Fioritura dei gigli sul colle Liushihtan


19/09/2011 | Autore: Claudio @ VL



L'Hemerocallis fulva (Giglio turco) e' una pianta nativa dell'Asia, il suo nome scientifico significa "bellezza di un solo giorno": il fiore di questa pianta dura infatti un solo giorno, sboccia al mattino e muore la sera. E, cosa lievemente meno romantica, e' una pianta commestibile. Caratteristiche sufficienti a convincere i nostri amici di Hualien (Taiwan) a portarci a vedere la fioritura di questi gigli, al monte Liushihtan, il "monte delle sessanta pietre". O dei sessanta massi.

Da Hualien al monte Liushihtan (六十石山) ci sono circa 106 chilometri, la strada e' larga e in ottime condizioni (mappa)), ma noi andiamo tranquilli (leggi: lenti), e alla fine impiegheremo quasi tre ore per raggiungere il monte. Esistono versioni contrastanti sull'origine del nome del monte: la mia preferita e' che durante l'occupazione giapponese (1895-1945) un ufficiale giapponese, arrivato in cima alla montagna, vide dei massi che stavano scendendo a valle; con nipponica precisione li conto', i massi erano sessanta.
Quale che sia l'origine del nome, l'area ha un che di giapponese, soprattutto in questa giornata d'agosto. Come del resto tutta Taiwan, che in quei cinquant'anni di presenza giapponese si e' trasformata in una Nazione culturalmente a cavallo tra la Cina e il Giappone.

Arriviamo al monte, e come dicevano quei tali di Tutti insieme appassionatamente, le colline sono vive... ma non di musica come nel film, bensi' di fiori arancioni. Il giglio che fiorisce per un giorno solo e' in piena attivita', e come la cicala che vive anche lei un giorno solo, quel giorno lo vive intensamente. Nonostante stia piovendo, nei prati ci sono molti turisti e fotografi (come distinguerli: i fotografi hanno zaini piu' pesanti e ginocchia piu' doloranti), impegnati a scattare foto alle piante di Hemerocallis, spesso chiedendo a mogli e fidanzate di mettersi in posa vicino ai fiori, altre volte chiedendo invece di levarsi dall'inquadratura.

Dopo due ore concludiamo la passeggiata e andiamo al ristorante vicino al parcheggio. E non e' una sorpresa vedere che per cena ci sono gigli in tutte le salse, in brodo e anche fritti.

Da ricordare: la fioritura dell'Hemerocallis fulva documentata in queste fotografie e' avvenuta l'undici agosto. Non aspettatevi di trovare gigli in fiore ora, sul monte Liushihtan!



Hemerocallis fulva

L'Hemerocallis fulva, o Giglio Turco, e' una pianta erbacea perenne, di taglia media, con stelo alto tra i 40 e i 150 cm. Le foglie sono lineari, lunghe tra i 50 e i 90cm e larghe da 1 a 2,8cm. I fiori sono da 5 a 12cm, color arancione-rosso, con una linea centrale pallida.



[da Wikipedia]





Un prato coperto di gigli turchi

L'Hemerocallis fulva e' dotata di un rizoma sotterraneo con radici fascicolate. Le radici servono quasi esclusivamente per la germinazione e la fioritura per l'anno successivo: ogni anno vengono emesse nuove radici mentre quelle pi? vecchie perdono di vigore e marciscono.

Il fusto ? eretto, robusto, tuboloso. Possiede numerose foglie basali larghe circa 2 o 3 centimetri che formano un denso cespuglio. ? una pianta a fogliame deciduo.





[Da Wikipedia]

Cartelli in cinese mandarino

IL cartello dice, prevedibilmente, "vietato calpestare o cogliere i fiori".

Taiwan o Giappone?

Ho scritto spesso sulle similitudini tra Taiwan e Giappone, dovute anche ai cinquant'anni di semi-benevola occupazione giapponese. E sembra che i panorami taiwanesi si siano adeguati all'influenza giapponese: colori delicati, nubi leggere, variazioni di grigio...

I gigli e le montagne



Per ripararsi dalla pioggia

Giornata piovosa, questo gazebo (o e' una pagoda?) e' stato molto utile

Altre Hemerocallis fulva

La propagazione avviene per seme o per divisione dei cespi in autunno o in primavera prima della ripresa vegetativa.

Le nuove piantine ottenute da seme impiegheranno anni per poter fiorire mentre quelle ottenute per divisione fioriranno l'anno successivo.

Era una giornata piovosa



Verso il tramonto



Gigli e tramonto

Dopo il tramonto, discesa fino ad uno dei parcheggi, con l'ovvio ristorante. A Taiwan ci sono ristoranti ovunque, spesso ottimi e specializzati in un solo piatto. In questo si mangiavano gigli fritti, brodo di gigli, e altri piatti in cui i gigli vengono utilizzati come condimento.



Argomenti: foto Taiwan, Taiwan, fiori e piante, destinazioni
Segui i commenti tramite RSS


Potrebbe interessarti...

Foliage a Taiwan, novembre 2018

<< Precedente
La settimana dal 12 al 18 settembre su ViaggiareLeggeri
Successivo >>
Suggerimenti della Polizia per viaggiare con cani, gatti e furetti


Commenti

Non ci sono ancora commenti. Dicci cosa ne pensi, dài!

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Se e' pugliese, viene dalla ...


Codici consentiti


Avviso dagli amministratori

11/11/2019: Razionalizzazione del forum
Alcune aree del forum sembrano il deserto del Sahara: vuote e senza attività. Se non le trovate più, non vi preoccupare: nessuna conversazione del forum verrà rimossa, solo spostata.
Avvisi pubblici precedenti