Karaoke per timidi visto a Taiwan


15/08/2020 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Inventato negli anni settanta in Giappone, diventato popolare anche in Europa negli anni Novanta, il karaoke e' di solito un'attività sociale: vai in un locale, mangi, bevi, e senza avere esperienza musicale professionale, interpreti un brano su una base strumentale registrata. I tuoi amici scoprono che la tua voce e la tua personalità cambiano, quando sei davanti ad un microfono. Il pubblico applaude. O ti prega di concludere la tua esibizione. Il tutto si svolge in un'area "pubblica" del locale oppure in una sala privata, ma di solito sempre in compagnia. A Taiwan, in Cina, a Singapore e a Hong Kong il karaoke si chiama KTV.

Non tutti quelli che vogliono cantare con basi musicali se la sentono di salire su un palco, con un pubblico potenzialmente ostile. A Taiwan
(a Hualien, per la precisione), in un centro commerciale, ho visto queste KTV-box: cabine per karaoke poco più grandi di una cabina telefonica, capaci di ospitare due persone sedute e forse altre due o tre in piedi. Si paga per una o più canzoni, si canta e si va via, magari dopo aver registrato l'esibizione con lo smartphone.






Argomenti: Taiwan, musica, Giappone
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Caffè taiwanesi: Chamonix Cafe Inn
Successivo
Verso un funerale taiwanese


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
In quale continente e' l'Uganda?


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.