Il naso torinese

Riconoscere l'origine di qualcuno non sempre è facile
04/03/2020 | Autore: Claudio @ VL | 0 commenti

Viaggiando si incontrano persone provenienti da molti posti differenti, di tanti gruppi etnici e nazionalità diverse. Col tempo mi sono illuso di saper riconoscere la nazionalità delle persone che incontro prima ancora che aprano bocca, prima di sapere il loro nome, o di vedere se la loro auto ha una targa straniera. La realtà mi ricorda spesso che non ho questa capacita'; in alcune occasioni mi capita di incontrare altre persone con questa illusione o pretesa, e a volte c'è di che ridere.

Una volta, non ricordo se ero in Italia o all'estero, un mio interlocutore italiano mi chiese di dove fossi. Risposi che venivo da Torino, e lui commento' "lo sapevo, hai il naso come tutti i torinesi che conosco!". Non ricordo la mia reazione: forse abbozzai, oppure mi misi le mani nei capelli.

Cosa c'è di sbagliato, o quanto meno opinabile, nell'affermazione del mio interlocutore?

Sono "torinese" (anzi, settimese) per nascita e cultura, e ho vissuto nello stesso Comune (nella stessa casa) per oltre trent'anni. Ma il mio DNA non e' torinese, non e' piemontese, non e' neppure di una sola regione: mamma e papa' non hanno sangue piemontese, e sono di due regioni differenti. Se il "naso da torinese" viene trasmesso col DNA, allora il mio naso non ha giustificazioni: sta abusivamente somigliando ad un naso geneticamente torinese.

Se invece questa e' una caratteristica che si acquisisce vivendo vicino alla capitale subalpina allora OK, il mio naso ha questa forma e queste dimensioni per quel motivo. Ma a questo punto ogni non-torinese che si trasferisse a Torino si ritroverebbe a veder il proprio naso cambiare per avvicinarsi, col tempo, all'ideale platonico della nasotorinesita'. Mi immagino una versione alternativa di Uno, nessuno e centomila: la moglie di Vitangelo Mostarda gli dice che ha un naso leggermente torinese, lui si stupisce, pensava di avere un naso completamente siciliano. Forse il signor Mostarda passo' un weekend a Torino e il suo naso muto'.

Nasi (autore Paul Topinard, immagine di pubblico dominio, fonte: Wikipedia)Il paradosso dell'idea del "naso torinese" (ma anche del vicino "naso cuneese" o del più remoto "naso polacco") e' che si basa sul presupposto che ogni individuo nasca in una località da genitori nati li', e viva tutta la sua vita nello stesso posto. L'idea di un naso torinese/cuneese/polacco/provenzale/bavarese smette di avere senso nel momento in cui si considerano i flussi migratori attuali, o quelli del dopoguerra, o quelli che nei secoli passati hanno portato tanti piemontesi a spostarsi verso i grandi centri urbani. L'idea di un "naso torinese" perde significato nel momento in cui l'affermazione "io sono di Torino" si scinde ed acquisisce tre possibili significati alternativi: 1) sono nato a Torino, oppure 2) provengo da una famiglia torinese, o 3) sono nato a Torino e provengo da una famiglia torinese.

Sarebbe come dire che il colore degli occhi, dei capelli, della pelle e' influenzato dal luogo in cui nasciamo, anziché dai nostri genitori e antenati. Seguendo questo modo di pensare si arriva a cassi assurdi: la famiglia Rossi, italiana, entrambi con capelli scuri, si trasferisce da Bergamo a Nairobi e concepisce un primo figlio, che nasce con la pelle scura. La famiglia si trasferisce poi in Groenlandia e concepisce un secondo figlio, che nasce (e cresce) con i capelli biondi e con la pelle pallida. Oppure una famiglia di colore si trasferisce a Milano e ha un primo figlio bianco, poi si trasferisce a Shanghai e ha un secondo figlio, questa volta con gli "occhi a mandorla".

Spero di avervi presentato la scoperta dell'acqua calda, ma non si sa mai.



Argomenti: antropologia spicciola
Segui i commenti tramite RSS


Potrebbero interessarti...

Saigon: yesterday I had a dog
Il portafoglio sul tavolo e l'onestà dei singaporiani
Italiani in vacanza in Grecia, estate 2019
Sapresti riconoscere la nazionalità di queste persone?
Attività di gruppo non programmate in un'azienda inglese

Precedente
Ryanair, usare il volo di ritorno senza imbarcarsi su quello d'andata
Successivo
Un martedì qualsiasi al tempo del coronavirus


Commenti (0)

Non ci sono ancora commenti.

Domanda di verifica

Rispondi alla domanda seguente usando una sola parola, nessun numero.
Due al cubo uguale...


Codici consentiti

Avvisi dagli amministratori

03/03/2020: La nostra quieta newsletter
Gli utenti registrati possono abbonarsi alla nostra newsletter per ricevere ogni settimana gli aggiornamenti del sito.