Asia Centrale vista dall'aereo

I deserti, le montagne, la solitudine
12/10/2014 | Autore: ViaggiareLeggeri

Quando un volo dall'Europa all'Estremo Oriente arriva al Mar Nero, di solito il sole e' gia' sorto (se il volo e' partito di sera), ma per i passeggeri e' ancora notte fonda. Le tendine dei finestrini sono abbassate per ordine dell'equipaggio, ma qualcuno sbircia furtivo, ogni tanto, per vedere cosa c'e' fuori. E la ricompensa e' un panorama surreale, forse piu' ancora che se lo si osservasse da terra, in un viaggio overland con un veicolo 4x4. Ma non disturbate gli altri passeggeri, se soffrite d'insonnia e siete curiosi: gli assistenti di volo non obietteranno, se chiedete loro di poter scattare qualche foto dai finestrini vicini ai bagni, in fondo all'aereo.

Queste foto sono state scattate dal volo Eva Air Londra - Bangkok - Taipei dopo che l'aereo, un rumoroso Boeing 777, aveva aggirato da sud il Mar Nero. Guardando fuori dal finestrino non si vedono linee di confine sul terreno, quindi queste foto sono state scattate tra Turchia, Azerbaigian, Iran e Iraq (a parte le ultime tre, scattate tra India e Tailandia).


































Argomenti: foto, Asia
Segui i commenti tramite RSS

Potrebbero interessarti...


Commenti


13/10/2014 16:51:04, Jonathan65
Si dice che per apprezzare la bellezza di qualcosa a volte e necessario allontanarsi, queste foto ne sono la conferma!
13/10/2014 21:02:25, ViaggiareLeggeri
Credo sia come una partita di calcio: per vedere tutto (e magari anche tutti i dettagli) devi stare piu' lontano, magari davanti alla tv. Ma se sei "dentro", vicino al campo di calcio, e - per uscire dall'analogia - a terra, dalle parti del Kazakistan, in auto o in moto o in bici, non vedrai tutto, ma quel che vedi probabilmente ti restera' scolpito dentro.

Io per ora mi accontento, ogni volta che vado in Asia, il passaggio sopra i deserti e' il momento-clou del viaggio aereo.
[Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sei per otto fa...