Le nostre tracce nel deserto

Tracce umane e inquinamento nel deserto egiziano
04/05/2013 | Autore: Claudio @ VL | 1 commenti

Chi, io, buttare qualcosa per terra? Mai! E' da quando ero bambino che non butto piu' niente per terra, tutto quel che mi cade accidentalmente lo raccolgo e lo butto nella pattumiera!

Puo' capitare, pero', di sporcare per interposta persona. Questa foto, scattata nel deserto egiziano, vicino a Sharm el-Sheikh, lo dimostra. Vecchi copertoni e spazzatura sono abbandonati lungo una pista nel deserto.

Copertoni nel deserto egiziano


Noi - mia moglie ed io, come gli altri partecipanti a questa escursione - non abbiamo buttato né cicche né cartacce né altro, ma i residenti locali che organizzano le escursioni inquinano per noi.

Foto tratta dalla galleria Quad e deserto egiziano.



Argomenti: ecologia, Egitto, foto
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
I fotoamatori viaggiano più leggeri oggi che vent'anni fa?
Successivo
Campeggio, questo sconosciuto


Commenti (1)


06/05/2013 22:53:42, Mauro
A volte vien da chiedersi se davvero il benessere sia sinonimo di civilta guardando queste immagini e quelle che ho appena finito di vedere in televuisione in uina trasmissione intitolata: l insostenibille leggerezza del prezzo in questa puntata 5 ragazzi inglesi vengono portati in Ghana prima a provare a lavorare in una ,miniera per estrarre l oro dalle sabbie aurifere e poi ad Accra dove in una gigantesca discarica bambini senza alcuna protezione in mezzo ad ogni sorta di rifiuto spaccano smontano rifiuti tenologici che arrivano dai nostri paesi per recuperare I metalli, bruciano rifiuti per sciogliere le guaine di plastica dei fili di rame repirando fumi cancerogeni. lo in questo sito si parla di viaggi ma credo che un buon viaggiatore come scrive appunto la redazione debba tener conto anche del rispetto dell ammbiente pere qauanto le sia possibile!

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Se ho cinque spammer e due vengono arrestati, quanti ne restano liberi?


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.