Il blog di ViaggiareLeggeri, archivio 02/2006

Un blog sui viaggi. Appunti, foto, riflessioni sui viaggi e sul vivere all'estero

Le Olimpiadi invernali di Torino viste da Atlanta, USA

Le Olimpiadi arrivano a casa mia, e io sono andato a vivere altrove.

Sport

Mia sorella e' andata a vedere short track e pattinaggio maschile individuale con mia nipote. Il giorno dopo, la bimba (3,5 anni) ha detto "C'e' lo zio sul giornale!". Era Plushenko, un pattinatore russo. Non so neanche che faccia abbia; la mia suppongo. Amici mi dicono che abbia i capelli disordinatamente lunghi e unti e un naso spropositato; forse e' arrivato il momento per una plastica facciale, o quantomeno per una visita al barbiere. Altri amici sono andati a vedere il curling, l'hockey ... Leggi

C'e' una Turin anche in Georgia

A confronto, Un Tranquillo Weekend Di Paura pare davvero tranquillo

Atlanta

Diario di bordo del capitano CP, anno astrale 2006, giorno 12/02/2006 (sono indietro col diario), vascello Chevrolet con un fetentissimo cambio automatico: L'astronave Chevrolet ha raggiunto il buco nero chiamato Turin: 156 anime, tre chiese, sembra uscito da The Gift o da Deliverance (girato da queste parti), e ti succhia via la voglia di vivere; gli abitanti devono essersi accorti che c'e' qualcosa che sta accadendo in un'altra Turin (benche' la tv parli sempre - bene! - di "Torino"), visto ... Leggi

Chiese in Georgia, USA

Chiese a destra, chiese a sinistra, chiese ovunque

Atlanta

Sono costretto a menzionare la religione (crisi mistica in arrivo, probabilmente). Nel weekend abbiamo noleggiato un'auto (una "piccola" Chevrolet, 2200cc e 145 HP), e siamo andati in giro a ovest e sud-ovest di Atlanta, con l'obiettivo di visitare Turin, un piccolo villaggio in quell'area. Beh, a parte Turin (un buco con 156 anime,... Leggi

L'America in coda, il resto del mondo davanti

Non importa se ti svegli presto, sarai sempre tra gli ultimi del pianeta ad alzarsi

Stati Uniti

Una domanda per chi, come me, vive negli USA: non avete mai la sensazione che, al momento in cui ci alziamo e andiamo in ufficio, il resto del mondo abbia gia' vissuto la giornata e che noi - e gli statunitensi, e i canadesi - si sia in ritardo sul resto del pianeta? Un amico in Australia apre la giornata mandandoci un'email, la famiglia in Italia segue qualche ora dopo, gli amici conosciuti in Inghilterra e Irlanda rispondono un'ora dopo, e poi, cinque ore dopo Londra, arriviamo noi negli USA. ... Leggi

Atlanta - A caccia del Social Security Number

L'acquario, San Patrizio, e comunicare con impiegati ipoudenti

Stati Uniti

Sono appena stato in centro Atlanta, nello stesso edificio federale che visitai la settimana scorsa per ottenere il mio Social Security Number. Intanto, una parola per l'impiegata allo sportello: la settimana scorsa scrissi che non sembrava molto sveglia e che era difficile comunicare con lei, ora le chiedo scusa a distanza: stavolta ho notato la maglietta 'Deaf Cruises' che indossava, che credo stia ad indicare che l'impiegata lavora qui probabilmente con un "job placement" per persone con prob... Leggi

Note varie dopo pochi giorni ad Atlanta

Problemi idraulici, connessioni Internet lente, e la qualita' della vita scende

Atlanta

Riflettevo ieri (e altre migliaia di volte in passato) sul fatto che, a differenza di quel che succede a molti altri italiani, ad ogni trasferimento all'estero la mia qualita' della vita scende di uno o piu' gradini. Trasferendomi in Inghilterra ho vissuto due anni in una casa condivisa con altri, e in cinque anni non sono riuscito ad avere un bagno col miscelatore dell'acqua. Pareti verniciate bene e di fresco? Le avevo ora, e me ne sono andato. Coll'arrivo negli USA sto facendo a meno dell'aut... Leggi