Visita all'acquario XPark di Taoyuan


09/02/2021 | Autore: Claudio @ VL | 5 commenti

Gli acquari sono luoghi popolati da creature strane, portentose, aliene. L'acquario XPark di Taoyuan non fa eccezione. Si trova nel distretto di Zhongli, vicino ad un enorme outlet. L'ingresso costa 550TWD (16 euro) a persona, la coda per entrare e' lunga, la visita all'acquario e' anch'essa lunga, quindi vi consiglio di mangiare prima di entrare: c’è un enorme centro commerciale con molti ristoranti.

Inizia la visita dell'acquario. Ecco un granchio gigantesco (e non e' da solo nella vasca).




Il tuttologo e' una creatura immaginaria: vive nella mente di chi crede di esserlo. Sa dove mangiare la pizza migliore a Formia, vi sa dire se le ostriche di Dunedin sono meglio in giugno o in luglio, e vi aveva raccomandato di non comprare quella Astra del 2003 perché "beve olio come Hemingway e Sinatra bevevano whisky: continuamente".

Io non ci provo nemmeno, a farvi credere di essere competente in tutti i campi dello scibile umano, per cui non non mi azzardo ad aggiungere una didascalia classificatoria, sotto le immagini seguenti. Se volete fatelo voi, con i commenti a fondo pagina. Apprezzo qualsiasi commento, anche quelli tipo "Questo si chiama Scorpaena scrofa, ma non sai proprio nulla!".

La prenotazione del biglietto dell'acquario si fa online su KKDay.com, e l'ingresso e' a fasce orarie: se c’è da fare la coda per entrare, ci sarà una gran folla di fronte a questa vasca, la più grande dell'acquario, che e' la prima che vedrete. Meglio allora procedere spediti verso le sale successive, lasciarsi la folla alle spalle, e rivedere quelle sale dopo, alla fine.

Un squalo. Non grande quanto lo squalo tigre che vidi a Kuala Lumpur, ma più grande di quelli con cui nuotai alle isole Perhentian.







Questo granchio gigante del Giappone sembra finto, di plastica. Eppur si muove. Sara' un robot? Non sorprende che le antiche leggende giapponesi e cinesi siano popolate di kaijū, creature mostruose e gigantesche: questo tipo di granchio - Macrocheira kaempferi - ha zampe lunghe fino a due metri ciascuna, e può vivere fino a circa 100 anni. Benché sia mite, immagino faccia venire brividi lungo la schiena, quando lo si incontra durante un'immersione.


Quando un polipo gigante ti viene incontro, le tue ultime parole saranno "AAARGH! Il polipo mi attacca!", poi vedrai solo le ventose del polipo che si avvicinano.
No, non e' vero, e buona parte degli animali attaccano gli esseri umani solo quando si vedono minacciati. Ma come ho scritto più su, non mi pare il caso di fingere di essere competente in materia di cefalopodi, per cui la butto sul ridere.





Oltre all'acquario c’è un terrario.




L'area dedicata alle meduse e' molto ampia, questa e' solo l'anticamera.






Un breve video delle meduse che paiono danzare in acqua.


A riguardare queste foto mi pare che certe sale fossero illuminate come discoteche. Non mi pareva, mentre ero li'.


Verso la fine del percorso ci sono le vasche dei pinguini.




Il vicino outlet, che abbiamo visitato solo per mangiare. Pieno di negozi di marche europee, italiane comprese, e' dotato di un food court con vari ristoranti etnici.


P.S. - 18/02/2021


Ammetto di aver avuto un dubbio, al momento di pubblicare queste foto. Alcuni conoscenti taiwanesi avevano segnalato su Facebook che il volume d'acqua a disposizione degli animali, all'XPark di Taoyuan, non era proprio il massimo. Io ho il dubbio che un commento del genere non vada limitato a questo specifico acquario, ma che sia invece valido per OGNI acquario e per ogni luogo in cui un animale vede limitata la propria libertà.

