Traslochi internazionali (1): Singapore-Inghilterra

Impacchettare la tua vita e spedirla via nave
04/03/2019 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Oggi, durante una conversazione nel forum sul tema dei trasferimenti internazionali, mi sono ricordato che non sono certo il solo ad averne fatti alcuni: tanti utenti di ViaggiareLeggeri.com hanno traslocato da una parte all'altra dell'Italia, dell'Europa o del mondo, e credo sarebbe interessante - e utile per chi dovrà traslocare ma e' spaventato dall'idea - parlare delle proprie esperienze in proposito, per cui inizio io, e vi invito a condividere le vostre esperienze di traslochi internazionali (leggete in fondo alla pagina).

Ecco la mia, di esperienza: nel 2006 ho lasciato l'Inghilterra per andare a lavorare - e a vivere - ad Atlanta. Due anni dopo sono stato trasferito a Singapore. Dopo altri due anni - quindi nel 2010 - ho deciso, con mia moglie, di tornare in Inghilterra. Dopo quei quattro anni lontano da casa (l'Inghilterra), mi sono trovato con molti più oggetti di quando ero partito. A memoria avevo fatto trasportare 25 colli, nel 2006, e nel 2010 erano saliti a 75 suddivisi in cinque pedane. Quei 75 colli erano scatoloni (preparati in parte da mia moglie e da me, in parte da un'azienda di preparazione imballi a Singapore), valigie, bici (due), borsoni. La spedizione venne effettuata via mare dall'azienda di logistica per cui avevo lavorato per dieci anni, a cui consegnammo i nostri pallet in giugno o luglio. Concordammo di non farli spedire immediatamente, e arrivarono poi in Inghilterra a inizio novembre 2010. Impiegai mezza giornata a scaricare tutti i pacchi e a trasferirli in casa, dove poi li aprii nei mesi successivi (per motivi burocratici eravamo in Italia, in quel periodo). Niente di rotto, e anche la casa - che avevamo dato in affitto per i quattro anni precedenti - era ancora in piedi, per fortuna.

Una cosa di cui ti rendi conto, in circostanze simili, e' che hai tanti doppioni: in Inghilterra avevamo lasciato in soffitta (ben protette dalla polvere) tante cose che poi abbiamo ricomprato negli Stati Uniti, e poi di nuovo a Singapore, visto che abbiamo aspettato per tre mesi la nostra spedizione. Per esempio, abbiamo tuttora due serie di coltelli da cucina, e fino a poche settimane fa avevamo due aspirapolvere (uno, solidissimo, acquistato in Inghilterra nel 2003, uno a Singapore nel 2008). Per piatti, bicchieri e scodelle c'è la seleziona naturale che provvede ad eliminare i duplicati, per fortuna...

Le nostre cose a Singapore, pronte per essere imballate




Le nostre cose a destinazione (Inghilterra), già parzialmente 'sballate'


Come partecipare


Se vi siete trasferiti all'estero e avete dovuto spostare le vostre cose con voi, e volete condividere la vostra avventura con i lettori di ViaggiareLeggeri.com, scrivete la vostra storia (niente di troppo prolisso... rimanete sotto i 5.000 caratteri, se possibile) raccontando i dati di base e qualche aneddoto curioso sulla spedizione, preparate delle foto che illustrino il vostro trasloco internazionale (con risoluzione non inferiore a 1024 x 768px) e mandateli a redazione@viaggiareleggeri.com.



Argomenti: viaggiare per lavoro, vivere all'estero
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Ryanair - LaudaMotion, prezzi Milano - Londra a confronto
Successivo
Weekend di San Valentino a Praga


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Ventotto meno sette fa...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

14/02/2021: La newsletter, ancora
Iscriversi e disiscriversi alla newsletter e' ora più semplice e NON richiede neppure la creazione di un profilo-utente sul sito: potete iscrivervi col modulo presente al fondo di tutte le pagine del sito.