Sacco a pelo Vango Venom 600: offerta speciale o no?

Blacks, negozio di articoli per escursionismo, gioca coi prezzi
16/08/2015 | Autore: Claudio @ VL

Blacks è un negozio di attrezzatura e abbigliamento per escursionismo molto popolare in Gran Bretagna. Negli ultimi mesi mi è capitato di visitare due volte il negozio Blacks vicino alla St. Paul's Cathedral, a Londra, e per due volte ho controllato il prezzo di un sacco a pelo che mi interessa, il Vango Venom 600.



La prima volta, il primo luglio, il sacco a pelo era in vendita a 150 sterline, e la targhetta del prezzo indicava in 230 sterline il prezzo precedente. 150£... un buon prezzo. Ci penso su e magari torno a comprarlo, mi dico.

Dodici agosto, torno nello stesso negozio Blacks per vedere se il prezzo del sacco a pelo è cambiato. E trovo che è cambiato, ma non come speravo: ora costa 200 sterline. Niente da dire, mi spiace che il prezzo sia salito, ma non c'è niente di strano o di illecito, in un aumento di prezzo.

Strano, invece, è che il prezzo precedente indicato sul cartellino sia ora 240 sterline. A rigor di logica (e di legge) avrebbe dovuto essere 150 sterline, e nessun negozio l'avrebbe indicato: a nessuno fa piacere comprare qualcosa che è appena aumentato di cinquanta sterline!

Ho contattato Blacks tramite Twitter per ottenere chiarimenti, in attesa di una loro risposta non posso che invitare alla cautela, se volete fare acquisti da Blacks.

20/08/2015: Prima risposta di Blacks


Ieri ho contattato nuovamente Blacks tramite Twitter, mettendo in copia il Chartered Trading Standards Institute, utile spauracchio per le aziende che "ci provano":

Vango Venom 600 price in #Blacks @ St Paul looks odd. 01/07 and 12/08 pic.twitter.com/iwp518wpPd @ctsi_uk @blacks_online pic.twitter.com/WEpnrKi5dm

— ViaggiareLeggeri (@VLeggeri) August 19, 2015



La risposta di Blacks - interlocutoria, ma pur sempre una risposta - e' arrivata poche ore piu' tardi:

@VLeggeri @ctsi_uk Hi, we've contacted our CS Team to look into this for you - we do apologise for the confusion.

— Blacks.co.uk (@blacks_online) August 20, 2015



Aggiornamenti 14/10/2015


La discussione con Blacks era continuata, ma avevo dimenticato di aggiornare questa pagina.

7/09/2015, sollecito una risposta:

@blacks_online @ctsi_uk Any news regarding the mis-pricing of a Vango sleeping bag in your St Paul's shop?

— ViaggiareLeggeri (@VLeggeri) September 7, 2015



Stesso giorno, Blacks risponde (con vari errori di spelling), dicendo che si tratta di due prodotti differenti:

@VLeggeri @ctsi_uk I have spoken to the store and they have advised it is 2 seperate products, thats why the price differs .

— Blacks Cust. Svc. (@BlacksHelpTeam) September 7, 2015



Stesso giorno, ribatto segnalando la stranezza di due prodotti differenti con caratteristiche identiche e piazzati nello stesso punto dello stesso scaffale:

@BlacksHelpTeam @JDhelpteam @ctsi_uk 2 different products, same specifications & same location on your shelves? Odd. pic.twitter.com/3rcP0fr1cU

— ViaggiareLeggeri (@VLeggeri) September 7, 2015



08/09/2015: Blacks si arrende, io ringrazio.

@BlacksHelpTeam @JDhelpteam @ctsi_uk Glad to see we got to the bottom of the question. Thanks.

— ViaggiareLeggeri (@VLeggeri) September 8, 2015



Conclusione


Secondo Blacks si e' trattato di un errore di prezzatura. E secondo voi?



Argomenti: attrezzatura da campeggio, acquisti, Gran Bretagna, diritti dei consumatori
Segui i commenti tramite RSS

Commenti


16/08/2015 11:27:54, Jonathan65
In queste cose vedo che tutto il mondo è paese!
18/08/2015 06:29:56, andreaG
Le furbate dei negozianti sui prezzi in occasione dei "saldi" sono un...classico, quasi quanto la tendenza a negare la garanzia.

Mi è capitato di recente con un telefono NOKIA, la garanzia "ufficiale" per il caricabatteria è di soli sei mesi, ma la limitazione non vale per chi ha l'avvertenza di acquistare come "privato consumatore" (ad es. fornendo il codice fiscale e non la partita IVA).

In entrambi i casi (sia per il prezzo "pre saldo" indicato più alto del vero, che per la garanzia "negata") basta una pec alla sede legale del negoziante e, in mancanza di risposta, segnalazione all'Autorità garante della concorrenza e del mercato (AGCM): viene incardinato un procedimento amministrativo che porta all'applicazione di pesanti sanzioni (pecuniarie)
20/08/2015 14:02:27, ViaggiareLeggeri
Tutto il mondo e' paese ... e come nel Regno Unito, spero che anche in Italia le aziende siano sensibili al rischio di figuracce ad alta visibilita'. Blacks ha risposto al mio secondo tweet, vediamo se arriva una spiegazione.
[Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sette meno quattro uguale...