Primavera Araba e prezzi degli alberghi: cali e aumenti


13/03/2012 | Autore: Redazione VL | 0 commenti

Rivoluzioni e disordini incidono sui prezzi degli hotel? Se lo chiede l'Economist, analizzando i dati dell'annuale indagine di mercato di Hotels.com sui prezzi degli hotel. L'indagine prende in considerazione i prezzi medi pagati nel mondo dagli utenti britannici di Hotels.com, e mostra dati contrastanti: il prezzo medio per una stanza d'albergo in Egitto e' sceso del 22% (con punte di -29% a Luxor e -26% a Sharm El Sheikh, una delle mete preferite dei vacanzieri italiani), fino a 85 euro; in Qatar, il prezzo e' calato in misura ancora maggiore, meno 27%, con un prezzo medio di 146 euro. In Tunisia la media e' di 73 euro (-9%), negli Emirati Arabi il calo e' del 2%, a Beirut -23%. Ma ad Oman, nonostante la presenza di carri armati nelle strade lo scorso anno, i prezzi sono saliti del 19%, fino ad una media di 260 euro/notte. L'Economist attribuisce il calo dei prezzi in Qatar ad un eccesso di offerta, e l'aumento dei prezzi in Oman all'aumento delle linee aeree che volano verso gli aeroporti di Muscat e Salaah.

E voi, siete stati in nord Africa o Medio Oriente, dall'inizio della Primavera Araba? Vi siete trovati bene, avete avuto paura, avete speso poco? Scrivete nei commenti a fondo pagina.



Link: L'indagine di Hotels.com
Argomenti: sondaggi, alberghi, Medio Oriente, sicurezza
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Fotolibri e calendari: Photocity e Blurb a confronto
Successivo
Confronto Pan Am - Ryanair: volare indietro nel tempo


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Cinque piu' tre piu' sei uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.