Stonehenge