Volare comodo come un sultano


10/12/2011 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Mancanza di spazio per le gambe, biglietti che costano dieci euro quando li scegliamo e cento quando li paghiamo, code per i bagni a bordo. Abituati come siamo a combattere con questi problemi ogni volta che viaggiamo in aereo, riesce difficile immaginare che, per qualcuno, volare possa essere ancora un'esperienza comoda, rilassante ed elegante come un episodio di Pan Am.

Ti piacerebbe essere un sultano, eh?

Questo Vickers VC10 venne acquistato dal governo dell'Oman nel 1974, e fu l'aereo ufficiale del Sultano dell'Oman fino al 1987. Quadrimotore con due coppie di motori Rolls-Royce Conway ai lati della coda, il VC10 era considerato silenzioso negli anni Sessanta, ma per gli standard attuali equivale ad un posto in prima fila ad un concerto degli AC/DC. Alcuni esemplari di questo modello rimangono operativi con la Royal Air Force come aerocisterne.

Ma ora vediamo qualche foto dell'aereo del Sultano.

L'interno del VC10










Che bel divano

Notare la larghezza dei "sedili". Dubito che fossero necessarie prolunghe per le cinture di sicurezza, anche per passeggeri con problemi di obesita'.

L'entourage del Sultano

Non ci sono solo divani e larghe poltrone, a bordo dell'aereo ufficiale del Sultano. Ma anche i sedili per il suo staff non erano proprio scomodi.

E per dormire...

... una comoda camera da letto. Il termosifone non faceva parte della dotazione di serie, e' stato aggiunto dai volontari del Brooklands Museum per rendere meno gelido l'interno dell'aereo durante le visite invernali.

La cabina di pilotaggio

Come mi hanno ricordato i volontari che accompagnano i visitatori, tutta la strumentazione del VC10 era analogica, non c'era il "fly by wire", e tutto funzionava bene. C'e' un po' di orgoglio, i volontari sono spesso ex dipendenti della Vickers, in questo museo.



Argomenti: aviazione, foto aerei, musei aeronautici, Gran Bretagna
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Meridiana, Londra
Successivo
Isambard Kingdom Brunel, Paddington Station


Commenti (0)Scrivi

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventotto meno sette fa...


Codici consentiti

Potrebbero interessarti...

G-BBDG, il primo Concorde britannico
Gli aerei del Brooklands Museum



Avvisi dagli amministratori

14/02/2021: La newsletter, ancora
Iscriversi e disiscriversi alla newsletter e' ora più semplice e NON richiede neppure la creazione di un profilo-utente sul sito: potete iscrivervi col modulo presente al fondo di tutte le pagine del sito.