Garante antitrust multa Ryanair e EasyJet

Assistenza clienti Ryanair troppo costosa, tariffe low cost EasyJet ingannevoli
17/02/2015 | Autore: ViaggiareLeggeri

FEBBRAIO 2015 - L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato (AGMC) ha multato Ryanair e EasyJet per un totale di 720.000 euro.

Multa a Ryanair: 550.000 euro per assistenza ai passeggeri troppo costosa


L'AGCM ha multato Ryanair per la difficolta' e i costi che i passeggeri devono sobbarcarsi per contattare l'assistenza clienti. La multa avrebbe potuto essere ancora piu' elevata, ma l'Autorita' ha tenuto conto del miglioramento del servizio offerto da Ryanair (ne parlammo in "La normalizzazione di Ryanair").
Dal sito dell'AGCM:
Sanzione amministrativa per complessivi 550.000 euro a Ryanair, la compagnia aerea irlandese di voli low cost, per pratiche commerciali scorrette. Sotto accusa, in particolare, le modalità di assistenza fornite ai passeggeri attraverso un servizio di call center raggiungibile esclusivamente tramite numerazioni a sovrapprezzo.

La multa è stata irrogata dall’Antitrust al termine di un procedimento per pratiche scorrette, avviato il 6 giugno 2014 a seguito di numerose segnalazioni di passeggeri e associazioni di consumatori che lamentavano l’estrema difficoltà e onerosità nel mettersi in contatto con l’operatore per esercitare specifiche prerogative contrattuali. Tra queste, la richiesta di assistenza per l’imbarco di persone con ridotta mobilità; la scelta di un volo sostitutivo in caso di variazioni al piano di volo disposte dal vettore; la modifica della prenotazione effettuata prima del volo; la richiesta di restituzione delle somme erroneamente addebitate al momento della prenotazione e di emissione della fattura commerciale per il volo acquistato, oltre all’utilizzazione dei bonus di credito concessi dal vettore.

L’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha concesso a Ryanair 90 giorni di tempo entro cui comunicare le iniziative adottate per rimuovere i profili di scorrettezza accertati, sui quali la compagnia ha iniziato a intervenire nel corso del procedimento, senza tuttavia averli ancora eliminati. Le misure già adottate dalla società hanno riguardato, nello specifico, l’abolizione del numero a sovrapprezzo dedicato all’assistenza prioritaria, la riduzione delle tariffe per l’assistenza telefonica e l’introduzione di un servizio di assistenza via chat, accessibile dal sito web del vettore, che consente al passeggero di interloquire con un addetto al servizio clienti.

Di questo comportamento della compagnia, l’Agcm ha tenuto conto nella determinazione della sanzione.

La decisione si colloca nell’ambito di altri interventi analoghi adottati dall’Autorità sulle modalità di assistenza ai passeggeri del trasporto aereo e, in particolare, sull’utilizzo di linee telefoniche a sovrapprezzo per esercitare legittime prerogative contrattuali (vedi, da ultimo, la decisione n. 25181 del 12 novembre 2014, su Meridiana Fly - Rimborsi e call center a pagamento, Bollettino ufficiale n. 47/2014).


Multa a EasyJet: 170.000 euro per tariffe low cost ingannevoli


Quante volte abbiamo visto un'offerta speciale favolosa sul sito di una linea aerea low cost, per poi scoprire, al momento di pagare, che il prezzo finale e' molto piu' alto? L'Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato EasyJet per la poca chiarezza delle sue offerte speciali. Dal sito dell'AGCM:

Con una multa di 170.000 euro, l’Autorità garante della Concorrenza e del Mercato ha sanzionato la compagnia aerea Easyjet con sede nel Regno Unito, specializzata in voli “low cost”, per una pratica commerciale scorretta. Al termine del procedimento avviato il 20 giugno 2014, l’Antitrust ha accertato che l’operatore pubblicizzava attraverso il proprio sito Internet una proposta promozionale a prezzi particolarmente vantaggiosi, “senza rendere evidente in maniera adeguata al consumatore le effettive condizioni e limitazioni dell’offerta”.

In particolare, le condizioni offerte sul sito della compagnia per un volo di sola andata sarebbero disponibili soltanto per un viaggio effettuato da due passeggeri o di un viaggio andata/ritorno. Nel caso di prenotazione singola, invece, la tariffa finale risulterebbe maggiore rispetto a quella pubblicizzata. Secondo l’Antitrust, infine, le informazioni fornite da Easyjet al momento della prenotazione – come si legge nel testo del provvedimento - “sarebbero insufficienti a rendere consapevole il passeggero della limitazione alla quale è soggetta l’offerta”.

Nella determinazione della sanzione, l'Autorità ha tenuto conto della condotta di EasyJet che, nel corso del procedimento, ha eliminato i profili di ingannevolezza contestati e adottato misure tese ad aumentare la trasparenza nei confronti dei consumatori.




Link: Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato
Argomenti: easyJet, Ryanair, multe
Segui i commenti tramite RSS

Commenti

Non ci sono ancora commenti. Vuoi iniziare tu? [Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Seconda e terza lettera di 'soffitto'