Attenzione ai parcheggi illegali presso gli aeroporti inglesi

Prezzi bassi, sicurezza zero
24/11/2019 | Autore: Claudio @ VL

Chi vive vicino ad un aeroporto come Heathrow ha piu' svantaggi che vantaggi: sono le dieci di sera e sono costretto a vedere la tv coi sottotitoli, il rumore degli aerei in decollo verso ovest dalla pista sud di LHR rende impossibile sentire i dialoghi. E tutte le volte che ho un volo devo andare a Stansted o a Gatwick, a meno che si tratti di un volo intercontinentale. Un vantaggio pero' c'è, a vivere appena fuori dal perimetro di Heathrow: si sentono cose. Voci. Notizie che ancora non lo sono. E questa e' una di quelle...

Esistono parcheggi illegali vicino agli aeroporti, perlomeno vicino a quelli inglesi. Vai su un sito Internet che pare professionale, prenoti un posto per la tua auto ad un prezzo molto competitivo, magari non ti chiedono neppure di pagare online, il che a qualcuno sembra un vantaggio. Arrivi al parcheggio, c'e' un piccolo ufficio, probabilmente un gabbiotto in legno o in lamiera. Paghi (contanti benvenuti, carte di credito meno, ma non e' detto), lasci le chiavi dell'auto e ti portano in aeroporto con un minivan. Ti rallegri pensando a quanto sei furbo, hai pagato la meta' di quel che aveva pagato il tuo collega all'aeroporto ufficiale, e si' che lui e' un Englishman purosangue! E il personale del parcheggio e' stato cosi' gentile, ti hanno offerto un caffe' mentre aspettavi l'autista: quasi un'azienda a gestione familiare, molto meglio del parcheggio ufficiale.

Fin qui quello che vedi di persona. Quello che non vedrai e' che la tua auto, cosi' come quelle di decine di altri clienti, verra' parcheggiata in mezzo ad un prato di qualcun altro, pieno di fango, senza recintazione ne' sistemi di sicurezza, oppure verra' lasciata abusivamente in una stazione di servizio; o verra' abbandonata temporaneamente, con decine di altre auto, in una zona residenziale di un villaggio come Stanwell Moor o Colnbrook o Harmondsworth, togliendo spazio ai residenti. Verra' guidata per commissioni o anche solo per piacere dalle persone cui l'hai affidata (joyriding, lo chiamano gli inglesi). Magari e' meglio prendere nota del chilometraggio, la prossima volta.

Poi, quando ritorni in aeroporto dopo il tuo viaggio, ti riconsegnano l'auto. E' coperta di fango, ma ti offrono una scusa e ti indirizzano ad un autolavaggio locale dove, facendo il nome del parcheggio, ti faranno uno sconto. Quando poi arrivi a casa ti accorgi di alcuni graffi sul paraurti che prima non c'erano, o di un'ammaccatura sulla portiera, in basso, che non avevi mai notato.

Questo e' il risultato di una serie di conversazioni su auto mai viste prima a Stanwell Moor, villaggio a sud del Terminale Cinque dell'aeroporto di Heathrow. Se non sono dei residenti locali, e rimangono parcheggiate per settimana, saranno abbandonate? No, sono auto di gente che ha pagato per un parcheggio sicuro, pulito e affidabile... per fortuna, a volte i colpevoli vengono puniti.


Argomenti: aeroporti, crimini, Heathrow e dintorni, Londra e dintorni
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
F-CK-1 Ching-kuo, il caccia indigeno taiwanese
Successivo
Aeroflot e le regole sul trasporto animali: benvenuti pachidermi!


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Due per sei uguale...


Codici consentiti