Includo uno di quei post (e' in cinese tradizionale, ma dovreste avere a disposizione un link/pulsante per la traduzione).





Argomenti: Taiwan, pesci, foto Taiwan


Precedente
Il Tamigi straripa a Staines-upon-Thames
Successivo
NO al doppiaggio, motivo n.15: la voce di Joanna Lumley


Commenti (5)


18/02/2021 12:56:32, Lorenzo
E' un'impressione data dalla prospettiva o quei poveri pinguini e rettili (anche le meduse!) sono costretti in spazi limitati?
Se fosse così sarebbe triste.
18/02/2021 20:29:00, Claudio @ VL
Ciao Lorenzo,
Grazie per il tuo commento. Temo che ogni acquario sia colpevole di fornire spazio troppo limitato agli animali che ospita: nel momento in cui un animale viene posto in una vasca o in una gabbia siamo noi a limitarne la libertà e a decidere dov’è che quell'animale può andare: qualche metro a destra, qualche metro a sinistra. Fossero anche decine di metri, sarebbe sempre una limitazione.

Forse l'XPark ha un problema ancora maggiore di altri acquari - perlomeno per gli animali che hai segnalato -, problema comune ad altri acquari asiatici, tipo quello che vidi a Kuala Lumpur, citato e linkato in questa pagina (*). Ma anche in Asia i movimenti animalisti stanno facendosi molto combattivi e segnalano mancanze del genere, ho appena modificato la pagina per includere una cosa trovata su FB tempo fa.

Ciao,
Claudio


(*): visitai quell'acquario undici anni fa, nel frattempo potrebbe aver ampliato gli spazi a disposizione oppure ridotto gli animali che li popolano, con lo stesso risultato (maggiore spazio per ciascun animale).
19/02/2021 22:30:07, Lorenzo
Grazie Claudio per la risposta esaustiva.
Questa situazione del trattamento non ottimale degli animali in zoo e acquari pare essere un problema comune nei paesi asiatici, almeno per quanto posso leggere e vedere.
Tanti anni fa andai all'acquario di Genova e ricordo bene che ad esempio i pinguini avevano un bel po' di spazio in più per nuotare e sostare.
Certo lontano dagli spazi del mare, per questo ho smesso di visitare e finanziare queste prigioni per animali, dorate quanto si vuole ma pur sempre prigioni.

ps
potresti aggiungere alla funzione dei commenti la possibilità di essere avvisati se qualcuno risponde al commento, sarebbe utile :)
26/02/2021 21:10:43, Claudio @ VL
Ciao Lorenzo,
e' passata una settimana e non ti ho ancora risposto: la funzione di notifica dovrebbe essere pronta nei prossimi giorni.

Per quanto riguarda gli animali, la loro libertà e in generale i loro diritti, ti segnalo - se non lo conosci - il Progetto Grande Scimmia (Great Ape Project), che riguarda l'estensione di diritti legali (diritto alla vita, protezione della libertà individuale, proibizione della tortura) alle scimmie più simili alla specie umana, quindi Bonobo, Scimpanzé, Gorilla e Orango. So che stavamo parlando di pesci e animali marini, ma non credo la sensibilità (tua, mia) alla sofferenza degli animali si limiti ad alcune specie anziché all'intero "regno animale".

Ciao!



28/02/2021 16:55:09, Lorenzo
Sono d'accordo per la questione dei diritti da estendere via via ai nostri coinquilini sul pianeta.
Più in generale penso che gli animali se la caverebbero benissimo senza la nostra interferenza, già questo sarebbe un bel regalo per loro.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Uno piu' diciassette uguale...


Codici consentiti

Potrebbe interessarti...


Avvisi dagli amministratori

14/02/2021: La newsletter, ancora
Iscriversi e disiscriversi alla newsletter e' ora più semplice e NON richiede neppure la creazione di un profilo-utente sul sito: potete iscrivervi col modulo presente al fondo di tutte le pagine del sito.