Improvvisamente, partire per un viaggio

Meglio andare in Galilea senza fare troppi programmi, piuttosto che starsene a casa ad aspettare che arrivino amici in visita
03/01/2012 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Un paio di sere prima di Natale mando un SMS di auguri ad un amico torinese, segnalandogli la mia presenza in Piemonte. La sua risposta, la migliore che potessi aspettarmi:

Puleggio la casa, se passi ho scorte di caffe, biscotti, whisky, adeguate a stagione.

"Puleggio" l'ho interpretato come "pulisco svogliatamente la mia nuova casetta perche' so che sotto Natale rischio di ricevere ospiti che badano ai cespugli di polvere rotolanti che percorrono il soggiorno, che per me fanno tanto New Mexico ma che per altri richiedono l'intervento dei Marines dell'ufficio d'igiene". Il whisky non lo bevo, ma era sicuramente un modo per dire che ha il ripostiglio dei liquori pieno (e non fate i moralisti, che avete fatto fuori una bottiglia di rosso durante la prima pausa mensa dell'anno). Rimando la visita di qualche giorno, se non ha menzionato un viaggio e' perche' non si muovera' dal nostro villaggio, Settimo Torinese.

Pochi giorni prima di Capodanno vado a trovare l'amico, nessuno risponde al campanello. Provo a chiamarlo sul cellulare una, due, tre volte. Nessuna risposta. Non mi preoccupo, so che e' uno spirito libero e una persona "intensa", che non ama essere distratto da cellulari, tv e social network quando fa qualcosa a cui tiene.

Arrivo a casa, ricevo un messaggio di testo sul cellulare:
Scusa, non rispondo ma esaurirei credito in pochi minuti, sono in Galilea. Spero stiate bene, vi auguro in anticipo buon anno. A presto

Galilea? Israele? Ecco il modo migliore di organizzare una vacanza: non organizzarla troppo per tempo. Ci sono quelli che amano pianificare, o anche solo immaginare in anticipo quel che vedranno una volta giunti a destinazione, e ci sono quelli che amano farsi sorprendere e trattano gli imprevisti come eventi che arricchiscono e rendono piu' interessante un viaggio. Condivido il secondo approccio, anche se a volte ritorno inconsciamente al primo.



Link: Il racconto di un viaggio in Irlanda dell'amico di cui ho parlato in questa pagina
Argomenti: Wanderlust, destinazioni, Medio Oriente, feste, pianificare
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Fotografia nel 2012: l'anno del ritorno alla pellicola
Successivo
Sondaggio: vicini di posto da evitare


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sette meno tre uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.