Preparazione dello scalogno di zucchero - Sanxia Old Street, Taiwan

Anche se sei diabetico è uno spettacolo interessante
11/11/2016 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Durante la visita alla pittoresca Sanxia Old Street, a Taiwan, camminando sotto i portici di mattoni rossi, mi sono imbattuto in un tizio che faceva una cosa strana: sembrava stesse tessendo qualcosa, una sostanza quasi bianca, lucida ed elastica, che lui tendeva e tirava. La sostanza aveva riflessi dorati, e a volte sembrava simile alla madreperla.



Il tizio faceva anche pensare un po' a certi pizzaioli acrobatici, che preparano la pizza badando anche a soddisfare l'attenzione del loro pubblico. Questo è il motivo per cui non ho pixellato la faccia del protagonista dello show: se non avesse voluto mettersi in mostra, avrebbe eseguito quest'operazione nel retro del negozio, non in mezzo alla folla, sotto i portici!



Prima il "filato" è stato tirato fino a un metro, poi, con successive piegature e stirature, è arrivato a due metri.



Era zucchero. Si tratta di una fase di lavorazione dello zucchero, per prepararne lunghe barre e per arrivare ad un prodotto finito chiamato sugar cane candy o sugar scallion, cioè "scalogno di zucchero", per la somiglianza estetica con la spring onion.




Questo tipo di preparazione dello zucchero è simile, anche se non identico, al "Tira tira" filippino e ai Sugar Cane (Panella) Candy dell'Ecuador, ma a differenza di entrambi la superficie dello zucchero, nei Sugar Cane Candy taiwanesi, è lucida e quasi trasparente, forse grazie alle ripetute sequenze tira-piega-tira-piega, che rendono il prodotto finale molto sottile.



E intanto arriva un aiutante, e il "filato" di zucchero, che non è zucchero filato, arriva a tre, poi a quattro metri.



I due ragazzi hanno finito; tagliano il lungo filo di zucchero, ora spesso poco piu' di un centimetro, in tanti segmenti lunghi poco meno di un metro e rientrano in negozio. Entriamo anche noi, e vediamo che alcune di queste barre di zucchero vengono messe in una vetrinetta, altre vengono sbriciolate e impacchettate, altre vengono tagliate in barrette lunghe 8-10cm e poi impacchettate.


Compro un pacchetto di queste barrette, pagandolo circa due euro. Poi me ne dimentico, e lo ritrovo solo al momento di disfare la valigia a casa. Lo assaggio, preparandomi ad uno zuccheroso assalto alle mie papille gustative e al mio colesterolo. Invece, stranamente, il sapore di queste barrette e' dolce ma senza esagerare. Buone.



Argomenti: Taiwan, mangiare, foto Taiwan, tradizioni, street food


Precedente
Recensione album "More than one" di Lo Sirong & Gomoteu
Successivo
Viaggio a Taiwan 2016, 15° giorno: da Taiwan all'Inghilterra


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Undici meno sette uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.