Nuove regole per viaggiare verso l’Inghilterra - 12/11/2021

Vita piu' facile per i vaccinati
13/11/2021 | Autore: Redazione VL | 0 commenti

Novità positive per chi va in Inghilterra, dal sito del Governo britannico.

I viaggiatori completamente vaccinati (*) che viaggiano verso l’Inghilterra (**) non hanno più bisogno di un test COVID-19 ("tampone") (***) prima dell’ingresso nel Paese. Questa regola vale per i viaggiatori che sono stati vaccinati nel Regno Unito, nell’Unione Europea, negli Stati Uniti e in decine di altri paesi, tra cui Brasile, Hong Kong, India, Pakistan, Sudafrica e Turchia. È necessario essere in possesso di un documento che provi la propria situazione vaccinale (la Certificazione verde COVID-19 anche detta “Green pass“).

Oltre al certificato, prima dell’arrivo in Inghilterra è necessario prenotare e pagare per un test COVID-19 da svolgersi entro la fine del secondo giorno in Inghilterra. Infine, è necessario completare un modulo di localizzazione del viaggiatore nelle 48 ore precedenti all’arrivo in Inghilterra. Il test può essere sia a flusso laterale che PCR; il codice di prenotazione del test dovrà essere inserito nell’apposito campo nel modulo di localizzazione del viaggiatore.

Anche nel caso di permanenza in Inghilterra inferiore ai due giorni è obbligatorio prenotare e pagare per il test COVID-19 del secondo giorno. Ai fini del calcolo dei giorni, il giorno di arrivo viene considerato giorno zero.

Per chi non è vaccinato


Chi non è completamente vaccinato dovrà ricevere un test COVID-19 nei tre giorni precedenti alla partenza. Dovrà inoltre prenotare in anticipo e pagare per due test PCR per COVID-19, da svolgersi in Inghilterra il secondo e l’ottavo giorno dopo l’arrivo. Infine, dovrà completare un modulo di localizzazione del viaggiatore nelle quarantotto ore precedenti all’arrivo in Inghilterra.

Sempre per i non vaccinati è obbligatorio, dopo l’arrivo, una quarantena (a casa o nel posto in cui vi troverete) per 10 giorni completi. È inoltre necessario ricevere i due tamponi COVID-19 prenotati: il primo entro la fine del secondo giorno, il secondo entro la fine dell’ottavo giorno; anche in questo caso il giorno d’arrivo è considerato giorno zero.

Se il risultato del test del secondo giorno è positivo, non è necessario ricevere i test dell'ottavo giorno. Per chi rimane in Inghilterra meno di 10 giorni, la quarantena durerà per tutto il tempo della permanenza in Inghilterra. Anche in questo caso è necessario prenotare e pagare i tamponi per i giorni 2 e 8. Ciascun test verrà svolto solo se il viaggiatore è ancora in Inghilterra in quei giorni.

In caso di risultato positivo del test del secondo o dell'ottavo giorno, è obbligatorio un ulteriore periodo di 10 giorni di auto-isolamento a partire dal giorno del test positivo, la cui data verrà considerata giorno zero. Anche alle altre persone che si trovano in casa potrebbe essere richiesto di auto-isolarsi.



Note:
(*): “Completamente vaccinato“ in questo caso significa che la dose finale del vaccino ricevuto deve essere stata iniettata almeno 14 giorni prima dell’arrivo in Inghilterra.
(**): stiamo parlando solo dell'Inghilterra, non dell'intera Gran Bretagna ne' del Regno Unito (sono tre cose differenti, lo sapete).
(***): non provate a tradurre "tampone" in "tampon", quando parlate in inglese: quello e' l'assorbente interno.




Link: Gov.uk
Argomenti: COVID19, documenti, Inghilterra, salute
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Jurong Gardens: bonsai e altro
Successivo
Tromsø, panorami e prime impressioni


Commenti (0)Scrivi

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Nove piu' tredici uguale...


Codici consentiti



Avvisi dagli amministratori

01/10/2021: Aggiornamento indirizzo chat Ryanair
Segnaliamo agli utenti che abbiamo modificato la pagina con l'indirizzo della chat Ryanair, visto che l'azienda irlandese ha spostato tale servizio. L'articolo e' qui.