Prenotare un posto a sedere sui treni britannici non serve

Nonostante il Transport Act 2000, i controllori non hanno poteri
29/10/2019 | Autore: Redazione VL

Una volta, prima di viaggiare in treno si entrava nella stazione, si faceva la coda in biglietteria, poi si parlava - e a volte si discuteva - con l'impiegato al di la' del vetro su quali fosse la soluzione migliore per andare da un luogo ad un altro. Ora molte stazioni sono senza biglietteria e i biglietti si acquistano online. Se abbiamo perso qualcosa per quanto riguarda il contatto umano, abbiamo guadagnato delle certezze: acquisti il biglietto, decidi dove sederti, lo scarichi sullo smartphone o lo stampi o lo ritiri da una macchinetta nella stazione.

In Inghilterra e nel resto della Gran Bretagna viaggiare in treno non è spiacevole. Spesso sono treni puliti. Di solito sono in orario. E generalmente riesci a sederti, con o senza una prenotazione. Ma non sempre. Una delle notizie del giorno, nel Regno Unito, è che due passeggeri si sono rifiutati di cedere i loro posti, che erano stati prenotati online da qualcun altro. Amanda Mancino-Williams, al sesto mese di gravidanza, è salita su un affollato treno CrossCountry (una delle tante aziende private che operano servizi ferroviari nel Regno Unito) con i suoi tre figli e bagagli per una settimana di vacanza, ha raggiunto i quattro posti che aveva prenotato e ne ha trovati solo due: gli altri due erano stati occupati da una elegante coppia di maturi passeggeri, che con tono snob le hanno detto che la sua prenotazione non contava nulla, e che loro non si sarebbero mossi da quei posti.

La signora Mancino-Williams ha fatto sedere i suoi figli ed ha cercato e trovato un controllore, che per fortuna le ha offerto un posto (per quattro) in prima classe. Ma non ha fatto spostare i passeggeri seduti abusivamente in quei posti prenotati: non ha neppure provato a parlare con loro, a spiegare l'importanza di una prenotazione. C'è persino una legge che lo dice, il Transport Act 2000, comma 19:

Nessuna persona può occupare un posto a sedere, una cuccetta o un'altra parte di un treno in cui sia presente un avviso indicante che quel posto è riservato al possessore di uno specifico biglietto o a possessori di biglietti di una specifica classe, a parte il possessore del biglietto che autorizza ad essere in quello specifico posto.


I dettagli della vicenda mostrano che in casi di simili abusi tra passeggeri, il personale delle ferrovie non può, non vuole o non è in grado di intervenire per far rispettare una prenotazione, che quindi acquisisce il valore della carta straccia. Sorriderà chi pensa che il Regno Unito sia molto simile all'Italia: lo vedi che anche li' ci sono regole ma la gente non le rispetta e le autorità non fanno niente?

My 12yo is just staring this woman down. pic.twitter.com/moT5zjtFVl

— A Mancino-Williams (@Manda_like_wine) October 22, 2019





Link: BBC
Argomenti: treni, leggi e regole, vivere in Inghilterra, trasporti pubblici, Gran Bretagna
Segui i commenti tramite RSS


<< Precedente
Cambiamenti climatici nel Parco del Gran Paradiso
Successivo >>
Riassunto ottobre 2019: telefono/fattura/rimborso Ryanair, cross-race effect, obesità, fette biscottate, biglietti metropolitana Londra


Commenti

Non ci sono ancora commenti. Dicci cosa ne pensi, dài!

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La bandiera italiana e' verde, bianca e...


Codici consentiti


Avviso dagli amministratori

15/11/2019: Caricamento foto e creazione gallerie
Sapevi che molti spammer visitano questo sito? A causa loro, la creazione di nuove gallerie fotografiche e il caricamento di nuove foto nel sito è ora limitato agli utenti attivi sul sito, cioè a coloro che hanno inserito commenti nel blog, nel forum o in altre aree del sito.
Avvisi pubblici precedenti