Viaggio a Saigon: l'attrezzatura fotografica


15/10/2009 | Autore: Claudio @ VL

Andare in Vietnam poco dopo un viaggio in Cambogia offre qualche svantaggio (i ricordi dei due viaggi tendono a sovrapporsi nella memoria, per esempio), ma offre un chiaro vantaggio: durante il secondo viaggio sono ancora fresche le esperienze fotografiche del primo. ("Peccato non avere un tele lungo, di fronte a quel tramonto!", o "La prossima volta, giuro, non portero' piu' dieci chili di attrezzatura!")

Rispetto al viaggio in Cambogia, la visita in Vietnam ha avuto obiettivi piu' limitati: se in Cambogia ho usato la citta' di Siem Reap come 'base' per visitare i templi di Angkor, il lago di Tonle' Sap e i dintorni, in Vietnam sono stato solo in una citta' (la capitale Ho Chi Minh City, che preferisco chiamare col suo vecchio nome, Saigon) e il viaggio e' stato limitato a due giorni piu' qualche ora (dal venerdi' sera alla domenica notte; lunedi' avevo una riunione di lavoro, il motivo della visita in Vietnam).

Ecco cos'avevo con me:

Un corpo macchina Nikon D300: nessun problema. Usata spesso dopo il tramonto, con l'Auto ISO impostato a 6400 ISO.

Zoom Nikkor 18-105mm VR. Il 70% delle foto sono state scattate con quest'obiettivo. Con un po' d'impegno - e qualche compromesso nei risultati - sarei riuscito a cavarmela anche senza altri obiettivi.

Zoom Sigma 10-20mm. Usato nelle foto all'interno della basilica di Notre Dame, nel gigantesco ufficio postale centrale di Saigon e in alcuni musei. Usato per il 25% delle foto.

Zoom Nikkor 55-200mm f/4-5.6G DX AF: usato per poche foto (il 5%), ma sono lieto di non averlo lasciato a casa: molto meglio che usare il 18-105mm alla massima estensione e poi "croppare" l'immagine.

Tre schede CompactFlash Sandisk Ultra II, di cui due da 8Gb e una da 4Gb. In quest'occasione non sono andato neanche vicino ad usare tutti i 20Gb che avevo a mia disposizione. Poche foto scattate in formato RAW e molte immagini catturate come "JPEG - Normal", oltre al fatto che Saigon offre, rispetto ad Angkor, meno motivi per scattare foto in quantita', hanno contribuito ad una produzione di circa 1.000 immagini, poco meno di 5Gb. Non ho usato le schede da 8Gb e non ho quindi avuto modo di verificare l'eventuale ripetizione dei problemi avuti in Cambogia (vedi).

Un computer Lenovo T61. Usato per scaricare le fotografie della giornata. Pesante, ma e' stato in albergo, non nel mio zaino, durante le escursioni fotografiche. Utile per inserire nuove foto nel blog durante il viaggio.

Uno zaino Lowepro Flipside 300. Usato per la protezione che offre contro i furti, visto che si apre verso la schiena e non verso l'esterno.

Se tornassi a Saigon ...


... cercherei di avere un obiettivo luminoso e autofocus nello zaino (probabilmente un 50mm/1,8, anche per motivi economici), per le foto notturne (non tanto per i panorami, ma per persone, mercati e bancarelle): la Nikon D300 se la cava benino a 1600 ISO, decentemente a 3200 ISO, e a 6400 produce ancora foto, ma un obiettivo con apertura massima intorno a 1,8 sarebbe di grande aiuto, nelle situazioni in cui c'e' poca luce.

... ma per riuscire davvero a "viaggiare leggeri", sarebbe bastato portare la D300 con lo zoom 18-105mm, e avrei comunque portato a casa foto di qualita' simile a quelle che ho scattato. Certo, sostituendo la D300 con l'ultraleggera D40, sarei riuscito comunque a scattare le foto che ho scattato, e con meno peso sulle spalle. E rinunciando ad un altro po' di qualita', si sarebbe potuto far tutto con una compatta. E perche' non usare semplicemente la fotocamera del cellulare???

In effetti, non vedo futuro per le compatte con sensore piccolo, vista la crescita tecnologica delle fotocamere dei cellulari. E le reflex ... ha senso comprare una reflex per usarla sempre con lo zoom originale, usato solo nelle due posizioni estreme 18mm e 55mm? Non sarebbe piu' sensato comprare una compatta con sensore grande, ma senza obiettivo intercambiabile?


Argomenti: fotografia, Vietnam, viaggiare leggeri, attrezzatura fotografica per viaggi
Segui i commenti tramite RSS

Commenti


30/07/2013 12:43:35, Luca76
Ma l'hai fatto apposta, a scrivere le ultime frasi usando caratteri via via piu' piccoli, fino a renderle illeggibili? Ho dovuto copiarle e incollarle nel blocco note di Windows, per leggere quel che avevi scritto!
30/07/2013 17:20:35, Claudio @ VL
Ho usato un font progressivamente piu' piccolo per evidenziare anche graficamente che c'e' sempre la possibilita' di togliere, ridurre, diminuire il peso del bagaglio fotografico. Ma a distanza di alcuni anni dalla pubblicazione originale di quest'articolo, non mi pare piu' una cosi' buona idea, costringere i lettori a ingrandire le dimensioni dei font (CTRL piu' il "+" del tastierino numerico), per cui ho riportato tutto il testo a dimensioni normali e leggibili. Grazie per la segnalazione!
[Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
In quale continente e' il Giappone?