Cosa mi colpi' di Singapore: le navi

Tante, immobili, in attesa
10/03/2019 | Autore: Claudio @ VL

Quando ci trasferimmo a Singapore, anni fa, non avevamo un appartamento pronto ad accoglierci. Per le prime due settimane, "casa" per noi era un hotel sulla East Coast Road, lungo la costa sud-orientale dell'isola. Sveglia - colazione in hotel - si va in ufficio - otto ore di lavoro - si torna in hotel - tv - a dormire. Niente di speciale, a parte il caldo e l'umidità opprimenti e la voglia di mangiare cibo non cinese ne' indiano, per cui dopo tre giorni a Singapore, di mattina presto, andai in un centro commerciale per fare incetta di paste dolci.

Niente di strano in questa routine, dicevo. A parte le navi. Guardando fuori dalla finestre della nostra camera d'albergo si vedevano due file di palazzi e, oltre quelli, il mare: lo Stretto di Singapore. E nello stretto, tra Singapore e l'Indonesia, c'erano navi. Tante navi. Per uno di Torino, tre navi nel campo visivo sono tante, e visto che nello Stretto ce n'erano decine, per me erano moltissime. Navi da carico, petroliere, navi-gru, navi per ricerche subacquee. Pescherecci, rimorchiatori, battelli militari. Erano tante navi di tanti tipi differenti.

E non si muovevano. Provai a controllarle, tra la mattina e la sera, e da un giorno all'altro, per vedere se si erano mosse, se erano sempre gli stessi battelli nello stesso posto. Magari c'erano persino dei battelli-fantasma, tanto - come scoprii in seguito - di storie di fantasmi ce ne sono in abbondanza, a Singapore, soprattutto riguardo alle isole a sud, come quella di St. John. Ma ci voleva troppa pazienza, per cui mi accontentai di verificare che "a occhio" le navi erano, per la maggior parte, sempre nel solito posto. Chiesi ad alcuni colleghi singaporiani, che mi spiegarono che le navi si fermano nello Stretto di Singapore per giorni e a volte anche settimane, in attesa di ricambi, per completare il carico o trasbordare merce, e a volte per cambi d'equipaggio.

Sia come sia, non ho mai visto tante navi cosi' vicine, al di fuori dei porti.





Argomenti: battelli, Singapore, cartoline, foto Singapore
Segui i commenti tramite RSS

Commenti

Non ci sono ancora commenti. Vuoi iniziare tu? [Mostra aiuto]

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La capitale francese si chiama