Le dimissioni dell'amministratore delegato di Air Berlin


19/08/2011 | Autore: Redazione VL

Il consiglio d'amministrazione di Air Berlin, linea aerea low cost tedesca, ha accettato le dimissioni di Joachim Hunold, amministratore delegato dell'azienda, come riportato sul sito della linea aerea. Le dimissioni di Hunold saranno effettive dal 1⩝ settembre 2011, e Hartmut Mehdorn, membro del consiglio d'amministrazione della linea aerea, ricoprira' temporaneamente il ruolo di amministratore delegato.

La dichiarazione ufficiale comprende il seguente paragrafo, che aiuta a fare luce sulle dimissioni di Hunold:

"With these measures, the prerequisites that air-berlin needs for a swift and comprehensive adaptation to the changed market environment are present. The Board would like to thank Joachim Hunold for his long-standing involvement at the helm of airberlin. Without Mr. Hunold's consistent efforts directed to long-term results, airberlin would not have become Germany's second-largest and Europe's sixth-largest airline company. In this manner, the framework for a sustainable profitability of the company is provided."


In parole povere...

> With these measures, the prerequisites that air-berlin needs for a swift and comprehensive adaptation to the changed market environment are present
Grazie alle dimissioni di Hunold, Air Berlin sara' in grado di adattarsi alle condizioni di mercato attuali. Ergo, Joachim Hunold era ancorato ad un vecchio modo di fare business.

> the changed market environment
In questa frase si puo' leggere di tutto. Secondo noi, il cambiamento piu' grande cui forse Hunold non era preparato (e sottolineo forse, visto che non nessuno, a ViaggiareLeggeri.com, ha ancora mai diretto una linea aerea) e' la scomparsa della divisione netta tra linee aeree low cost e linee aeree tradizionali: Air Berlin, la terza linea aerea d'Europa e la terza linea aerea low cost in Europa, sta implementando soluzioni tipiche delle "legacy airlines", come spuntini gratuiti (cioe' compresi nel prezzo del biglietto...), sedili numerati, voli con coincidenze garantite. Hunold non era forse la persona piu' adatta per traghettare Air Berlin in questo nuovo ambiente.

> (Without) Mr. Hunold's consistent efforts directed to long-term results (...)
Classico caso di "Ti critico mentre ti lodo": gli sforzi dell'A.D. dimissionario erano troppo orientati ai risultati a lungo termine, con la conseguenza che la crescita a breve termine non era stata forse cosi' soddisfacente: fattore di carico in calo dal 2008 al 2010, numero di passeggeri in crescita ma non troppo (fonte: Wikipedia).

> (Senza gli sforzi di Hunold) airberlin would not have become Germany's second-largest and Europe's sixth-largest airline company
Tra le righe, sembra quasi che il C.d.A. di Air Berlin rimproveri all'A.D. dimissionario di non aver portato la low cost tedesca tra le prime cinque aerolinee europee...

> In this manner, the framework for a sustainable profitability of the company is provided.
L'espressione chiave e' "sustainable profitability", qui: il consiglio d'amministrazione avrebbe sicuramente voluto anche una maggiore crescita a breve termine.

E dopo questo esercizio in dietrologia applicata ai comunicati stampa, stacco il computer e torno a preparare zaino e borsone per le vacanze. Una settimana al Lake District, partenza domattina. Saluti a tutti.


Argomenti: linee aeree
Segui i commenti tramite RSS


Potrebbero interessarti...

I sedili ravvicinati non sono scomodi, ma...
Clienti Opodo, avete mai ricevuto un rimborso tramite la polizza 'Cancel for Any Reasons'?
Linee aeree in bancarotta nel 2019
Voli low cost per l'Islanda: arriva Play Air?
Sondaggio di Which?: Ryanair è la peggiore linea aerea

Precedente
Libera concorrenza, questa sconosciuta: addio Arenaways?
Successivo
E questo e' viaggiare leggeri?


Commenti

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
La bandiera italiana e' verde, bianca e...


Codici consentiti