Oxford, agosto 2019

Una visita in una delle due più famose città universitarie inglesi
04/11/2019 | Autore: Claudio @ VL



Quest'anno ho avuto tanti ospiti, qui in Inghilterra, e se non fosse che erano tutti parenti e amici, avrei potuto prenderlo come un segnale ("Apri un bed & breakfast, vedrai che affari!"). Ho colto l'occasione per tornare in posti che conosco (Stonehenge) e per visitare posti che di solito non vedo. Oxford, per esempio, che avevo visitato di sfuggita molti anni fa. Con i miei ospiti ho trascorso alcune ore nel museo di storia naturale dell'università, abbiamo pranzato al pub King's Arms, centralissimo e non esageratamente costoso (e, lo dico per i turisti più' riluttanti a parlare la lingua della Regina Elisabetta: siamo stati serviti da un cameriere italiano), abbiamo preso parte ad una visita guidata alla Bodleian Library. E abbiamo passeggiato nel centro di Oxford

L'ingresso dell'Oxford University Museum of Natural History. Si entra gratis ad offerta, come da prassi consolidata nel Regno Unito.



Avrei potuto passare una giornata intera nel museo, molto più quieto del suo omologo londinese.


Nessun premio per chi indovina che questo è il cranio di una tigre dai denti a sciabola (Smilodon).


Scheletro di un'iperodonte boreale (Hyperoodon ampullatus), una balena dentata che frequenta i mari sub-artici e sub-antartici. Cosi' vicino che verrebbe voglia di toccarlo.


Lo Hertford Bridge, a volte soprannominato "Ponte dei sospiri", anche se somiglia di più a quello di Rialto. Collega due parti dell'Hertford College, e questo è l'unico punto da cui è possibile fotografarlo senza inquadrare dozzine di turisti, impegnati anche loro a fotografare questo ponte.








Nella Bodleian Library.


Radcliffe Camera, una biblioteca in stile palladiano che potreste aver visto in film (Piramide di paura, Il Santo, La bussola d'oro) e telefilm (Ispettore Morse, lo spin-off Lewis e il prequel Endeavour).

Alcune note logistiche: trovare un parcheggio non è stato difficile, più impegnativo è stato raggiungere il centro di Oxford in auto: non ci sono divieti, ma il percorso è poco lineare e ha richiesto un lungo giro intorno alla città, anche a causa di alcuni cantieri lungo la strada.



Argomenti: Inghilterra, foto Gran Bretagna, musei


Precedente
Recensioni di nicchia: il bicchiere da caffè pieghevole
Successivo
Foliage a Gerrards Cross, cinque novembre


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La bandiera italiana e' verde, bianca e...


Codici consentiti