Nuova Zelanda

Da Napier a Rotorua passando per Mahia

di ViaggiareLeggeri, 24 luglio 2010 | Tempo lettura 3' | 0 commenti | Commenta

Sabato mattina, siamo a Napier. Pregusto gia' una passeggiata in centro, in questa "capitale dell'Art Deco", ma dalla finestra del motel arrivano cattive notizie. Piove a dirotto. Ieri siamo andati in giro nei dintorni, abbiamo visto cavalli trotterellare in spiaggia, abbiamo degustato vini e assaggiato formaggi, passeggiato a Havelock (un paradiso per gli scapoli di ogni eta'), e rimandato le foto a Napier a oggi. E oggi piove. Facciamo un giro in centro in auto, ci fermiamo davanti alla vecchia fabbrica della Rothmans, poi decidiamo di guidare verso nord, rimandando a quando saremo a Wairoa, crocevia tra le strade 2 e 38, la decisione su come proseguire: verso nord lungo la costa, o verso nord-ovest attraverso le montagne, in direzione di Rotorua. Guidiamo, la costa e' spettacolare, onde alte che renderebbero estatico qualsiasi surfista, ma la pioggia rende impossibile fermarsi ad osservare il panorama. Per alcuni chilometri e' anzi' talmente intensa che fermarsi sarebbe meglio, per sicurezza.

Arrivati a Wairoa deviamo verso la penisola di Mahia, che sulla carta pare un posto interessante. Guidiamo attraverso un villaggio Maori con tre cimiteri, incrociamo un Maori con la faccia tatuata, un cappellaccio da cow boy e l'aria da Clint Eastwood neozelandese invecchiato, ci ritroviamo in stradine sterrate sempre piu' piccole, infine rinsavisco, mi rendo conto che non stiamo andando verso spiagge meravigliose, parchi popolati da kiwi, monumenti isolati e misteriosi, faccio un'inversione di marcia e torniamo indietro, prima di rimanere impantanati nel fango.

A Wairoa prendiamo quindi la strada 38, che si rivela una sorpresa. Lunghissima e senza stazioni di servizio, bagni (e' un'eccezione, i bagni pubblici sono ovunque, in Nuova Zelanda) o villaggi, si snoda per un lungo tratto vicino al lago Waikaremoana, nel parco nazionale Te Urewera. La pioggia non solo rende il percorso poco fotogenico, ma causa anche frane e 'dilavamenti', con piccoli flussi d'acqua che, scendendo dalle montagne, si portano via la strada, poco per volta. La strada, sempre sterrata, non permette velocita' superiori ai cinquanta, e spesso procediamo a trenta all'ora. La benzina va giu', la vescica si riempie, il cielo si scurisce. Alle cinque l'indicatore sul cruscotto indica che ci rimane un quarto di serbatoio. Alle sei siamo fuori dallo sterrato e di nuovo sull'asfalto, la pioggia e' terminata e il buio e' completo, e siamo ad una tacca dall' "E" che indica il serbatoio vuoto o la riserva. Esperienze passate raccomandano di non dare per scontata la presenza di una riserva, per cui guido a 80/90 km/h col piede leggero come se avessi un uovo sotto la suola della scarpa. Scelgo la velocita' a naso, visto che non abbiamo il contagiri: il motore sembra sforzarsi meno a questa velocita' che a 70 o 60.

Troviamo due benzinai lungo la strada, entrambi chiusi. Tenetelo presente, se viaggiate in Nuova Zelanda in inverno: alle sei di sera, troverete quasi tutto chiuso. Proseguiamo, il motore sta probabilmente funzionando coi vapori del carburante che era stato nel serbatoio...

Alle sette arriviamo a Rotorua, c'e' un benzinaio aperto e facciamo il pieno. Quando tolgo il tappo del serbatoio si sente un risucchio, quasi un sospiro, come quello della vittima del "Silenzio degli innocenti" quando viene rimosso l'insetto dalla sua gola.

Il benzinaio e' di fianco ad un motel dove avevamo dormito venti giorni fa andando a sud. Entriamo, il proprietari ci riconosce e ci offre la stessa stanza che abbiamo usato la volta scorsa, ad un prezzo inferiore (80 dollari). Accettiamo e andiamo in centro a mangiare.



Di ViaggiareLeggeri, 24 luglio 2010 | Tempo lettura 3' | 0 commenti | Scrivi
Altri articoli in Nuova Zelanda

©2004, 2019 ViaggiareLeggeri.com. La riproduzione integrale di quest'articolo e' vietata.




Feed RSS del blog Vuoi essere avvisato dei nuovi articoli? Clicca qui!
PUBBLICITÀ

PUBBLICITÀ

Queste pagine potrebbero interessarti


Vuoi essere aggiornato?

Se vuoi essere avvisato quando ci saranno nuovi commenti, registrati!

Il tuo commento 

Aggiungi un commento a Da Napier a Rotorua passando per Mahia

Nome (obbligatorio)
Email (obbligatoria, non verra' pubblicata)
Sito internet (facoltativo)


Domanda di verifica


Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Sette meno quattro uguale...





Prima di salvare il tuo messaggio, usa il buon senso... e se hai dei dubbi, leggi il decalogo per chi scrive nel forum
 

Per abbellire il tuo messaggio, usa questi comandi 
Se digiti... comparirà
[b]grassetto[/b] grassetto
[i]corsivo[/i] corsivo
[u]sottolineato[/u] sottolineato
[s]sbarrato[/s] sbarrato
[size=14]Testo alto 14 punti[/size] Testo alto 14 punti
[color=red]Testo rosso[/color] Testo rosso
[mail]io@email.com[/mail] io@email.com
[url]http://www.viaggiareleggeri.com[/url] http://www.viaggiareleggeri.com
[url=http://www.viaggiareleggeri.com]sito[/url] sito
[list][*]Primo punto della lista[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  • Primo punto della lista
  • Secondo punto
  • Terzo punto
[list=1][*]Primo punto della lista numerata[*]Secondo punto[*]Terzo punto[/list]
  1. Primo punto della lista numerata
  2. Secondo punto
  3. Terzo punto
[quote]Nel mezzo del cammin di nostra vita[/quote]
Nel mezzo del cammin di nostra vita
[foto]http://www.viaggiareleggeri.com/galleryPics/2634.jpg[/foto] Foto



Permalink: Da Napier a Rotorua passando per Mahia