Un pizzico di Francia, le Alpi e Stupinigi dall'alto

Foto scattate sulla rotta Londra-Torino, ripensando alla storia del volo civile
21/12/2014 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Il solito volo Londra Stansted-Torino Caselle, un sabato mattina come tanti. Novembre, una bella giornata di sole, il cielo limpido. Uno potrebbe leggere un libro, oppure giocare a qualche videogioco, perpetuando anche in cielo cio' che gia' facciamo per cosi' tante ore a terra.
Ma basta aprire gli occhi e puntarli verso il finestrino. E ti rendi conto, tu turista annoiato del ventunesimo secolo, che quello che a te pare un interminabile spreco di tempo tra il posto in cui eri e quello verso cui stai andando, vent'anni fa sarebbe stato parecchio piu' costoso, e cent'anni fa sarebbe stato quasi impossibile (il primo volo commerciale si svolse il primo gennaio 1914). Osservare le pianure francesi, le nostre (e loro) Alpi, le colline e le pianure italiane dal cielo e' una cosa che ci pare cosi' scontata, che riesce difficile immaginare un passato in cui la possibilita' di vedere questi panorami era riservata a inventori e scienziati amanti del rischio, tipo i fratelli Montgolfier (1783, primo volo in pallone ad aria calda).

Per cui, godiamoci qualche foto scattata durante il volo.





In volo sulla Francia - I



In volo sulla Francia - II



In volo sulla Francia III





















Palazzina di caccia di Stupinigi (TO)





Argomenti: Alpi, foto
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Benvenuti nel nuovo sito
Successivo
Tattoo 2014: bello, pero' le Frecce Tricolori...


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Nove per cinque uguale...


Codici consentiti

Potrebbero interessarti...

Il Monte Thabor
Due destinazioni montane: Nivolet e Moncenisio
Due destinazioni montane: Nivolet e Moncenisio
Col Rosset, una cartolina dal passato
Due escursioni vicino al Monviso

Avvisi dagli amministratori

14/02/2021: La newsletter, ancora
Iscriversi e disiscriversi alla newsletter e' ora più semplice e NON richiede neppure la creazione di un profilo-utente sul sito: potete iscrivervi col modulo presente al fondo di tutte le pagine del sito.