Nuove regole per viaggiare verso l’Inghilterra - 12/11/2021

Vita piu' facile per i vaccinati
13/11/2021 | Autore: Redazione VL | 0 commenti

Novità positive per chi va in Inghilterra, dal sito del Governo britannico.

I viaggiatori completamente vaccinati (*) che viaggiano verso l’Inghilterra (**) non hanno più bisogno di un test COVID-19 ("tampone") (***) prima dell’ingresso nel Paese. Questa regola vale per i viaggiatori che sono stati vaccinati nel Regno Unito, nell’Unione Europea, negli Stati Uniti e in decine di altri paesi, tra cui Brasile, Hong Kong, India, Pakistan, Sudafrica e Turchia. È necessario essere in possesso di un documento che provi la propria situazione vaccinale (la Certificazione verde COVID-19 anche detta “Green pass“).

Oltre al certificato, prima dell’arrivo in Inghilterra è necessario prenotare e pagare per un test COVID-19 da svolgersi entro la fine del secondo giorno in Inghilterra. Infine, è necessario completare un modulo di localizzazione del viaggiatore nelle 48 ore precedenti all’arrivo in Inghilterra. Il test può essere sia a flusso laterale che PCR; il codice di prenotazione del test dovrà essere inserito nell’apposito campo nel modulo di localizzazione del viaggiatore.

Anche nel caso di permanenza in Inghilterra inferiore ai due giorni è obbligatorio prenotare e pagare per il test COVID-19 del secondo giorno. Ai fini del calcolo dei giorni, il giorno di arrivo viene considerato giorno zero.

Per chi non è vaccinato


Chi non è completamente vaccinato dovrà ricevere un test COVID-19 nei tre giorni precedenti alla partenza. Dovrà inoltre prenotare in anticipo e pagare per due test PCR per COVID-19, da svolgersi in Inghilterra il secondo e l’ottavo giorno dopo l’arrivo. Infine, dovrà completare un modulo di localizzazione del viaggiatore nelle quarantotto ore precedenti all’arrivo in Inghilterra.

Sempre per i non vaccinati è obbligatorio, dopo l’arrivo, una quarantena (a casa o nel posto in cui vi troverete) per 10 giorni completi. È inoltre necessario ricevere i due tamponi COVID-19 prenotati: il primo entro la fine del secondo giorno, il secondo entro la fine dell’ottavo giorno; anche in questo caso il giorno d’arrivo è considerato giorno zero.

Se il risultato del test del secondo giorno è positivo, non è necessario ricevere i test dell'ottavo giorno. Per chi rimane in Inghilterra meno di 10 giorni, la quarantena durerà per tutto il tempo della permanenza in Inghilterra. Anche in questo caso è necessario prenotare e pagare i tamponi per i giorni 2 e 8. Ciascun test verrà svolto solo se il viaggiatore è ancora in Inghilterra in quei giorni.

In caso di risultato positivo del test del secondo o dell'ottavo giorno, è obbligatorio un ulteriore periodo di 10 giorni di auto-isolamento a partire dal giorno del test positivo, la cui data verrà considerata giorno zero. Anche alle altre persone che si trovano in casa potrebbe essere richiesto di auto-isolarsi.



Note:
(*): “Completamente vaccinato“ in questo caso significa che la dose finale del vaccino ricevuto deve essere stata iniettata almeno 14 giorni prima dell’arrivo in Inghilterra.
(**): stiamo parlando solo dell'Inghilterra, non dell'intera Gran Bretagna ne' del Regno Unito (sono tre cose differenti, lo sapete).
(***): non provate a tradurre "tampone" in "tampon", quando parlate in inglese: quello e' l'assorbente interno.




Link: Gov.uk
Argomenti: COVID19, documenti, Inghilterra, salute
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Jurong Gardens: bonsai e altro
Successivo
Tromsø, panorami e prime impressioni


Commenti (0)Scrivi

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Quarta e quinta lettera di 'soffitto'


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

01/10/2021: Aggiornamento indirizzo chat Ryanair
Segnaliamo agli utenti che abbiamo modificato la pagina con l'indirizzo della chat Ryanair, visto che l'azienda irlandese ha spostato tale servizio. L'articolo e' qui.