Vagabondo


04/08/2010 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Tanti anni fa, quand'ero piccolo, mio zio mi chiamava vagabondo. Non ci facevo caso, soprattutto perche' mio nonno, nello stesso periodo, mi chiamava Garibaldi, come probabilmente altri nonni piemontesi nati all'inizio del Novecento facevano coi loro nipoti. Non ero, mi pare, ne' scavezzacollo, ne' particolarmente curioso del mondo, ne' un condottiero nato, per cui entrambi i soprannomi mi parevano fuori luogo. Ultimamente, pero', mi pare di essere diventato un vagabondo per forza o per caso: mi trasferisco in Inghilterra e mi spostano negli Stati Uniti, sono negli USA e mi mandano a Singapore. Ora, poi, e' un periodo particolare: rimasto senza lavoro per scelta, e senza possibilita', per il momento, di rientrare nella mia casa inglese fino alla soluzione di alcuni problemi burocratici, mi sono ritrovato a passare due mesi a Singapore, uno in Nuova Zelanda, cinque giorni a Singapore ospite di amici, e ora sono a Taiwan da un giorno, e restero' qui per due settimane, per poi ritornare in Italia dopo Ferragosto, passando di nuovo per Singapore, sperando di riuscire a rientrare in Inghilterra prima di Natale.

La morale della storia, per chi vorrebbe viaggiare e non ci riesce per tanti motivi, e' che anche se per tanto tempo niente cambia, basta un attimo per cambiare tutto.


Argomenti: Wanderlust
Segui i commenti tramite RSS


Potrebbero interessarti...

Differenze e similitudini tra culture
Col quad nel deserto egiziano
Benvenuto 2013
Perchè viaggiamo?
Speriamo di poter fare un bel viaggio

Precedente
Via dalla Nuova Zelanda
Successivo
Martin pescatore a Miranda, Nuova Zelanda


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Due per sei uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.