Vini italiani in Inghilterra, un prodotto in via d'estinzione

Prezzi troppo alti per Chianti, Barbera e Pinot Grigio?
29/09/2012 | Autore: Claudio @ VL

Foto scattata in un supermercato inglese. I vini rossi francesi hanno uno scaffale a se', quelli sudamericani (cileni e argentini soprattutto) ne hanno un altro, australiani/neozelandesi/sudafricani un altro ancora. E i vini ungheresi e bulgari condividono uno scaffale, cinquanta per cento per ciascuno, contro il trentatre' per cento (scarso) di scaffale occupato dai nostri vini: i vini italiani, che fino a pochi anni fa avevano anch'essi uno scaffale tutto per loro, ora si ritrovano a coabitare coi vini spagnoli e portoghesi. In minoranza, come vedete, perche' i nostri sono tutti qui, nello scaffale piu' alto, con un Douro e un Touriga, entrambi portoghesi, che iniziano a far pressione da destra sul Barolo. Altri vini nostrani: altro Barolo, Chianti, Montepulciano d'Abruzzo e Nero D'Avola. Tutto qui.

Lo stesso supermercato aveva, cinque anni fa, quattro tipi differenti di Chianti, per dire. Ora in totale ha cinque vini rossi italiani, e non e' che sia perche' a noi italiani ci odiano, all'estero. E' che ci sono ottimi vini francesi a tre sterline e mezzo, buoni vini ungheresi a due e novantanove, e tanti altri vini non italiani sotto le cinque sterline. I nostri no: il piu' economico costa cinque sterline.

Inghilterra, sempre meno vini italiani



Mi torna in mente quel che mi disse un importatore italiano di vini a Singapore, quando gli chiesi come mai non si riusciva a trovare nessun vino italiano a meno di 16 singdollars a bottiglia, mentre per la stessa cifra si trovano vini francesi, australiani, statunitensi. Rispose che i dazi sull'importazione a Singapore causano quel prezzo. Gia', e quei dazi incidono solo sui vini italiani, immagino...

Sveglia, esportatori italiani! Continuate a pensare che i vini italiani abbiano una grande reputazione, e non vi accorgete che gli americani ci hanno superato da un pezzo come qualita', e che i vini sudafricani, australiani, cileni ci stanno alle calcagna (e ci superano tranquillamente nel rapporto qualita'-prezzo). Guardatevi un film come Bottle Shock, che non sara' un documentario, ma che parla di eventi realmente avvenuti, e di come i vini statunitensi fossero, gia' negli anni Settanta, all'altezza di quelli francesi. E in Italia c'e' ancora qualcuno che, sentendo le parole "vino americano", riesce ad abbozzare un sorrisetto di sufficienza.



Argomenti: vivere in Inghilterra, vino, italianità, acquisti
Segui i commenti tramite RSS


Precedente
Cartelli stradali troppo lunghi: leggili e schiantati
Successivo
Eden Project, Cornovaglia: il robot riciclato


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Nove piu' tredici uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.