Olanda, arrivo!


06/04/2012 | Autore: ViaggiareLeggeri

Olanda, arrivo!

Partenza da Stanwell Moor (Heathrow) alle 8,08 coll'autobus 441. Il treno della Piccadilly Line che ci porta dal Terminale 5 a St.Pancras e' mezzo vuoto, sarebbe una gioia se fosse cosi' anche durante i giorni lavorativi (oggi e' Good Friday, Venerdi' Santo, giorno festivo nella Perfida Albione). Arrivo a St.Pancras alle 9,23. Bella stazione, non molti negozi: vorrei una Fujifilm X-1/100/10 da manipolare in un negozio Dixon o Currys, come in aeroporto. Arrivare con ampio anticipo e' una buona idea non solo per chi viaggia in aereo: la coda ai controlli di sicurezza per l'Eurostar e' simile a quella che trovereste in un aeroporto. Davanti a me una famiglia belgo/tailandese con tre bellissimi bimbi piccoli e un complicato passeggino che viene smontato completamente dal babbo per passare il controllo. Io passo in un attimo rispettando le solite precauzioni: rimuovere la giacca in anticipo, indossare una cintura senza grandi parti metalliche, evitare di attirare l'attenzione del personale della sicurezza.

Passato il controllo, pare di essere gia' in Francia: niente bobbies in giro, solo flics. Il secondo controllo, per il passaporto, e' molto rapido. Dopo, poco da fare, in attesa del treno: due bar, un WH Smith, nient'altro. Arriva il momento dell'imbarco, saliamo al livello dei treni con un tapis roulant mal realizzato: devi tenere fermo il trolley, altrimenti rotola all'indietro.

Siamo nel vagone 14, con una minuscola fetta di finestrino a disposizione da cui osservare l'Inghilterra e poi la Francia correrci incontro. I sedili dell'Eurostar sono comodi ma meno spaziosi di quelli di altri treni ad alta velocita', come per esempio lo Shinkasen taiwanese.

Mi viene da pensare al TAV. Nonostante la Val di Susa sia per me una seconda casa, e il Moncenisio uno dei miei monti preferiti, mi sarebbe piacere raggiungere Torino in treno e rapidamente.

Arriveremo a Bruxelles poco dopo le due, ora locale. Due ore di attesa, poi via con un altro treno verso Heiloo, in Olanda, dove ci attendera' il nostro ex collega Michael, nordirlandese che vive nei Paesi Bassi da qualche anno.





Argomenti: appunti di viaggio, Olanda, treni
Segui i commenti tramite RSS

Commenti


06/04/2012 16:59:57, Mauro
Condivido il tuo desiderio FujiFilm Bella Macchina!! con fascino!! e comoda per viaggiare!!!
Buona Pasqua
11/04/2012 19:00:29, ViaggiareLeggeri
Quale preferisci? Fujifilm X-1Pro, X-100 oppure X-10? E questo senza dimenticare le altre macchine digitali a telemetro o "simil-telemetro", e in generale le compatte con un sensore APS-C o di dimensioni simili.
11/04/2012 19:25:01, Mauro
Premesso che non potrei permettermi neanche una delle 3 quella che per le mie esigenze e capacita di fotografo risulterebbe la più adatta e comoda da portare in giro la mia scelta sarebbe la X-10 delle fujifilm anche se questo mondo è sempre in fermento: un collega del magazzino mi ha chiesto consiglio sull'acquisto di una macchina digitale e dando un'occhiata veloce ho visto che molte case hanno messo in produzione dei prodotti simili questi tra le ultime la Olympus con la serie PEN e OM-D però macchine Mirrorless ad ottica intercambiabile!! Ma vabbe come dicevo per mè sono solo oggetti da ammirare!!
11/04/2012 19:33:09, ViaggiareLeggeri
Parlero' di queste tre macchine in un articolo a parte, prima o poi. La X10 e la X100 le ho maneggiate e mi sono piaciute, la X-Pro1 mi tenta per l'ottica intercambiabile. La X10 ha un processore piccolo, X100 e X-Pro1 (*) usano un APS-C, grande la meta' della vecchia pellicola 24x36mm. Mi attirano i comandi, di queste tre macchine fotografiche, e la qualita' dell'immagine delle due sorelle maggiori. Mi piace meno il prezzo, e le dimensioni sono davvero minute solo per la X10. Vedremo.





(*): prima o poi imparero' il nome corretto di questi tre modelli.
[Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Uno piu' tre uguale...