Strade d'Islanda

Guidare nell'isola del fuoco e del ghiaccio

29 febbraio 2016 FOTOREPORTAGE Tempo lettura 3'

Guidare in Islanda in inverno non è difficile, se neve e ghiaccio non ti preoccupano. A San Valentino il buio invernale è solo un ricordo, il sole sorge tardi (verso le nove e mezza di mattina) e tramonta alle sei del pomeriggio, quindi c'è luce a sufficienza per vedere dove metti le ruote.



Ho parlato con un tassista, a Reykjavík. Dice che non servono quattro ruote motrici, per guidare in Islanda in questo periodo. Sara', ma con la nostra piccola Chevrolet Spark si sbanda che è un piacere (o no), quando devi spostarti nella tua corsia perché arriva un veicolo in direzione opposta. Perché ovviamente si guida in mezzo alla strada, dove c'è meno neve e ghiaccio, se non ci sono altre auto.



Per fortuna non ha nevicato molto, in queste settimane.

PUBBLICITÀ
Tipica conversazione tra guidatore e passeggero in Islanda:
- Dove giro? Destra o sinistra?
- Dovremmo cercare di andare verso Hvstr...qualcosa
- Non verso ÞráÆrðe?
- Cosa?
- ÞráÆrðe!
- Te lo sei inventato, 'sto posto!


Il bello dell'Islanda è che c'è poca gente.
Il brutto dell'Islanda è che c'è poca gente, e se ti capita qualcosa quando sei lontano dalle strade principali...

Alba alle nove e trentasei.

Parcheggiare di fianco alla strada, sulla neve, per fare qualche foto. Pensateci. Con un'auto con due ruote motrici, c'è il rischio di sprofondare nella neve e rimanere bloccati.




Sembra una strada? No? A volte è difficile notare la differenza.


Due sere fa, quando siamo arrivati a Keflavik, abbiamo notato una nebbiolina bassa, che poi era solo neve sospesa nell'aria. Oggi, guidando nel Golden Circle, vediamo la neve che scorre sulla strada, portata dal vento. La neve attraversa la strada di traverso, a 45°, a pochi centimetri dal suolo, e per quante foto tu possa scattare, nessuna foto trasmetterà lo stupore generato dal vedere questo piccolo fenomeno dal vivo.


Una vecchia Saab vicino al chiosco di un campeggio.


Probabilmente uno dei veicoli più adatti per girare in Islanda in inverno.

Tutte le foto sono state scattate nel sud-ovest dell'Islanda durante il weekend di San Valentino del 2016. Non ci siamo avventurati nel nord-est dell'isola.

Di Claudio @ VL, 29 febbraio 2016 | Tempo lettura 3' | 4 commenti | Scrivi
Altri articoli in Foto, Strade, Destinazioni, Islanda

©2004, 2019 ViaggiareLeggeri.com. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.




Guarda gli altri fotoreportage


Feed RSS del blog Vuoi essere avvisato dei nuovi articoli? Clicca qui!

PUBBLICITÀ

Queste pagine potrebbero interessarti


Vuoi essere aggiornato?

Se vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi commenti, registrati!

Commenti (4)

Scrivi
Il 29-02-2016 alle 14:17, andreaG ha scritto:

Bellissime immagini!

Quanto alla guida su strada ghiacciata, confermo il parere degli abitanti locali: non è indispensabile un veicolo 4WD, basta una trazione anteriore, dotata però delle gomme giuste, termiche o meglio chiodate.

La jeep...giapponese (Toyota?) dell'ultima foto, con il baricentro alto, forse è adatta al fuori-strada, non certo per i tornanti ghiacciati
Il 02-03-2016 alle 23:22, Claudio @ VL ha scritto:

Peccato che le auto disponibili negli autonoleggi (che ho visto) non avessero ruote chiodate né termiche. La piccola (1.200cc) Spark che ho guidato in Islanda aveva cavalli a sufficienza, per le condizioni stradali, ma un po' più di tenuta avrebbe fatto comodo. Non ho visto tornanti, per cui il baricentro alto dei "bigfoot" visti sull'isola (spesso più grandi di quello della foto) non sarebbe un problema.

Ci tornerò, in Islanda. Possibilmente in inverno, quando il panorama è ancora più speciale.
Il 04-03-2016 alle 12:38, Luca (prima volta qui) ha scritto:

Tanta neve, tanto ghiaccio... ma non conviene andare in un bel posto caldo, invece? Qualcuno mi sa spiegare come mai c'è gente (tanta gente) che se ne va a soffrire dove c'è poco sole e tanto freddo?

Val d'Aosta, Trentino Alto Adige, Germania, Danimarca, Islanda da una parte.
Dall'altra Puglia, Sicilia, Spagna, Grecia e il resto del Mediterraneo.
Preferisco le seconde.
Il 09-03-2016 alle 18:46, Claudio @ VL ha scritto:

A me piacciono sia i posti caldi (tipo la Sardegna, la Spagna, Taiwan, il Colosseo d'estate) che quelli meno caldi (le Alpi, il Lake District, la costa meridionale inglese) che quelli freddi (Copenhagen, la Valle d'Aosta, Helsinki, o l'Islanda).

È meglio essere il caldo o il freddo? Il mare o la montagna? Io dico: è troppo chiedere entrambe le cose? ((c)Tony Stark, Iron Man)

Il caldo:
Foto
(da Colosseo, la lunga estate calda)

Il freddo:
Foto
(da Panorami intorno a Punta Helbronner)

Il tuo commento 

Aggiungi un commento a Strade d'Islanda

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatoria, non verra' pubblicata)
Sito internet (facoltativo)


Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Seconda e terza lettera di 'soffitto'





Prima di salvare il tuo messaggio, usa il buon senso... e se hai dei dubbi, leggi il decalogo per chi scrive nel forum
 

Per abbellire il tuo messaggio, usa questi comandi 
Se digiti... comparirà
[b]grassetto[/b] grassetto
[i]corsivo[/i] corsivo
[u]sottolineato[/u] sottolineato
[s]sbarrato[/s] sbarrato
[size=14]Testo alto 14 punti[/size] Testo alto 14 punti
[color=red]Testo rosso[/color] Testo rosso
[mail]io@email.com[/mail] io@email.com
[url]http://www.viaggiareleggeri.com[/url] http://www.viaggiareleggeri.com
[url=http://www.viaggiareleggeri.com]sito[/url] sito
[list][*]Primo punto della lista[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  • Primo punto della lista
  • Secondo punto
  • Terzo punto
[list=1][*]Primo punto della lista numerata[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  1. Primo punto della lista numerata
  2. Secondo punto
  3. Terzo punto
[quote]Nel mezzo del cammin di nostra vita[/quote]
Nel mezzo del cammin di nostra vita
[foto]http://www.viaggiareleggeri.com/galleryPics/2634.jpg[/foto] Foto



Permalink: Strade d'Islanda