Recensioni sotto la pioggia

Zaino fotografico Manfrotto, scarponi Asolo, giacca impermeabile (quasi), e altre cose
26/01/2017 | Autore: Claudio @ VL

Negli ultimi dieci giorni, a Londra e dintorni c'è stata parecchia nebbia, che rende poco piacevole escursioni e passeggiate. Prima, invece, ha piovuto per una settimana, il che non e' il massimo, ma perlomeno ho avuto l'opportunità di provare alcune cose durante una camminata sotto la pioggia.

Sono partito - col cielo coperto ma ancora senza pioggia - da Stanwell Moor, vicino a Heathrow, per andare a Staines-upon-Thames, la gloriosa città di Ali G, a bere un caffè gratis (si fa cosi'). Quaranta minuti per arrivare a Staines e altrettanti per tornare a Stanwell Moor. La camminata dura un'ora e mezza (a/r), in buona parte sotto la pioggia, leggera ma costante, e la giornata e' fresca ma non freddissima, ci sono circa cinque gradi.

Come si sono comportate le cose che avevo con me?

Giacca impermeabile Hi-Tec. In Dri-Tec, impermeabile (3.000mm) e traspirante (3.000 g/m), con cuciture nastrate, falde protettive sulle cerniere. Avrebbe dovuto essere impermeabile, insomma, e in passato non ha dato problemi. Durante questa passeggiata, invece, mi sono ritrovato con il portafoglio bagnato da un lato (era in una delle tasche interne) e con forte umidità all'interno della giacca, e non credo fosse dovuta a traspirazione.

Altro limite della giacca Hi-Tec (che non e' molto hi-tech): e' troppo corta. Arriva fino a 5cm sopra il cavallo dei pantaloni, il che in condizioni normali (senza pioggia) va bene, e anche con pantaloni idrorepellenti non ci sono problemi. Con i jeans, invece ... la pioggia cola sui pantaloni e ti senti incontinente.

Zaino Manfrotto MB MP-E: l'acquisto di un laptop ultraleggero ha creato un nuovo problema: non ho uno zaino adatto a trasportarlo insieme a una macchina fotografica e obiettivi (o anche solo una fotocamera). Ho acquistato pochi giorni fa questo zaino Manfrotto perché era lo zaino più piccolo e leggero (720 grammi) che ho trovato ad un prezzo ragionevole (25 sterline). L'area rinforzata destinata all'attrezzatura fotografica e' molto piccola, adatta a malapena ad una reflex corpulenta come la mia vecchia Nikon D300. Scrivero' una recensione completa in futuro, la mia prima impressione e' che questo zaino non sia molto solido, visto che il "coperchio" (la parte incernierata) e le pareti non sono rigide. Sul sito Manfrotto e nel foglietto che accompagna lo zaino non si parla di impermeabilita': lo zaino viene venduto come "water repellent", non "waterproof", e posso confermare che la pioggia non entra nella prima mezz'ora. Poi si'.

Scarponi Asolo Fandango MM. I miei piedi non si sono accorti della pioggia. Detto tutto.

Felpa Craghoppers: leggera ed economica, e' più "densa" di altre felpe meno tecniche. Ottima, tiene tanto caldo, forse persino troppo.

Guanti e berretto in pile (senza marca, economici): il pile potrebbe essere l'invenzione migliore dello scorso millennio.

Alla prossima.
Jeans: non i pantaloni migliori da indossare, quando piove.


Argomenti: recensioni, zaini e borse, abbigliamento
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Rome, Georgia
Successivo
Ricordare Atlanta, coi Falcons al Superbowl


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventinove meno sette fa...


Codici consentiti