In moto nello Yorkshire: un paradiso che porta ... in Paradiso?

I rischi delle due ruote sulle colline inglesi
16/08/2013 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Le strade dello Yorkshire settentrionale, in Inghilterra sono un paradiso per motociclisti: colline con curve, curvoni e rettilineei, il fondo stradale in ottime condizioni, la campagna a fare da sfondo. Ma quest'anno su quelle strade sono morti 11 motociclisti, contro le due vittime del 2012. Le cause per quest'incremento? L'estate del 2013 e' molto piu' calda e secca rispetto a quella dello scorso anno, e questo ha portato piu' motociclisti sulle strade. Poi ci sono i pericoli lungo le strade: curve cieche, muretti in pietra, trattori e altri veicoli che si muovono lentamente.

Quello della velocita' e' uno dei punti dolenti, in cui siamo noi motociclisti ad essere in torto: alcuni bikers vittime di incidenti nel North Yorkshire guidavano a velocita' superiori a 160 km/h, e tra loro ce n'erano alcuni che andavano oltre i 220 km/h, in una nazione dove il limite massimo in autostrada e' 112 km/h (70 miglia orarie) e quello su strade extraurbane e' spesso di 75 km/h (50 MPH, Miles Per Hour). Gare tra motociclisti sembrano anche diffuse, con i biglietti dei parcheggi delle citta' dello Yorkshire a dimostrare il tempo impiegato lungo il percorso.

Il M.A.G. (Motorcycle Action Group) segnala che in ogni caso i motociclisti vengono etichettati come i "cattivi" della situazione. Ma se e' vero che, dopo un incidente con un motociclista, troppi automobilisti - in ogni nazione, Italia compresa - continuano a dire "non l'ho visto", e' anche vero che una moto che si avvicina ad una velocita' tre volte piu' alta del limite previsto riduce di parecchio il tempo a disposizione degli altri utenti della strada.



Link: BBC
Argomenti: strade, moto, guidare all'estero, Gran Bretagna, incidenti
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Piloti Ryanair preoccupati per la sicurezza
Successivo
Voli Natale 2013, Ryanair e Lufthansa a confronto


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La capitale portoghese si chiama...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.