Paravento a costo zero per fornelletto da campeggio

Il riciclo creativo (ma neanche tanto) della confezione di un materassino
28/11/2017 | Autore: Claudio @ VL

Vai a campeggiare, e piazzi la tenda a poca distanza da una pizzeria, in modo da non dover cucinare. Va bene, niente da dire, ma se vai a fare un'escursione in montagna, o anche solo in collina, meglio portarsi un fornellino da campeggio (meglio se piccolo e leggero come questi due). Peccato che, quando cucini o fai bollire dell'acqua in montagna, ci sia sempre un ospite indesiderato: il vento. Esistono molte soluzioni per proteggere il fornellino dal vento: pannelli in alluminio, per esempio.

Si tratta di prodotti commerciali, con un prezzo (che paga chi li compra) e un costo di produzione (per l'ambiente), per cui a volte è meglio fare del riciclo creativo, riutilizzando oggetti che già abbiamo in casa. Meglio ancora se si tratta di oggetti destinati al cestino della spazzatura, come questo:





Si tratta della confezione del materassino autogonfiabile di cui parlavo in questa recensione. E' appena più larga della mia pentola da campeggio, ed e' appena più alta dell'insieme bombola+fornellino+pentola. Si chiude in modo stabile, è leggera, e quando non sarà più adatta a proteggere la fiamma dal vento potrò buttarla via senza soffrire troppo.

Unico limite: questo "schermo" è prodotto in polipropilene (plastica) infiammabile. Nel corso di un test ho visto che la fiamma - protetta dal vento - non entra a contatto con questo "paravento", e rimane anzi a vari centimetri di distanza, ma ... se mettete in pratica questa soluzione low cost, fate un po' di attenzione. Oppure incollate un foglio di alluminio nell'area in cui la fiamma è più vicina al paravento.




Argomenti: ambiente, ecologia, attrezzatura da campeggio, vivere low cost, fai da te

Commenti

Non ci sono ancora commenti. Vuoi commentare tu?

Lascia un commento

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Se e' canadese, viene dal ...