Gadget taiwanesi: maniche senza maglia!

Una volta avevo delle maglie senza maniche. Ora ho anche le maniche senza la maglia
07/11/2014 | Autore: Claudio @ VL

Fino alla fine di ottobre, la temperatura a Londra e a Heathrow era primaverile, ventitre' gradi, la piu' alta mai registrata in questo periodo. In pochi giorni siamo scesi a temperature piu' normali per la stagione, tanto che in questi giorni c'e' un bel sole ma, alle undici di mattina, ci sono solo sei gradi (e ieri, alle otto di mattina, c'era un solo, solitario grado). Troppo freddo per uscire in maglietta, e' l'occasione ideale per provare qualcosa che ho comprato il mese scorso a Taiwan, dove questo gadget viene utilizzato da almeno dieci anni (lo vidi per la prima volta proprio nel 2004).

Si tratta di maniche. Solo maniche, senza una maglia. A Taiwan queste "maniche solitarie" vengono indossate non per proteggersi dal freddo, ma per difendere la pelle dal sole e (forse) dall'inquinamento. Le ho viste indossate da persone di ogni eta', vecchiette e ragazzini, gente che va a passeggio o che fa sport, compresi ciclisti sotto il sole rovente. Mi interessava provare queste maniche per verificarne l'utilita' per l'escursionista/cicloturista italiano medio, in condizioni non estreme, per cui, a Taoyuan, ne ho comprate un paio in un negozio, per la ragionevole cifra di 69 NTD (New Taiwanese Dollar), che poi sono solo 1,8 euro.





La confezione mostra le foto di cinque possibili usi di queste maniche: "moda", ciclismo, trekking, golf, "guida". Due foto (ciclista e golfista) mostrano uomini, le altre tre mostrano donne, come a sottolineare il fatto che l'articolo non e' destinato solo ad un pubblico maschile o femminile. Le dimensioni dichiarate sulla confezione sono 36cm (lunghezza) per 9 cm (diametro), e le maniche (nere, ma sono disponibili in tanti altri colori) sono in materiale elastico, non imbottito e non impermeabile.

Le maniche alla prova


Indossare e rimuovere queste maniche e' facile e rapido e cio', insieme al peso irrisorio (stimato in 10/15 grammi, visto che l'ago della bilancia da cucina che abbiamo utilizzato non si muove dallo zero) e alle dimensioni minime se arrotolate, le rende adatte ad essere impiegate in escursioni con zaino ultra-leggero in cui si passi dal caldo al freddo (non estremi), o in cui, dopo una sudata, si voglia limitare la dispersione termica causata dalle braccia nude.

Come dicevo all'inizio, ho provato le maniche durante una pedalata in bici iniziata in una tarda mattinata piena di sole, con una temperatura di sei gradi (saliti poi a otto), cui ha fatto seguito un pomeriggio di pioggia gelida e costante, con la temperatura che e' scesa sotto i cinque gradi. All'arrivo a casa, per dire, avevo gli alluci gelati, bianchi e insensibili, e sono rimasti cosi' per una buona mezz'ora, nonostante un bagno in acqua calda. Forse la temperatura era piu' vicina allo zero di quanto non sembrasse sul momento!

Le maniche si sono rivelate utili all'inizio, appena uscito di casa in maglietta (e canottiera, OK, lo ammetto), le ho poi rimosse dopo la parte iniziale del percorso, su sentieri sterrati con salite e discese (vicino all'aeroporto di Heathrow), visto che in quella fase mi sono scaldato parecchio. Le maniche hanno la tendenza a scivolare giu' dalle spalle, ma e' possibile che questo problema si verifichi solo per gli utenti dotati di braccia molto lunghe o molto sottili (senza muscoli). Ho re-indossato le maniche dopo esser arrivato a destinazione (Harrow), prima di iniziare il ritorno. Nel giro di mezz'ora la pioggia ha iniziato a cadere, il sole si e' abbassato (il tramonto, in questi giorni, e' verso le 16,20) cosi' come la temperatura. Le maniche si sono dimostrate non-impermeabili, ma perlomeno non sembrano essersi inzuppate, con la pioggia. Con l'abbassarsi della temperatura ho fatto ricorso ad un maglione Craghoppers in pile.

Conclusioni


Le "maniche senza maglia" taiwanesi sono probabilmente una buona idea per proteggere la pelle delle braccia dal sole e dall'inquinamento. Proteggono bene dal vento. Vanno bene contro il freddo, ma non a temperature prossime allo zero. Queste maniche possono trovare posto anche nel bagaglio di chi ama viaggiare leggero, visto peso e ingombro (e costo) irrisorio.





Argomenti: Taiwan, abbigliamento, foto, acquisti, viaggiare leggeri
Segui i commenti tramite RSS

Commenti

Non ci sono ancora commenti. Vuoi iniziare tu? [Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Cinque per due uguale...