Morandi e gli immigrati

L'imbarbarimento dell'Italia non arriva dall'estero
24/04/2015 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

A proposito di migranti ed emigranti, non dobbiamo mai dimenticare che migliaia e migliaia di italiani, nel secolo scorso, sono partiti dalla loro Patria verso l'America, la Germania, l'Australia, il Canada... con la speranza di trovare lavoro, un futuro migliore per i propri figli, visto che nel loro Paese non riuscivano ad ottenerlo, con le umiliazioni, le angherie, i soprusi e le violenze, che hanno dovuto sopportare! Non è passato poi così tanto tempo..."

Parole di Gianni Morandi che, a quanto leggo, hanno scatenato un putiferio di critiche e insulti contro il leggendario cantante. Pare che mezza nazione si sia sentita in dovere di informare Morandi che 1) lui non capisce niente, 2) loro sanno tutto dell'immigrazione, e 3) i problemi dei migranti si risolvono affondando i barconi.

Condivido in pieno le parole di Gianni Morandi. Vorrei aggiungere solo una cosa: i migranti italiani non hanno smesso di spostarsi all'estero per trovare lavoro: ogni giorno qualcuno lascia il "Belpaese" per cercare una vita migliore lontana da dov'e' nato. E anche tra loro ci sono criminali e malintenzionati, non siamo tutti programmatori, ragionieri o ingegneri.

Non sono le parole di Morandi a preoccuparmi. E' la reazione a quelle parole, che mi interessa: illustra alla perfezione l'Italia che tanti connazionali hanno scelto di lasciare.

Perche' a volte l'unico modo per continuare ad amare l'Italia e' stare lontano dagli italiani.


Argomenti: migranti, vivere in Inghilterra, vivere all'estero
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Pasqua a Helsinki
Successivo
Helsinki-Londra: in volo sul Baltico e sul mare del Nord


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La capitale portoghese si chiama...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.